in

Tutti contro il Congresso delle famiglie

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 29 marzo 2019.

00:00 Parliamoci chiaro: affidare la presidenza della commissione banche a Gianluigi Paragone non è la scelta migliore. Ha ragione Mattarella.

01:48 Congresso della famiglia di Verona, sembra che si riuniscano dei delinquenti. Tutti contro la famiglia tradizionale. Maffettone ne fa una caricatura di uomini che considerano i preservativi figli di Satana, Gramellini fa battute sui gay adulteri. Per fortuna che Manti sul giornale rimette le cose in ordine. La vignetta della Verità meglio di 1000 editoriali…

04:50 La foto di Pd e Forza Italia che occupano i banchi del governo è ridicola. Protestano per le tasse alte? Per le pensioni? Per la liberalizzazione del mercato il lavoro? Per le privatizzazioni? Per l’aumento della produttività? No per il revenge porno…

07:00 Legittima difesa, leggi l’Avvenire e capisci come la pensano quelli del pensiero politicamente corretto. Molto più serio Il Foglio di Cerasa che ci ricorda quanti pochi siano i procedimenti di legittima difesa negli ultimi anni.

08:35 In Italia ci sono 13 milioni di persone che non pagano le tasse perché sono sotto 8100 € di nota AXA area.

09:50 Travaglio su crisi Cinque Stelle e il consiglio Minzolini di tornare al voto.

10:25 Oscurantismo turco:  Erdogan stabilisce che Santa Sofia torni una moschea.

11:10 Oscurantismo Cinque Stelle: in una circoscrizione di Roma no alle antennine 5G.

Condividi questo articolo
  • 819
    Shares

46 Commenti

Scrivi un commento
  1. Vorrei far sapere a quell’ignorante che ha ideato quel manifesto, che la quasi totalità della popolazione mondiale, tranne alcune zone centrali dell’Africa, da studi scientifici sulle origini dell’uomo, ha nel proprio corredo genetico, il 5% del DNA dell’uomo di Neanderthal.

  2. Sig.Giacomo mi scusi ma che cosa distruggono 2 uomini che si amano e vedeno riconosciuti i propri diritti? La famiglia tradizionale c’è sempre, al massimo si sono aggiunti altri diritti ad altre persone. Nessuno ha distrutto, nessuno ha tolto, qui si tratta di dare. Quando si è dato il diritto di voto alle donne per caso lo so è tolto agli uomini? Quando dite che uno in casa propria ha diritto di fare quelli che vuole non è altro che confermare che l’unione civile è giusta. Cosa vi cambia se il comune di residenza fa firmare alcuni documenti che garantiscono i diritti primari a questi esseri umani? Entrano per caso in casa sua a rubare qualcosa?

    • Come ho già scritto, quella che è in atto è un’offensiva a tutto ciò che è buon senso e l’amore c’entra veramente poco, ma mi si dovrà perdonare se non aggiungo altri dettagli, perché, come si sa, almeno su certi temi non esiste la libertà di parola.
      Si è equiparato il matrimonio ad un contratto ed i figli ad una merce che si può comprare e per la quale esiste anche il diritto di recesso. Il congresso è per le persone che hanno il coraggio di alzare la voce per tentare di evitare che si seppellisca la società sotto il peso di essa stessa. No, non divagherò parlando del voto delle donne o altri temi.

      • Le auguro di farcela a vivere nel 2019. Si chieda però ogni tanto come fanno le persone meno fortunate di lei a sopravvivere a tanti ostacoli, non abbia così tanta paura degli altri e vedrà che si sentirà meglio. Buona domenica

    • @Sandra: la sua ricostruzione non è corretta, nel momento in cui per “diritti” si intendono prestazioni economiche, dirette od indirette, imposte ai contribuenti.
      Fare quello che si vuole in casa propria è sacrosanto.
      Non lo è, però, godere di pensioni di reversibilità e “diritti” – economici e non – maggiori rispetto ai single.
      Vantaggi che sono riservati alle famiglie per la loro utilità sociale, che è certamente minore in altri casi.
      Non parliamo poi dell’imporre a bambini e minori, tramite vari sistemi, di dover crescere senza un padre ed una madre, come è naturale che sia.

