Politica

4.4k Visualizzazioni

Neanche i rifugiati sono intoccabili: quanti altri Hasan Hamis ci sono in giro?

Hasan Hamis, il marocchino che alla stazione di Milano Lambrate nella notte tra l’8 e il 9 maggio ha ferito gravemente un vice ispettore di polizia e in modo lieve due agenti della polizia ferroviaria, quattro giorni prima, il 5 maggio, era stato fermato dalla polizia ferroviaria di Bologna e accusato di resistenza a pubblico […]

3.7k Visualizzazioni

Consigli non richiesti al generale Vannacci

Le opinioni della gente comune sul generale Roberto Vannacci sono piuttosto diversificate, ma, in sostanza, possiamo semplificare dicendo che, in linea di massima, sono più positive negli ambienti del centrodestra, mentre a sinistra lo si considera un pericoloso eversore se non un fascista bell’e buono. Come sempre accade nei casi di esternazioni di personaggi pubblici […]

4.7k Visualizzazioni

Perché il poliziotto accoltellato va messo in conto anche al governo Meloni

Il caso del poliziotto di 35 anni accoltellato e ridotto in fin di vita (per fortuna oggi sembra in miglioramento) da un immigrato clandestino a Lambrate è purtroppo paradigmatico. Hasan Hamis, questo il nome dell’aggressore, un marocchino di 37 anni, è nel nostro Paese da ben 22 anni, dal 2002, e già noto alle forze […]

7.2k Visualizzazioni

Perché bloccare gli espropri “green” dei terreni non è urgente: è urgentissimo

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parrebbe intenzionato a non firmare il decreto-legge “Agricoltura”, detto anche decreto-legge “Lollobrigida”, dal nome del ministro proponente, contenente una serie di misure nel settore agricolo, la più importante delle quali è il blocco degli espropri dei terreni agricoli per il loro uso come campi fotovoltaici. I motivi dello stop […]

3.9k Visualizzazioni

Il continuo “al lupo al lupo” della sinistra a cui non crede più nessuno

È ricorrente il grido di dolore che si leva ad ogni elezione a fronte dell’astensionismo, che tende a consolidarsi intorno al 50 per cento, un elettore su due, quando va bene. Se ne deduce una crisi della “democrazia occidentale” perché questa percentuale non è certo propria della sola Italia, condivisa com’è al di qua e […]

5.5k Visualizzazioni

Da Scurati a Vannacci, due “non scandali” frutto di ignoranza e malafede

Un sintomo di quanto il dibattito politico sia caratterizzato da un livello assai basso – pieno zeppo di fake news, riconducibili ad un furoreggiante zelo ideologico che ignora o manipola qualsiasi dato reale – è costituito dal coro di scandalo o scatenato per una frase del generale Roberto Vannacci. A prescindere dal come è stata […]

6.8k Visualizzazioni

La bolla morale della sinistra e l’era della polarizzazione affettiva

Il dibattito pubblico sembra sempre più pervaso da una profonda polarizzazione che attraverso campagne dal sapore apocalittico dà sfogo ad una conflittualità politica in cui non si trova più un punto di mediazione ispirato alla moderazione e al buonsenso. Emerge, soprattutto a sinistra, un clima di conflittualità totale, che utilizza come principali strumenti la criminalizzazione […]

7.6k Visualizzazioni

Consigli alla destra per far saltare la cappa culturale della sinistra

Non si sono ancora dileguate le (consuete) polemiche del 25 aprile, e come sempre l’Italia si lecca ferite inferte dalle esagerazioni, dalle stupidaggini e soprattutto dalle menzogne che questa ricorrenza evoca puntualmente e inevitabilmente. Saranno felici gli omologhi del loggionista della Scala Marco Vizzardelli, quello che alla Prima del Don Carlo aveva infiammato i cuori dell’alta borghesia […]

9k Visualizzazioni

Vannacci segna il primo gol, ma nella porta del centrodestra

Il generale Roberto Vannacci, di fresca candidatura alle europee nelle liste della Lega, è riuscito ancora una volta nell’intento di attirare su di sé i riflettori e l’indignazione della sinistra. E fin qui tutto bene. Meno bene però che sia riuscito anche a ricevere critiche e dissociazioni da pressoché tutte le componenti del centrodestra, anche […]

5.6k Visualizzazioni

Perché alla sinistra serve che il 25 aprile resti divisivo

Nella trasmissione Prima di Domani, a fronte della speranza manifestata di una Festa della Liberazione condivisa espressa in maniera un po’ scontata da un partecipante, Gad Lerner riaffermava seccamente che era bene che fosse e restasse divisiva. Si può tranquillamente riconoscere che la sua voce fosse quella dell’intera sinistra, che lucra su tale festa per […]

5.1k Visualizzazioni

I veri valori del 25 aprile incarnati da Arpinati e Nanni

La ricorrenza del 25 aprile avrebbe dovuto diventare la festa comune degli italiani, la celebrazione della fine della tragedia della guerra alla quale la dittatura fascista, seguendo la “irresistibile ascesa” della Germania hitleriana aveva condotto il Paese, guerra che poi, mentre gli eserciti alleati e quello tedesco si combattevano sul suolo italiano, si era trasformata […]

5.6k Visualizzazioni

L’antifascismo comunista rubacchia mentori e martiri dalla cultura socialista

Mi pare strano che uno storico come Antonio Scurati, che si è dedicato ad una fortunata ricostruzione di Benito Mussolini, tanto fascinosa da sembrare romanzata alla giuria del Premio Strega, non abbia colto come una stessa parola possa aver rivestito un diverso significato, a cominciare proprio da “anti-fascista”. Il vero Matteotti Comincia il suo stracitato […]

8.9k Visualizzazioni

Perché non possiamo dirci antifascisti: l’uso distorto della memoria

I media italiani sono adesso scossi dal gran rifiuto della Rai a consentire che Antonio Scurati leggesse sulla “terza rete” un piccolo monologo sul 25 aprile (1 min. circa) che si concludeva alludendo a una conseguenzialità tra i crimini del Ventennio e l’attuale governo in carica. Mentre salivano verso il cielo le urla di chi […]

6.1k Visualizzazioni

Antifascisti a stagioni alterne: a Scurati andava bene il regime sanitario

L’Italia è quel Paese che per tre anni ha imposto un rigido controllo sulla popolazione, sacrificando le libertà, sospendendo di fatto alcuni diritti costituzionale, imponendo ai cittadini norme insensate e punitive spesso con atti amministrativi, emanati perfino da autorità locali. L’Italia è quel Paese in cui non si poteva contestare quello stato di cose, salvo […]

5.3k Visualizzazioni

Il nuovo “What ever it takes” di Mario Draghi: un sincero mea culpa?

“Buongiorno a tutti. In un certo senso questa è la prima volta che ho l’opportunità di iniziare a condividere con voi come si stanno delineando la struttura e la filosofia di quello che sarà il mio rapporto”. Inizia così quello che, a detta di molti, sembrerebbe il nuovo What ever it takes di Mario Draghi […]

6.2k Visualizzazioni

L’anticamera del potere, dove tecnocrati e politici prendono le decisioni

Gli uomini invisibili che hanno incarnato il potere opaco delle “anticamere” sono i protagonisti di “Eminenze grigie. Uomini all’ombra del potere” (Liberilibri), l’ultimo libro di Lorenzo Castellani, saggista, editorialista e docente alla Luiss. Un galleria di ritratti di scienziati, diplomatici, mandarini, civil servant, tecnocrati, missionari laici e ideologi, da Surkov a Dick Cheney, da Zhou […]

6.8k Visualizzazioni

Da Draghi una provocazione: la solita questua, il solito Nein

L’ultimo discorso di Sua Competenza aggiunge nulla di nuovo. Rispetto ai precedenti, che avevamo commentato. L’unica novità è che – mentre i precedenti erano stati pronunciati in un contesto anglosassone – stavolta egli si è rivolto ad un pubblico leuropeo: ciò che ha messo in risalto una reale dissintonia. Uno strapuntino Tanto per cominciare, la […]

LA RIPARTENZA SI AVVICINA!

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli