in

Come l’Ue vuole controllare i nostri computer

Dimensioni testo

Sta cambiando, a gran velocità, in Italia e in Europa la percezione dell’identità personale e delle tutele necessarie per proteggerla dalle ingerenze dei governi e delle grandi piattaforme digitali. Un tempo l’identità era, per la democrazia liberale, un cristallo di idee e rapporti inviolabile se non per gravissime esigenze di sicurezza pubblica. Negli anni ‘70 comincia lo smottamento: il cristallo si incrina prima per combattere il terrorismo, poi per sgominare la mafia, quindi per mettere alle corde l’evasione fiscale. Eccezion fatta per il terrorismo, i risultati sono lievi, ma passa il principio che l’identità personale – trovato un buon motivo – sia disponibile.

Quando arrivano i social media, che subito s’impongono come infrastruttura essenziale della comunicazione e della vita quotidiana, lo smottamento diventa una frana: in cambio dell’accesso a una vasta gamma di serbatoi dell’informazione e a platee di pubblico quasi illimitate, le piattaforme digitali tesaurizzano senza ostacoli tutti i dati relativi alle operazioni compiute dai cittadini per loro mezzo – di fatto gran parte di quelle compongono la nostra vita. La cattura dei dati è facilitata dalla circostanza che il funzionamento delle piattaforme implica la registrazione di tutto quanto esse fanno: la cosa non è subito visibile e in ogni caso, quando appare l’avviso che informa del transito di dati a terzi, gli utenti ritengono che il servizio informativo loro fornito sia comunque conveniente – valga il sacrificio di una quota di privacy. I governi colgono in fretta il cambio di sensibilità: l’accesso del fisco ai conti perde di continuo vincoli e condizioni, le intercettazioni crescono in sofisticazione (trojan) e sono sempre più usate, il Parlamento europeo, spinto dalla Commissione, discute di un controllo agevolato su cellulari e computer per individuare materiale pedopornografico. L’attenzione collettiva su questa deriva è, tranne eccezioni, piuttosto modesta.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
George
George
16 Agosto 2021 19:10

Basta vedere il “politicamente corretto”, devi dire quello che vogliono loro, devi fare quello che vogliono loro e devi fare…….tutto ciò che vogliono loro Komunisti: ma questa è democrazi? Il green pass è democrazia? Per favore……

stefano.f
stefano.f
13 Agosto 2021 13:00

Follia insistere a vivere in Europa e ancora di più in Italia.

Jimbo
Jimbo
13 Agosto 2021 8:29

@Davide V8
Il sistema tende e tenderà sempre di più a controllare, e lo farà con le famose “scusanti”, questa della pedofilia è farsesca ma la ggente ovviamente ci crede.
Il punto debole di tutta la questione è sempre l’ 80% malcontato della popolazione che dorme, è contenta di essere controllata, è moderata per il bene del paese.
L’unica cosa positiva che intravedo è che c’è un 10% malcontato che è consapevole del pericolo e un altro 10% che si sta svegliando dal letargo.

Davide V8
Davide V8
12 Agosto 2021 21:49

>”il Parlamento europeo, spinto dalla Commissione, discute di un controllo agevolato su cellulari e computer per individuare materiale pedopornografico”

Questo andrebbe sviluppato di più, visto che è il punto principale: vogliono accesso totale alle comunicazioni digitali di tutti.
Con la scusa della pedofilia.

Apple sta facendo lo stesso.
“Apple to scan iPhones for child sex abuse images”
https://www.bbc.com/news/technology-58109748

Il regime avanza su ogni fronte, mentre tutti noi dormiamo, forse convinti che #andràtuttobene.
Vaccini obbligatori, nazipass, censura, controllo comunicazioni, piani quinquennali green = regime

Beppe
Beppe
12 Agosto 2021 21:32

L’uomo è lupo di sé stesso.

Mts
Mts
12 Agosto 2021 20:57

Ma che voleva dire?

Fabry
Fabry
12 Agosto 2021 17:25

Stanno solo cadendo maschere. La democrazia non è mai esistita. La realtà da sempre mostra solo modi diversi di coniugare e mediare il concetto di “potere”. Potenti illuminati hanno adottato strategie comprendendo che per durare il potere non può essere assoluto. Deve coniugarsi in un Do ut Des tra dominante e dominato. Un patto con l’obiettivo del reciproco interesse. Che ovviamente preveda un feedback più o meno dialogico. Una di queste variabili è la nostra che di fatto è una oligarchia decentrata e stratificata. Peggio l’ Europa. Che è degenerata in autarchia. Vedi le politiche surreali e tra esse quanto descritto da Pilati.

Ric60
Ric60
12 Agosto 2021 17:16

ma guarda cosa hanno scoperto…..nel 2021 la privacy NON ESISTE!!! lo si sapeva già senza tanti sproloqui…e indietro non si può tornare