      Il problema è che non conoscete la libertà, ed anche in questo caso lo dimostrate, non sapendo distinguere una sacrosanta libertà negativa da libertà, che, al contrario, implicano prestazioni coattivamente ad altri soggetti.

      Esclusivamente per puntualizzazione logica (e non per assumere una posizione contraria alla situazione attuale): dare il diritto di voto anche alle donne ha certamente privato di potere gli uomini. Quindi certo: “dare” a volte significa proprio “togliere” ad altri. E’ una ovvietà che sta negando, e preciso la questione solo per mostrare come ragionate in modo illogico, errato, al di là di ogni valutazione di altro tipo, che poggia quindi su errori veri e propri.

      • Mi scusi Davide, mi spiego meglio. Sono profondamente contraria all’utero in affitto (fatto abominevole) sono contraria alla reversibilità della pensione (anche agli etero, andrebbe data solo in casi particolari). Credo solo che 2 adulti debbano avere gli stessi diritti e non tolgono nulla a nessuno. La famiglia si può creare strada facendo e si trasforma come meno ci aspettiamo…, vedovi che si risposano con figli appresso, separati che si rifanno una vita (diventando a volte anche omosessuali) figli che passano da una prima famiglia violenta a una seconda finalmente amorevole acquisendo nuovi fratelli e sorelle (il mio caso). Io la trovo soltanto una cosa naturale e che può succedere a tutti. Negare la libertà a gli altri mi sembra pazzesco.

        • Mi perdoni, ma quali sarebbero le libertà “negate”?
          Nel momento in cui ciascuno è libero di vivere con chi vuole, e fare nel privato quello che vuole – come è giusto che sia – di cosa parliamo?
          Il punto è che non basta la libertà, sacrosanta, nel privato.
          Si vuole un riconoscimento pubblico.
          Ed è qui che non sono d’accordo.
          Ripeto la domanda per chiarezza: quali sono i diritti “negati” (intesi come libertà di vivere come si preferisce) che non siano riconoscimento pubblico da parte di altri, cui sono imposti obblighi?
          La pensione di reversibilità si abolisce nel momento in cui si pensa che il ruolo di madre casalinga non esista più.
          E lo si dice oggi a chi ha 18 anni, per il futuro, ovviamente.

          • Lei quindi vorrebbe disporre liberamente dei contributi onestamente pagati da questi cittadini come meglio crede? Vorrebbe anche disporre delle loro proprietà private e della loro assistenza in caso di malattia? Se non ho risposto alla domanda cos’é libertà e diritto le consiglio di informarsi meglio. Se vuole

          • Suvvia Sandra, una domanda così semplice e non è in grado di rispondere?
            Io allora voglio fare la reversibilità della pensione, l’assistenza sanitaria e niente imposte di successione con mio cugino.
            Mi spieghi perchè non posso. Perchè non andiamo a letto assieme?

  3. Salve, oltre ad essere d’accordo con Sandra vorrei che si facesse una riflessione sull’aborto: nessuna donna si diverte ad abortire. Anzi è un dolore e un senso di colpa senza fine.
    Inoltre perché chi subisce uno stupro o un incesto non può abortire se lo vuole? Una simile violenza non si può considerare certo un dono divino..
    Per ridurre gli aborti ci vuole informazione, non bigottismo.Perché non si rendono obbligatori per i ragazzi i corsi preparto per apprendere la genitorialità che è materia di vita oltre che a dei corsi di sessualità responsabile? Eliminare la 194 vuol dire dimenticare che in Italia grazie a questa legge sono nati anche i consultori dove molte donne hanno scelto di portare la gravidanza avanti. Prima della legge 194 gli aborti erano clandestini ed erano gli stessi parenti della donna incinta a farla “operare” da certi macellai..chi aveva i soldi faceva abortire la figlia in comode cliniche.

    • Le più comprensibili eccezioni sono usate come pretesto per stabilire un “diritto” di aborto “libero”, l’ho accennato pure nel mio messaggio precedente.
      Quando, come oggi, l’amoralità è dilagante, corsi obbligatori su certi temi possono essere addirittura controproducenti, soprattutto se si ha sempre in bocca termini come “bigottismo”; si veda il caso del Brasile.

    • “[l’aborto] Anzi è un dolore e un senso di colpa senza fine.”

      Pensi un po’ che, per l’abortito, è la fine della vita…!!
      Forse che, da carnefice, vorrebbe far passare per vittima l’assassina?
      Chi ha subito uno stupro o un incesto, invece di abortire (uccidere un nascituro) può -semplicemente- lasciarlo, in forma anonima, all’ospedale dove è nato. È in questi casi che deve intervenire lo Stato, aiutando la donna -in tutti i modi- durante la gravidanza non desiderata: non ammazzando l’incolpevole.
      Ci pensava la “signora” Emma Bonino ad aiutare all’assassinio le donne: bastava una pompa di bicicletta ed un barattolo di vetro per infilarci dentro il feto aspirato…

    • …. perché l’aborto è uccisione di un essere umano. Dalla scoperta de DNA lo sappiamo benissimo: il “feto” è un cucciolo d’uomo, non di orango. A questo “feto” viene inciso il cranio, viene fatto a pezzettini, ricomposto per vedere se ne manchi un pezzo. Gli abortisti si ribellano ai manifesti con la foto di un feto: come mai perché, loro che hanno tanto a cuore la verità?
      E intanto gli aborti legali hanno raggiunto i sei milioni: il numero della Shoà…

  4. Ma perché non si riescono ad accettare i cambiamenti sociologici con serenità….un tempo ci si sposava per uscire di casa e trovare un tetto..tipo a 18/19 anni. Un tempo esistevano i matrimoni combinati….ci si sposava senza essersi ancora scambiati un bacio. Oggi ci sono molti divorziati e famiglie ricreate su nuovi percorsi personali, ci sono finalmente anche unioni civili per gli omosessuali. Ma ciò non toglie che se uno preferisce il “canonico” mamma e papà con bambini nessuno glielo nega. Ma perchè siete angosciati dagli altri?

    • Questa sottospecie di relativismo è uno dei mali di questa epoca. No, i cambiamenti non “avvengono”: sono le persone che producono il cambiamento ed è compito degli uomini chiedersi cosa sia giusto e perché.
      Anche “angosciarsi” è giusto, perché se tieni a qualcosa t’angoscia vederla distrutta. Nessuno è angosciato da quel che fa la gente nel proprio privato, c’è gente che è angosciata dal veder ribaltato il buon senso nel nome del politicamente corretto o simili.

    • Evidentemente e’ stata distratta negli ultimi quindici giorni almeno. Gli unici angosciati siete voi che non avete fatto altro in questo lasso di tempo con ogni mezzo, nella maggior parte del tutto invento.

  5. salve Porro
    ieri sera l’ho vista nella trasmissione della Palombelli ( la conduttrice col torcicollo permanente).
    Che delusione!!
    Tutta la sera a lisciare il pelo ai 2 grullini che aveva di fianco,un continuo annuire alle cazzate che sparavano i 2 scappati di casa.
    Dopo mezzora di trasmissione ho cambiato canale sconcertato.
    Ho notato che nella “zuppa” li massacra (i grullini) ma quando se li trova di fronte è tutto culo e camicia.
    si riguardi la trasmissione.
    le assicuro che non ha fatto una bella figura!!

