in

Appello a Lega e Forza Italia: è ora di sfiduciare Speranza

Dimensioni testo

di Paolo Becchi e Giuseppe Palma

Come si fa a morire a 18 anni dopo aver fatto un vaccino che avrebbe dovuto invece farci ritornare a vivere? È la storia di Camilla Canepa di Sestri Levante. La ragazza si era fatta vaccinare il 25 maggio con AstraZeneca (Vaxzevria). “Più vaccinati e più liberi” campeggia sul Palazzo della Regione Liguria nella piazza più importante di Genova. Il 5 giugno si era reso necessario il ricovero presso il San Martino di Genova, dove veniva sottoposta a due operazioni chirurgiche, tra cui quella di rimozione del trombo. La sera del 10 giugno la ragazza purtroppo è morta. La Procura di Genova aveva aperto tre giorni fa un fascicolo contro ignoti per atti non costituenti reato, ma la sera del 10 giugno l’ipotesi di reato è stata modificata in “omicidio colposo contro ignoti”. Fin qui, l’inchiesta penale. Ma almeno sul piano politico, di quali ignoti parliamo? Non si conoscono già i nomi dei responsabili?

Le responsabilità (politiche) di Speranza

Il ministro della Salute Roberto Speranza, con comunicato ufficiale del 9 febbraio 2021 n. 29, affermava: “Oggi in tutte le Regioni italiane arrivano le prime dosi del vaccino Astrazeneca. Saranno somministrate alla popolazione tra i 18 e i 55 anni […]”. Successivamente il ministero della Salute, con Circolare del 7 aprile 2021, sottolineava che: “ribadendo che il vaccino Vaxzevria è approvato a partire dai 18 anni di età, sulla base delle attuali evidenze, tenuto conto del basso rischio di reazioni avverse di tipo tromboembolico a fronte della elevata mortalità da COVID-19 nelle fasce di età più avanzate, si rappresenta che è raccomandato un suo uso preferenziale nelle persone di età superiore ai 60 anni”. Insomma, il vaccino è sicuro anche nelle persone dai 18 anni in su, ma se ne raccomanda un uso preferenziale per quelli di età superiore ai 60. Questa era anche la posizione dei virologi da televisione, che fino a due giorni fa tacciavano di “negazionismo” chiunque sollevasse un minimo dubbio sul farlo o meno ai giovani e che forse per le loro dichiarazioni di allora andrebbero oggi indagati. Che oggi si stiano già riposizionando è un segno della miseria umana.

Il caso degli OpenDay

Ma la cosa importante è un’altra. L’Aifa – Agenzia Italiana del Farmaco –  ancora il 26 maggio aveva messo in guardia tutti  in ordine al fatto che si erano verificati casi avversi causati dai vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson di “trombosi dei seni venosi cerebrali (TSVC) e/o trombosi delle vene splancniche, spesso associati alla presenza di trombi in sedi multiple e a piastrinopenia, con emorragie gravi e talvolta segni di coagulazione intravascolare disseminata” osservati “quasi esclusivamente entro circa tre settimane dalla vaccinazione in soggetti sani con età inferiore a 60 anni, prevalentemente donne” [documento Aifa su Complicanze tromboemboliche post-vaccinazione anti-COVID-19 del 26/5/2021].

Detto questo, perché il ministero della Salute e le Regioni hanno organizzato i cosiddetti OpenDay per consentire ai diciottenni (soprattutto maturandi) di vaccinarsi su base volontaria con AstraZeneca? Perché non si sono ascoltati gli avvertimenti di Aifa? Forse perché bisognava sbolognare in qualche modo le dosi di AstraZeneca rifiutate dagli over 60? O forse perché bisognava giustificare lo sperpero di denaro pubblico del precedente governo per aver puntato all’inizio tutto su AstraZeneca?

Chi ne risponde?

Fatto sta che una giovane potrebbe essere morta in quanto la sua Regione e il ministero della Salute hanno consentito – con gli OpenDay – di vaccinarsi a 18 anni con AstraZeneca, nonostante i ripetuti avvertimenti di Aifa. Chi ne risponde adesso? Oggi il fascicolo della Procura di Genova è contro ignoti, perché essa dovrà dapprima valutare se v’è stato dolo o colpa grave in coloro che hanno somministrato il vaccino (la colpa lieve è coperta dalla recente introduzione dello scudo penale). Ma risolto questo dubbio, il primo su cui è doveroso fare chiarezza è il ministro della Salute Speranza, il quale avrebbe quantomeno dovuto – con ordinanza – vietare la somministrazione del vaccino AstraZeneca nei soggetti di età inferiore ai 60 anni, esattamente come raccomandato da Aifa nei suoi diversi comunicati. In altre circostanze similmente tragiche, la magistratura ha contestato i reati di omicidio colposo (art. 589 c.p.) e rifiuto/omissione di atti d’ufficio (art. 328 c.p.).

Coi buoi già scappati dalla stalla, ieri Speranza ha detto che la precedente “raccomandazione” di usare AstraZeneca solo per gli over 60 ora diventerà perentoria, e addirittura la seconda dose per chi ha già fatto la prima di AstraZeneca sarà Pfizer o Moderna. Fino a ieri non bisognava creare allarmismi e avere fiducia nella “scienza”, oggi si cambiano addirittura le dosi in corso. Davvero imbarazzante.  Anche perché i farmaci a mRna, chiamati impropriamente vaccini, hanno le loro controindicazioni e dunque più che continuare la campagna vaccinale sui giovani si sarebbe dovuto valutare, facendo un calcolo rischi /benefici, se non fosse il caso di sospenderla.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
68 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Corsaro Nero
Corsaro Nero
14 Giugno 2021 17:09

Speranza è INAMOVIBILE…..non si capisce quali coperture abbia visto che un cialtrone così, ignorante su qualunque abc medico possa essere ancora in un posto così importante e così immeritato. Non si sa quale Padreterno lo protegga ma deve essere molto potente…………

claudio
claudio
14 Giugno 2021 15:46

Articolo interessante. Nel paragrafo “chi ne risponde ?” ci sono due spunti degni di attenzione. Primo, si cita il bilancio rischi-benefici che deve sempre ispirare qualsiasi atto medico ed invece è vergognosamente calpestato. Secondo, si parla delle responsabilità in casoo di eventi avversi anche gravi, ricordando lo “scudo penale” per colpa non grave. Che, appunto, è scudo PENALE. Chi viene danneggìato (o i suoi parenti, in caso di decesso) può rivalersi in sde civile, dove scudo non c’è. I medici che vaccinano modalità catena di montaggio, come non ci fosse un domani, farebbero bene a ricordarselo.

Sergio Ciliegi
Sergio Ciliegi
14 Giugno 2021 14:27

La prima parte va bene, ma la seconda, magari comprensibile ma marcatamente di parte, la indebolisce. Firmerei subito senza la seconda parte.

Oizirbaf
Oizirbaf
14 Giugno 2021 11:26

E’ abbondantemente giunto il tempo che questo Starace Nepote, che da oltre un’anno affligge un’intero popolo con trovate tanto liberticide quanto inutili, sue e della ciurma di stregoni prezzolati che lo circonda, schiodi le terga dalla poltrona. Ho fatto il vaccino monodose, sobbarcandomi 100 Km. per recarmi nel luogo di somministrazione, per evitare che le asinerie sulla seconda dose finissero per rendere i farmaci inefficaci. Scritto ciò, a prova di non essere contro i vaccini, aggiungo che: se mi proponessero un mix di farmaci per le due dosi rifiuterei. Così come per una eventuale futura rivaccinazione pretenderò lo stesso farmaco.

art3mide
art3mide
14 Giugno 2021 10:36

“La vaccinazione eterologa è già utilizzata da paesi importanti come la Germania da diverse settimane e i risultati sono incoraggianti. Vi sono alcuni studi che testimoniano come la risposta immunitaria sia addirittura migliore di quella con due dosi dello stesso vaccino’’
(cit. Speranza)
E la sperimentazioni sui cittadini continua.

Rosy
Rosy
13 Giugno 2021 15:21

Ho poca fiducia che Lega e FI alzino la testa …

CLAUDIO
CLAUDIO
13 Giugno 2021 11:39

Notizia Ansa del 13/06/2021

Letta: “Il Pd primo partito nei sondaggi, stare al governo con Draghi ci fa bene”
Il segretario Dem commenta l’ultima analisi dell’Ipsos: “Erano quattro anni che non ci davano prima forza del Paese. Significa che noi siamo in salute, la Lega no”. E conferma di voler aprire un cantiere con il M5s

La Dittatura, l’Inquisizione,i pignoramenti continuano indisturbati è in effetti la Destra al Governo è inesistente…. L’Opposizione è solo spettacolo TV…..L’Italia non ha la forza per tornare alla civiltà e alla libertà …..Becchiamoci una montagna di cacca Comunista e stiamo zitti … E mi sa pure per sempre

stefano
stefano
13 Giugno 2021 11:12

E’ ora che facciano anche cadere questo governo in mano a 2 bancari di basso cabotaggio tutto tasse.
Prima il paese se ne libera meglio sara’ per tutto e tutti.
E prima se ne uscira’ da una europa che di fatto sta in piedi inventandosi 5 tasse ogni giorno sara’ ancora meglio.