PoliticaQuotidiano

Dell’Utri deve morire in carcere!

2.8k 0

Il titolo non rappresenta certo un auspicio di Atlantico, bensì descrive ciò che la giustizia italiana ha deciso circa il detenuto Marcello Dell’Utri. Anche l’ultima mossa ha sottolineato come non venga ritenuto opportuno alcun atto di umanità e clemenza nei confronti di Dell’Utri. Il Tribunale di sorveglianza di Roma ha respinto il ricorso di sospensione della pena presentato dai difensori dell’ex senatore di Forza Italia. L’accanimento giudiziario su quest’uomo è cosa nota da diversi anni. Siamo peraltro in presenza di una condanna in via definitiva a sette anni di reclusione per un discutibile reato, concorso esterno in associazione mafiosa, probabilmente contemplato solo in Italia. Che vuol dire concorrere esternamente alla mafia? O si è mafiosi, oppure non lo si è!

In ogni caso, l’accanimento politico-giudiziario su Dell’Utri non solo prosegue, ma raggiunge nuove vette di crudeltà. Se questa persona si chiamasse Mario Rossi anziché Marcello Dell’Utri, godrebbe senza dubbio di un trattamento molto diverso. La crudeltà è accompagnata peraltro da motivazioni incredibili e sconcertanti. Gli avvocati difensori hanno chiesto la sospensione della pena affinché il loro assistito – ricordiamolo: 76enne cardiopatico, diabetico ed affetto da un tumore alla prostata – possa recarsi presso una clinica milanese al fine di curarsi decentemente, considerato lo stato delle strutture sanitarie di Rebibbia ove Dell’Utri è rinchiuso. Il Tribunale, dal canto suo, ha negato questa possibilità perché il tumore da cui è affetto Marcello Dell’Utri non sarebbe ancora in fase avanzata e l’ex senatore – cribbio! – deambula e potrebbe fuggire.

Qui non possiamo che provare sconcerto ed indignazione perché si ricorre a giustificazioni folli pur di non concedere un minimo di umanità. Normalmente è molto meglio curare un tumore quando esso non è ancora avanzato, anche perché nel caso contrario si può solo pregare il buon Dio. Inoltre, un uomo di 76 anni pieno di acciacchi e malattie dove potrebbe mai fuggire? Se la lingua italiana ha ancora un senso e dovrebbe averne per chi serve le istituzioni come i magistrati, sospensione non significa assoluzione e tantomeno cancellazione della pena. Ma niente, per Marcello Dell’Utri non deve esistere alcun ripensamento da parte della giustizia. Abbiamo dato permessi premio a tipetti del calibro di Angelo Izzo, il mostro del Circeo, il quale, una volta libero, è tornato ad uccidere e recentemente volevamo assicurare una morte dignitosa a Totò Riina, un uomo che animò la mafia assai più dall’interno che dall’esterno, ma Dell’Utri deve crepare invece nella sua cella! La politica, anche quella un tempo vicina all’ex senatore, a parte qualche dichiarazione di circostanza, non si sta agitando più di tanto di fronte a questo ennesimo oltraggio allo stato di diritto. Siamo in campagna elettorale e mobilitarsi per Marcello Dell’Utri non porta molti voti.