Giuditta's FilesPoliticaQuotidianoRubriche

Quel fantasma (per nulla esorcizzato) della violenza politica

3k 0

Da molti anni, ci siamo abituati all’idea che in Italia il fantasma della violenza politica sia stato definitivamente esorcizzato. Non è così, e non è nemmeno necessario ripensare alla giornata di sabato – da Macerata a Piacenza – per esserne ben consapevoli. Qua e là (come i topi morti che nel romanzo di Camus annunciano l’arrivo della peste) i segnali non mancano.

Aree estreme esigue ma tutto sommato organizzate, e però prive di uno sbocco istituzionale o comunque politicamente strutturato; una pioggerellina di eventi (politici, sindacali, perfino accademici) in cui la contestazione arriva alla soglia del contatto fisico; circostanze (ormai non rare) in cui un oratore risulta – per varie ragioni – “sgradito” e allontanato…

Aggiungete due fattori “ambientali” inafferrabili eppure significativi: da un lato, il disprezzo che corre sui social network, arrivando (a volte senza nemmeno la maschera dell’anonimato) alle manifestazioni di odio più radicale nei confronti di chi abbia opinioni diverse; dall’altro (lo spirito di René Girard ci perdoni), un diffuso senso di frustrazione, di inferiorità, di mancata realizzazione personale, che porta molti alla ricerca di “capri espiatori”, di “colpevoli”, di soggetti da “punire”.

Può bastare poco, in situazioni come queste, per generare l’”incidente”. Poi l’innesco può essere di vario tipo: e naturalmente il fallimento conclamato della gestione del fenomeno migratorio è una miccia ideale.

Se penso al futuro prossimo, visto lo svuotamento in atto dell’area dell’effettiva decisione politica nazionale (con troppe cose sottratte al dominio dei governi e affidate al pilota automatico delle istituzioni sovranazionali), mi pare fatale che lo spazio della discussione pubblica sia dominato da temi altamente identitari e incendiari, senza – come contrappeso – la ricerca di soluzioni pragmatiche, ragionevoli, concrete. Il palcoscenico ideale per “recite” estreme.

Senza apocalittismi, occorre guardare in faccia questa realtà. Non si tratta (il buon Dio ci risparmi almeno questo) di ricorrere al consueto armamentario retorico di moniti istituzionali, appelli e prediche.

Occorre semmai un’azione su più fronti: una robusta attività di polizia e di reale tutela dell’ordine pubblico (non si abbia paura di mettere il tema in agenda); il recupero di reali spazi decisionali per i governi nazionali; il ritorno (altro che larghe coalizioni) a schieramenti nettamente alternativi, che facciano il loro mestiere, senza ammucchiate al centro (la Germania ha insegnato poco, anche a se stessa, negli ultimi dieci anni…) fatalmente destinate ad aprire autostrade ad attori estremi.