  6. caro nicola, cari tutti, sappiatelo: l’inquinamento elettromagnetico non esiste. è solo uno dei tanti straccetti politici da agitare per farsi notare

  7. Fantastici progressisti parlano di Medi Evo ( Divina Commedia Leonardo da Vinci?) di mentalità superate e…come tutti progressisti (e tecnologie) subito superati…oh ma famiglia tradizionale limitata maschi femmine…una noia…bene molto bene…noi gatti fantasia sviluppata esagerata perché no ipotizzare famigliola a tre maschio e due femmine feto portato 4 mesi e mezzo a testa DNA pirotecnico…e perché no due uomini e cammella così bebè doppia gobba sai che culo…scienza può tutto onniscienza…certo limitata da fantasia retrograda di…progressisti!!!
    https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  8. Non e il problema la famiglia, e che qui ne approfittano immediatamente a parlare di aborto:
    Congresso Verona, Gandolfini: “Bambino non è un vestito da eliminare. Sbagliato dare la libertà di ucciderlo” E nonostante referendum persi insistono questi 30% perdenti a chiedere che venga cancellata la 194, che invece e stata abilmente aggirata con i medici obiettori che invece di essere del 50% sono il 90%. E quindi il servizio che dovre fornire uno stato liberale. non funziona.

    • Quindi uno stato liberale può decidere di sopprimere la vita di un innocente che non ha chiesto di essere messo al mondo.. Ma quale diritto, è da da Tso… Se uno non vuole figli si prenda delle precauzioni, altrimenti si prende la responsabilità di portare avanti il “prodotto” del suo divertimento. Poi mi chiedo anche come la mettiamo con l’aborto di un “feto di sesso femminile” (altrimenti i/le sessantottini/e non capiscono), visto che si tratta tecnicamente di femminicidio, uno dei loro cavalli di battaglia… Come la mettiamo, eh? I compagni rossi ed i radicali ve l’hanno mai spiegato?? Oppure nonostante le ecografie dite ancora che è un grumo di sangue?? Miserabili.

    • Quanto da lei scritto è falso. Ora le scrivo le due dichiarazioni di Gandolfini:

      “Per quanto riguarda l’aborto – afferma -, io dico che c’è un diritto precedente a quello della libera scelta ed è il diritto del bambino di vivere. Il bambino non è una cosa che uno butta via, non è un vestito che uno elimina e non è un pezzo di carta che si butta nel cestino. Quella è una vita che è in atto e dare libertà di poter uccidere un bambino è un passo morale pesante”.

      “Non siamo contrari alla libera scelta- continua Gandolfini- ma è tale se vengono applicati anche i primi 5 articoli della legge che prevedono di rimuovere le cause economiche per la quale la donna sceglie l’aborto. Questi primi 5 articoli non sono mai stati da nessuno finanziati. Noi- spiega – diciamo che la legge 194 va applicata tutta. Voglio ricordare che dagli anni ’70 a oggi sono stati salvati 200mila bambini grazie ad associazioni finanziate con la beneficenza, mentre lo stato non ci ha messo un euro”.

      Da una sua risposta, che ritengo improbabile, o una non risposta scriverò se lei è solo disinformato o in malafede.

    • Oltre a quello che hanno scritto gli altri, anche la percentuale degli obiettori non è corretta ed il “problema” di poter abortire se ne si ha “voglia” non esiste proprio.

  9. Testuale, detto da Cuperlo questa mattina su LA7:”La famiglia tradizionale non è un prodotto naturale, ma è un prodotto culturale…” Vuoi vedere che alla luce di queste nuove scoperte scientifiche, noi romani invece di apostrofare qualcuno “ah fijo de’ ‘na mign…” dovremo dire “ah fijo de ‘ ‘na provetta!”

  10. Il Partito Democratico e Forza Italia alzano l’asticella dell’ipocrisia; d’altronde a sentire i rumorosi ed i benpensanti i temi importanti sono proprio quelli per i queli hanno occupato i banchi.
    Mi pare un po’ strano che ci siano 13 milioni di lavoratori (propriamente detti) che non pagano le tasse, immagino che siano 13 milioni le persone che non le pagano, ma siano quasi tutti disoccupati, anziani o simili.
    Non penso che a Salvini convenga il voto, sarebbe visto come un traditore e potrebbe compattare l’opposizione.
    Trovo la mossa di Erdogan totalmente legittima ed anzi la approvo, quale sarebbe il problema?

  11. Egr. Nicola , è da molto tempo che ho aggiunto in modo rigoroso alla mia dieta giornaliera la “zuppa di Porro” . Le confesso che è gradevole e salutare. Tutti i dietologi dovrebbero consigliarla.
    A volte partecipo con gli altri tifosi a darle consigli non richiesti. Per esempio quello di ieri in cui, assieme a tutti gli altri, ho chiesto di risparmiarci la presenza di vauro a quarta repubblica.
    Oggi sono a chiederle un favore. Può sostituire vauro con Federico Ramponi.?
    Consiglio tutti i suoi estimatori di cliccare su questo link: https://youtu.be/LROQteHRrik
    Poi andare su Amazon a cercare il libro di F.R. “la notte della sinistra” e leggere almeno la parte iniziale del libro che resa accessibile da Amazon. Le assicuro che questa non è pubblicità occulta. GRAZIE.

  12. Purtroppo al congresso della “famiglia” di questi giorni si parla solo di un tipo di famiglia, conservatrice, bigotta e claustrofobica.
    La famiglia ė un istituzione importante dell’umanitá e va’ protetta, soccorsa se è in difficoltà, tutelata dalle leggi e agevolata nelle sue priorità ( casa, lavoro, scuola, cure mediche).
    La famiglia c’è dove un bimbo é amato, aiutato a crescere sereno e seguito con attenzione e onestá.

    • Vanno a promuovere il male, insomma. Come si può pensare che ci sia qualcuno che salga su un palco a promuovere solo ciò che è male? Che ci siano anzi tante persone a salire su un palco a promuovere solo ciò che è male? Possibile che la gente ancora si faccia ingannare dalla vecchia, vecchissima e falsa narrazione dei nemici che sono infinitamente cattivi ed infinitamente stupidi?
      Non c’entra niente con questa replica, ma sono solo io che s’è scocciato di selezionare idranti, strisce pedonali e semafori per poter scrivere?

      • non sei solo tu. ti dirò di più. è l’anticamera dell’account disabilitato, che è il ban 2.0… non mi limito a non farti scrivere quello che non mi piace per un mese ma cancello tutto ciò che hai scritto con un colpo di spugna. i “moderatori” avanzano col passo dell’oca

    • La famiglia è una sola formata da una mamma e da un papà, mentre il resto è un tentativo malriuscito ed abominevole di imitarla. Se uno vuole essere gay e convive sono affari suoi, ma non può essere considerata un nucleo familiare, tentomeno affidargli dei figli con uteri in affitto ed altre amenità del genere. Inoltre è necessario ragionare sul fatto che l’aborto è un vile omicidio. Non ci vuole molto… Se qualcuno afferma il contrario o è in malafede oppure non ci arriva (comunque è sempre un omicida e va punito).

    • ma basta con ste allucinazioni. si parla della famiglia. punto. posto che altre convivenze, pur presenti, possibili e largamente accettate anche dai congressisti, non lo sono. e chi dice il contrario non è moderno, è un allucinato

  13. Sig. Porro le commissioni precedenti erano tutte colluse… vedi l’ultima commissione presieduta da casini, quindi Paragone fara’ un figurone .Non so se ha una idea di cosa serva in Italia per liberarla ” definitivamente “… un terzo degli italici sono conniventi col sistema , lo stesso sistema che ha demolito la nazione. Serve altro, qualcosa di definitivo. Andro’ a Verona … ma come convenuto nel bar stamattina … serve ben altro.. il resto e’ cazzeggiamento. Si rilegga la creazione dell’ Iri, diretta dal massone patriota Beneduce e sostenuta dal Mussolini. Anche allora i nemici esterni con quinte colonne fradice interne volevano uccidere la Patria. Il figlio del fabbro socialista non fece quello che era giusto fare.

  14. Comunque la si pensi è in atto un’azione politico-culturale per cambiare la società secondo canoni radicali. Quindi eliminare o quasi la famiglia, eliminare o quasi ogni limite morale, eliminare o quasi il credo cristiano, eliminare o quasi ogni limite di buon senso relativamente al sesso. Il modo in cui si sta attaccando questo congresso è antidemocratico per usare un eufemismo.

  15. L’altra sera a “non è la d’urzo” a difendere la famiglia c’era una povera popolana contr una masnada di marpioni frocettari tuttia difendere l’ammore, poichè l’ammore è l’ammore e basterebbe l’ammore per fare famiglia. Premesso che quello che fa e come lo fa la gente a letto non trovo interesse, anzi, mi darebbe finanche fastidio eventualmente saperlo ma da quando allo Stato interesserebbe sapere se due che si sposano si amano oppure no. Tra gli obblighi coniugali non c’è l’ammore; ci sono tante cose ma non l’ammore. Allo Stato interessa altro ed allora, del tuo ammore che ce ne frega, a livello di Stato, dico. Nulla. L’attacco è alla famiglia, il modello è quello sapientemente illustrato da Paolo Rumor. La società aperta, quella dell’avvenire, la comunicazionale, avrà una Costituzione superba. Ogni individuo à diritto ad esistere previo il benessere collettivo. Come dire, se servi vivi se non ci servi ti facciamo biscottino visto che si mengerebbe soltanto cibo sintetico essendo l’individuo di pari valore con le bestie e le piante. Chiaro come la famiglia, quella vera, sia di ostacolo. I sentimenti, i legami, davanti al benessere collettivo a che cosa potrebbero mai servire. Meglio automi, allora, meticci, sessualmente multitasking, indefiniti, …, tanto da creare quel mare di schiavi a servizio degli dei prossimi a venire. Chi sarebbero gli dei?

  16. Ai pervertiti ed agli assassini abortisti da fastidio la famiglia… Il vento sta cambiando, fatevene una ragione… Oppure emigrate: ne guadagneremo sotto tutti i punti di vista. Nel frattempo consumatevi di rabbia sfigat*.

    • Infatti abbiamo molta paura di questo ritorno dei nostalgici del ventennio! Bisogna fargli capire che chi non la pensa come loro ha diritto di esistere e vivere come meglio crede! Nei Brunei stanno approvando una serie di leggi che la possono accontentare! Vada a vivere li, ci starà benissimo! Buona giornata!

      • Ci vada lei.
        Aborto= omicidio… Dai è facile ci provi anche lei…
        Il ventennio non centra nulla: brutta patologia la taratura rossa, eh?

        • rispondo qui perchè wp dopo un certo numero di commenti non fa più rispondere.
          in italia ci sono delle leggi, io le rispetto (anche se alcune non le condivido). la Costituzione difende i diritti di tutti. Se non siete d’accordo con la legge sull’aborto impegnatevi a cambiarla, se invece non vi piacciono gli omossesuali non potete farci niente, se non vi piacciono i comunisti non potete farci niente.
          sono pochi giorni che leggo le notizie sul sito di Porro, non condivido quasi nulla, ma non per questo odio Porro o gli altri giornalisti che scrivono su queste pagine.
          non ho mai offeso nessuno dei partecipanti al forum, ho sempre salutato e ringraziato anche quando qualche utente ha scritto che sono un ‘minus habens’.
          il commento sopra al mio è un ossimoro(contraddizione in termini). buona serata e provate a odiare meno! vivrete meglio!
          PS..ringrazio anche Mikepz(un vero mago della comunicazione) per il suo
          commento.

        • La violenza con cui vi scagliate su chi non la pensa come voi è da ventennio o se preferite essere internazionali da settantennio come nella Russia di Stalin!
          In ogni caso esistono leggi a tutela delle persone! Cambiatele e a quel punto andrò via! Ma se fate i conti perderete sempre a un eventuale referendum! Grazie

          • Piangersi addosso per far passare gli altri per cattivi? No Lei per primo mi ha dato indirettamente dell’assassino, tirando in ballo il trattamento nel Brunei degli omosessuali , quando nel mio discorso non li ho nemmeno menzionati… La violenza sta nel sopprimere la vita di un innocente nel grembo materno. Il resto sono m*nchiate di chi non ha argomenti sensati su cui ribattere. Saluti

          • E basta parlare a caso del Ventennio… che poi sono quelli contro il congresso per la famiglia ad essersi scagliati, mica il contrario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.