in

Diffidiamo di chi spaccia verità (Karl Popper)

Dimensioni testo

In questo periodo di quarantena, in cui siamo sostanzialmente agli arresti domiciliari, val la pena leggere qualche classico della nostra libreria liberale. Uno di essi è certamente La società aperta e i suoi nemici di Karl Popper. Uno dei libri più citati e meno letti dai nostri intellettuali. Per molto tempo non fu neanche tradotto in italiano e la sua conoscenza si deve al suo primo editore Armando e all’instancabile lavoro di Dario Antiseri, che lo spiegò alla platea di suoi alunni alla Luiss, quando quell’università era ancora liberale.

In tempo di certezze virologiche e non solo, Popper ci ha insegnato i quattro principi fondamentali di una società aperta. Il primo è che il nostro sapere non è assoluto, e che dunque conviene diffidare dagli spacciatori di verità inconfutabili. Inoltre, secondo principio, “il regno dei fini è politeista”. In sostanza non è detto che tutti gli uomini abbiano gli stessi obiettivi. La terza favolosa intuizione è che ogni azione ha quasi sempre effetti non previsti. Pensate ai nostri giorni. Chiudiamo le scuole per evitare il contagio e rischiamo di averlo allargato mettendo direttamente in contatto nonni e nipoti. O riduciamo orari supermercati o tram e rischiamo di rendere più affollati e dunque pericolosi gli incontri. Quarto ed ultimo aspetto è che in politica, a prescindere dall’interesse e dalla passione, si sbaglia. Ecco perché è necessaria una società aperta pronta alla “vigile ricerca dell’errore” come sintetizza bene Antiseri.

La democrazia, a differenza di altri liberali classici, è considerata da Popper, e oggi quanto lo rivalutiamo, il sistema migliore per garantire una società siffatta. Ma l’austriaco, vissuto in Nuova Zelanda per il rischio delle persecuzioni naziste, ci mette in guardia: “La democrazia non può compiutamente caratterizzarsi solo come governo della maggioranza. Infatti una maggioranza può governare in maniera tirannica. La maggioranza di coloro che hanno una statura inferiore a sei piedi può decidere che sia la minoranza di coloro che hanno statura superiore ai sei piedi a pagare tutte le tasse.

Oggi le nostre libertà sono state compromesse per l’emergenza sanitaria in corso. Popper forse avrebbe avuto qualcosa da dire. Non solo sugli strumenti non democratici con i quali si è raggiunta la limitazione, ma soprattutto sulla decisione in sé. È sempre scorretto attribuire a un grande pensatore del passato, l’interpretazione di un fatto di oggi, come abbiamo appena fatto.