Strage mancata. Ma per i buonisti non è terrorismo

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 21 marzo 2019.

00:00 Poteva essere una strage. Un autista di origine senegalese prova ad ammazzare 51 bambini. La verità è dura e scomoda: nonostante avesse un lavoro, questo pazzo ce l’aveva con gli italiani. Ma i buonisti evitano di parlare di terrorismo. Repubblica inizia il suo commento citando il caso del suprematista. Come a dire: “pari e patta”…

03:00 Caso Diciotti, Salvini si commuove ed evita un ingiusto processo grazie anche al vecchio centrodestra.

04:05 Nel giorno in cui salvano Salvini, i grillini espellono De Vito. Occhio ai titoloni e alle condanne. Ci sarà del malaffare, ma leggendo le carte dell’inchiesta non mi sembra che le prove siano così evidenti.

09:48 Lastoria di Luxottica raccontata da Del Vecchio al Figaro.

10:58 La mediazione democristiana per salvare Orban nel partito popolare. Allora non è un novello Hitler…

Condividi questo articolo

22 Commenti

Scrivi un commento
  1. TRANQUILLI COMPAGNI, TANTO POI DIAMO LA COLPA A SALVINI

    danno fuoco agli autobus con 50 bambini dentro? stuprano e fanno a pezzi le ragazzine? complottano attentati? rubano, spacciano, ammazzano, molestano, aggrediscono, occupano le case? è colpa di salvini! perchè, come è noto, è lui che queste canaglie le ha fatte entrare illegalmente in italia, è lui che scende in piazza per i loro diritti (e mai per i loro doveri) attraendone sempre di più, è lui che li assolve in tribunale, è lui che li tira fuori di galera 5 minuti dopo il crimine, è lui che li mantiene coi soldi dei contribuenti per non fare un ***** tutto il giorno, è lui che con la scusa della solidarietà fa fare affari alla mafia dell’accoglienza sua complice per poi fregarsene della loro sorte lasciando che vaghino senza meta per le nostre città a fare quello che vediamo..capito la logica?la colpa non è di chi ha voluto e favorito tutto questo, cioè loro, ma di chi vi si oppone! e perchè? perchè fomenta l’odio!! uno solo perchè cerca di porre un freno a questa follia facendo come farebbe un buon padre di famiglia che difende casa sua e la sua famiglia da balordi e molestatori di moglie e figlia, è poi responsabile delle loro malefatte perchè questa opposizione sarebbe un fomentare l’odio.in realtà questi infami fanno queste cose proprio perchè consapevoli dell’impunità che la nefasta stramaledetta cultura di sinistra gli garantisce da sempre,altro che fomentare odio. è sconfortante vedere come la calunnia, la menzogna,la mistificazione e il sistematico ribaltamento della realtà dopo 80 continui ad essere il marchio di fabbrica di questa gente, alla faccia delle fasulle svolte socialdemocratiche che fanno finta di fare da 30 anni. il loro modello di fomentamento dell’amore invece sono le scritte sui muri di mezza italia che incitano a sparare, ammazzare e torturare salvini, la sua famiglia e chi lo vota, deliri dai quali queste merde non mi risulta abbiano mai preso le distanze, che armano la mano di quei bastardi delinquenti ben più di qualsiasi dl sicurezza.
    il loro vergognoso autoassolvimento, parafrasando wanna marchi si potrebbe interpretare così: “che colpa ne ho io se ho venduto lo ius soli e il multiculturalismo a qualche milione di imbecilli e ci hanno pure creduto??”
    ma grazie a dio vanna marchi alla fine è finita in galera,non fa più danni e alle sue balle ci crede sempre meno gente. non vi ricorda qualcosa del genere successo a partire dal 4 marzo???

  2. LA SINISTRA HA RAGIONE.
    Solo chi è in malafede non può vedere che la sinistra ha ragione. Vi siete mai chiesti perché questo senegalesa ha fatto cio che ha fatto?? Si certo, aveva ottenuto la cittadinanza italiana e aveva sposato una italiana con cui ha fatto due figli e aveva un lavoro e voi pensate che ciò possa bastare?? Lui voleva e vuole di più. Se solo noi lo avessimo eletto primo ministro al posto Conte o fatto Prsidente della Repubblica al posto di Mattarella e gli avessimo consegnato il potere assoluto saremmo stati tranquilli e non sarebbe successo nulla. Quindi la colpa è solo nostra e fa bene la sinistra a lottare per i diritti di questi deleritti che aspirano solo a fare dell’Italia un loro feudo da dominare. Si ci sarebbe qualche controindicazione ma la PCE sarebbe assicurate e, soplrattutto LA GIUSTIZIA trionferebbe.
    PS. non riesco a correggere gli errori di scrittura. Scusate.

  3. Gentile e stimato dr. Porro, ho quasi sempre condiviso tutto quanto da lei affermato nelle varie rubriche giornaliere, ma non posso certo condividere quanto da lei affermato oggi a proposito di Salvini, che giustamente il parlamento ha deciso di non essere d’accordo (e dovrebbe non esserlo per ogni membro dello stesso, benché inquisito, almeno fino a fine legislatura, se veramente si vuole salvare la democrazia) a fargli subire un processo. Sappiamo bene con quali giudici e giudizi e con quali pretestuosi reati addotti, che avrebbero comunque finito per infangare, se non condannare, visto l'”azzeccagarbuglismo” imperante da sempre nelle varie aule di giustizia, da decenni ed ancor più e per motivi politici da qualche tempo (per esempio, vedasi la storia giudiziaria di Berlusconi per farsene un’idea) il nostro ministro dell’interno e contribuito, questo è stato ed è lo scopo precipuo di sempre degli antidemocratici Pd e di tutta la varia sinistra per fortuna oggi all’opposizione (sperando che lì rimangano per sempre), a far cadere il nostro governo giallo-verde appena insediato. Quindi non avendo Salvini spasimato tanto per farsi sottoporre al pregiudizio di una giustizia politicizzata, di cui io non mi fiderei neanche per una semplice diatriba tra amici, secondo Porro dunque e per questo solo fatto non può Salvini dirsi innocente perché non c’è stato processo. Bella filosofia la sua che porta acqua solo ed esclusivamente al mulino dei nemici forcaioli antitaliani sempre pronti a far impiccare un avversario e nemico politico colpevole e soprattutto non colpevole di cui non vedono l’ora di sbarazarsene con ogni mezzo per avere la strada libera da ogni ostacolo al raggiungimento del potere. Questo era un giudizio che a mio modesto parere non doveva assolutamente essere richiesto, ancorché per rispetto della volontà popolare.

  4. Spero di non avere mai un contenzioso con g.erman, Ivano e Paolo Cignetto, non ho mai visto tanta rabbia concentrata in delle persone! Porro conosce la storia, spero che scriva un reportage su cosa è stato il nazifascismo, visto che si moltiplicano i casi di amnesia in questo paese pervaso dall’odio.
    Grazie

  5. Porro sei uno dei pochissimi giornalisti Italiani senza prgiudizi e con le idee chiare. Sei una boccata di aria fresca in mezzo al miasma di imbecillità di tutti i programmi di attualità politica che hanno invaso i canali TV Italiani. Ti parlo da gli Stati Uniti dove il cancro del buonismo e del miopismo analitico hanno invaso i media Americani. Ti guardo tutti i giorni. Grazie del tuo contributo alla sanità mentale. Keep up the good work.

  6. Il punto è uno solo, secondo me molto semplice:si tratta del rapporto maggioranza/minoranza!
    Al momento in cui l’Italia fosse invasa da stranieri che oltretutto hanno un tasso di riproduzione molto superiore al nostro, il gioco sarebbe fatto: loro al governo con le loro “leggi” e le loro “usanze” voterebbero per i loro rappresentanti e a noi non rimarrebbe che subire!! L’Italia non sarebbe più il nostro paese ma un paese di conquista con l’invasore che detta legge…dell’Italia rimarrebbe solo il nome! Ho scritto tutto al condizionale/congiuntivo sperando con tutto il cuore di avere torto!

    • Esattamente.
      Per questo le cose vanno fermate prima.
      Negli Usa sono ormai vicinissimi allo scenario che ipotizza, ed hanno già dichiarato palesemente di aspettare che un po’ di bianchi muoiano, per prendere definitivamente il potere.
      Gli sviluppi sono imprevedibili ed inquietanti.

      • mi sa che con la matematica avete il divieto d’ incontro…lolol..leggetevi i numeri dellre varie etnie nazionali…prima di fasciarvi la testa

        • Io con la matematica sono sempre andato molto d’accordo.
          Vuole una lezioncina sulle dinamiche demografiche, americane ed europee?
          Intanto le consiglio l’interessante intervista, uscita un paio di mesi fa, a Neill Ferguson.
          Le dinamiche di lungo termine sono importanti, più di quelle di breve solitamente.
          C’è chi le comprende, e chi no.
          La sinistra non le comprende mai. Non ha compreso i disastri economici di lungo termine delle sue teorie.
          Non ha compreso le dinamiche di lungo termine dell’irresponsabilità sessantottina, dalle pensioni regalate al mercato del lavoro, dal deficit al debito.
          Arrivano dopo, e pretendono di fare la lezioncina.
          Oggi la lezioncina gliela facciamo noi, senza il senno di poi, prima che distruggano tutto per l’ennesima volta.

  7. Fortuna che è finito tutto bene, ma vorrei vedere se questi buonisti avessero avuto sul bus i loro figli se ragionerebbero ugualmente cosi
    Ma è possibile che nessun extracomunitario abbia mai derubato, picchiato o violentato qualcuno di questi sinistri ?
    Se lo meriterebbero

    • Attenzione che la nostra magistratura democratica, in nome del principio costituzionale della libertà di espressione, potrebbe non gradire il suo pensiero.
      La psicopolizia è già all’opera.

    • beh ..io per decenza…NON DICO QUELLO CHE MERITERESTI TU..magari da parte di qualche balfo giovane di qualche mafietta locale …. ma sarebbe sempre troppo poco per individui della vostra specie…frustrati ..malvagi…cattivi e sopratutto…ignoranti…

  8. certo che non lo e’—solo i minus habrns intellettuali possono confobdere l’atto pazzesco di una persona ormai malata mentalmente con un atto terroristiico…poi se volete chiamare terrorismo tutti i reati commessi da stranieri…nne avete il diritto…poi pero’ no0n lamentatevi se vi chiamano razzisti…PS a proposito..il ragazzino che ha evitato la strage e’ egiziano..magari ora sara’ terrorista pure lui

    • Chi è terrorista è sempre disturbato mentalmente. Come sconclusionato mi sembra il suo commento.
      Del ragazzino che ha evitato la strage, non sappiamo ancora niente. Cosa centra col terrorismo?

      • centra dato che a leggere certi commenti….tutti gli stranieri sono terroristi e non integrabili..ecco quel ragazzino egiziano e musulmano..e si sa gia’ tutto di lui..non meniamo il can per l«aia…ha evitato una strage…

  9. Certo che no, hanno ragione i buonisti, è stata una benedizione del cielo e ora sperano addirittura che capiti anche a loro perché le benedizioni fanno sempre bene. Però ho l’impressione che quando capiterà a loro davvero, saranno molti meno a dire che non è terrorismo. Intanto se fosse per i buonisti quel tizio andrebbe capito, giustificato, perdonato; se fosse per me quel tizio andrebbe impiccato.

  10. Comunque nn si sta cogliendo il punto dirimente della triste storia,che spero porti il sequestratore nelle patrie galere fino alla fine dei suoi giorni,tanti o pochi che siano.
    Il punto,dicevo.
    I ragazzi che fino a ieri chiamavate “gretini”,si sono dimostrati “palle muniti” davanti al pericolo.
    Credo che il nostro futuro,anche se compirà azioni che noi anziani nello Spirito,riteniamo ad alto impatto sul nostro status quo e,come dei farisei cerchiamo di “conformarli” alla nostra miope visione.
    Diamogli credito a questa nuova leva che soltanto noi,i veri cretini,vorremmo sotto la campana di vetro del declino.

    • Fortunatamente non tutti i ragazzi sono “gretini”. E comunque i contesti sono diversi: questo é seŕio ed ha rischiato di essere tragico, l’altro, più che serio, é ludico (chi non farebbe sega a scuola, fosse anche per difendere le tartarughe delle Galapagos). Ahimè! Vizio “sinistro” mischiare le mele (i ragazzini del.bus) con le rape (i “gretini” ingenui o quantomeno poco acuti seguaci dell’ ecocretinismo ideologico).

      • Ma cambia il nastro al registratore,Valter!
        Sei tu che nn distingui una mela da una pera.
        Cosa c’entra “contesto ludico” o “tragico”.
        Io sto parlando di una generazione e qualcuno dei ragazzi scampati alla tragedia magari era anche tra i “gretini”.
        Ragioni come l’automobilista che odia i ciclisti e quando è ciclista odia gli automobilisti.
        Questo “teatrino delle parti” in cui conta soltanto l’attimo(ne passato,ne futuro),nn permette nessun approfondimento e si riversa in toto sulla parte più debole della società.
        L’unica differenza che si sta apportando in favore degli “itagliani” è uno sdoganamento dei loro vizi resi “socialmente accettabili” previa intolleranza verso lo straniero(povero)a mo di capro espiatorio.
        Nn stiamo parlando di un terrorista schedato che guidava un autobus rubato.
        Si sta parlando di una retorica securitaria che si scontra con una realtà dove uno con dei precedenti di abuso su minori e patente ritirata per ebrezza,portava un mezzo pubblico regolarmente assunto e con i datori di lavoro all’oscuro di un tal passato.
        Mi sa che se si dovesse dare atto ad una azione,invece che ingrossare il petto nell’attimo fuggente,e si facesse un controllo a tappetto di chi viaggia sulle strade si avrebbe una diminuzione drastica del traffico!
        Per restare in ambito italiano,ci si potrebbe ricordare della vicenda Schettino dove il famigerato “inchino” era prassi consolidata e da tutti conosciuta…ma tollerata…fino alla tragedia…
        Oppure il pilota tedesco che,per pene d’amore,precipitò con il suo aereo di linea carico di nn mi ricordò più,quante persone.
        Tantissime comunque.
        Cosa si potrebbe trarre di positivo da codesta fallita tragedia?
        Vogliamo dare la colpa al “negro” in quanto tale,oppure facciamo seguito ai controlli a tappetto?
        Scomettiamo,che dopo il rinforzare la retorica dell’invasore,nn si darà atto a nessun giro di vite super partes,senza discriminanti ma atto alla nostra sicurezza?
        Sarebbe troppo “oneroso” dal lato dei consensi politici.

    • > I ragazzi che fino a ieri chiamavate “gretini”,si sono dimostrati “palle muniti” davanti al pericolo.

      n=2. Che cosa ci dice dal punto di vista statistico, da un lato o dall’altro? Nulla.

      • Come,statisticamente,dare dei “gretini-cretini” alle decine di migliaia di ragazzi italiani che hanno sfilato(con il resto del Mondo)per il global strike for future,nn ha rilevanza.
        Comunque il mio pensiero esulava dal semplice “conteggio” delle teste.
        Come fossilizzare il movimento dei nostri giovani,ad un mero esercizio di “cervelli all’ammasso” che denotante una visione alquanto negletta di molti della mia generazione(includo chiunque vada dai 40 anni in su)sui propi eredi.
        Oggi,per esempio,a scuola di mio figlio ci sarà un workshop svolto su tutta la giornata (interagendo con le varie materie)incentrato sull’economia circolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *