Antonella Gramigna

Antonella Gramigna

Nata a Pesaro ma adottata dalla Toscana. Giornalista, laureata in lettere e filosofia. Comunicazione politica, linguistica e multimediale. Atlantista, liberista e riformista nell’anima. Contro le ideologie, sempre a pro degli ideali. Tre pubblicazioni: “Il vento e le promesse” (2018), “I mercanti del caos” (2021), “Chef in versi” (2023). Magazine: The-post.it

4.1k Visualizzazioni

È la libertà di stampa, bellezza: informazione e responsabilità

I giornalisti Rai che si fermano per lo sciopero proclamato dal sindacato Usigrai, che segnale è? Una protesta contro la cosiddetta – erroneamente – “legge bavaglio”. L’Italia scende al 46mo posto nell’Indice della libertà di stampa, perdendo 5 posizioni. Tra “i governi” che “non riescono a proteggere il giornalismo” viene menzionato anche quello di Giorgia […]

4.6k Visualizzazioni

Giornalismo rigoroso per contrastare la disinformazione

Nell’era digitale in cui viviamo l’accesso immediato alle informazioni è diventato la norma. Tuttavia, questa abbondanza di informazioni ha portato anche ad una diffusione senza precedenti di disinformazione e fake news. In questo contesto, il ruolo del giornalismo nel filtrare e verificare le notizie è diventato più cruciale che mai. Si legge di proposte politiche […]

5.4k Visualizzazioni

Piantedosi conferma: a Pisa e Firenze hanno tentato di forzare i blocchi

Le manifestazioni in luoghi pubblici come strade o piazze vanno autorizzate. Altrimenti sono fuori legge. E la polizia serve (anche) a far rispettare la legge. Ma se un certo numero di ragazzi, artatamente aizzati da cellule politiche, insorgono contro il cordone della sicurezza, urlando loro offese, e spingendoli contro il furgone, che avrebbero dovuto fare […]

5.6k Visualizzazioni

Caso Salis: le catene, la presunzione di innocenza, l’insegnamento

Ciò che ha destato stupore è stato vedere le immagini di Ilaria Salis portata a processo in aula con catene a mani e piedi, chiuse con pesanti lucchetti.  È indubbiamente una immagine che desta sgomento, per il principio ineluttabile che un Paese civile non debba mai “violare la normativa europea per i diritti umani”, come ricordato anche […]

4.8k Visualizzazioni

Il ritorno del trumpismo. Ma in effetti, se ne era mai andato?

New York – Trump tuona vittoria, ma la popolazione è spaccata in due. Da una parte c’è la possibile rivincita dei Repubblicani, che male hanno digerito la sconfitta del 2020, contornata da episodi al limite della legalità, con tanto di denunce di brogli elettorali. Dall’altra i Dem con Biden, la nazione in caduta libera, la […]

5.4k Visualizzazioni

Classe dirigente cercasi: smarrito il senso della politica

L’equazione è semplice: per selezionare una classe dirigente inadeguata occorre necessariamente aver smarrito il senso (vero) della politica. Così come per eleggere un personaggio politico privo di una reale vocazione alla collettività occorre che vi sia alla base una illogica ratio. Quella della ricerca spasmodica di un ipotetico consenso o di appartenenze “da tenere strette”. […]

5.9k Visualizzazioni

Il presepe “fluido” di Più Europa che imbarazza anche il mondo laico

Un clamoroso autogol la card pubblicata il giorno di Natale da Più Europa. Un post, pubblicato sui canali social, che vuole mettere in discussione la tradizione cristiana, e l’immagine della famiglia tradizionale, che auspica l’abbandono delle tradizioni e un futuro, o presente, in cui Gesù bambino possa essere generato e accudito anche (perché no?) da […]

5.4k Visualizzazioni

Il lavoro che c’è: cosa manca, la voglia di lavorare, o di assumere?

Una recente indagine del Censis mette in luce che il lavoro c’è e che, invece, a mancare sarebbero i lavoratori volenterosi. C’è da chiedersi come vengano effettuate certe analisi, probabilmente da chi neppure tocca con mano l’argomento, e tantomeno vive le varie situazioni di ricerca lavoro. Vorrei per un attimo far provare sulla propria pelle […]

6.8k Visualizzazioni

La falsa narrazione di un’Italia patriarcale e violenta e l’importanza dei “no”

“Era buono, le faceva anche i biscotti…”. Il titolo a tutta pagina sul Corriere della Sera, “Giulia è morta a causa della idea patriarcale del possesso”, fa riferimento al fatto che c’è una malattia sociale che genera violenti? Allora fare i biscotti non è più indice di gentilezza e forse nasconde altro? Fondamenta da distruggere? […]

4.8k Visualizzazioni

Era ora: finalmente tolleranza zero con le borseggiatrici seriali

Giovedì il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo pacchetto sicurezza di tre disegni di legge. Tra le novità più importanti, misure specifiche anti-borseggio e anti-accattonaggio dei minori, usati perché non punibili, nuove norme per il contrasto delle occupazioni abusive, con procedure più rapide per la liberazione degli immobili, maggiori tutele per le forze dell’ordine, spesso oggetto di violenza o lesioni, l’introduzione di un nuovo […]

5k Visualizzazioni

Sono in mezzo a noi: a Bruxelles un attacco annunciato

“Sono Abdeslam Jilani, mi sono vendicato per i musulmani. Si vive per la religione e si muore per la religione. Sono pronto a incontrare Dio felice e sereno”. È l’annuncio in diretta dell’omicida islamico a Bruxelles, apparso nella serata di lunedì scorso. Tifosi con indosso la maglia della loro squadra, la Svezia, freddati in nome […]

LA RIPARTENZA SI AVVICINA!

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli