in

Draghi ha qualcosa da temere

draghi preoccupato
draghi preoccupato

Dimensioni testo

Il precedente governo aveva deciso di indebitarsi per 5 miliardi affinché arrivasse nelle mani di chi spende con la carta di credito una piccola mancia, detto cashback. Il governo gialloverde mise in piedi un baraccone, pomposamente battezzato «reddito di cittadinanza», per il quale nel solo maggio scorso sono stati elargiti 700 milioni di euro a fondo perduto, senza alcuna garanzia che si formino nuove professionalità, si svolga un lavoro socialmente utile o si recuperi un posto di lavoro, come nelle intenzioni folli si era promesso. Da un anno e mezzo si è impedito alle imprese di licenziare, immaginando che ciò potesse durare in eterno e che le aziende, alla canna del gas, non licenziassero i meno tutelati o chiudessero i battenti.

Sono solo tre esempi di recente politica economica, che devono aver avuto bene in testa ieri Mario Draghi, presidente del Consiglio, e Alessandro Spada, presidente dell’Assolombarda, nei loro discorsi da vetrina, inusualmente interessanti. Draghi ha ribadito che esiste debito buono e debito cattivo, che la ripresa a cui siamo assistendo è forte, ma insufficiente a lenire le ferite mortali del lockdown e che il problema dell’Italia nasce da lontano: la produttività del 2019, pre-Covid, è stata inferiore a quella di venti anni prima. Spada, a cinquecento chilometri di distanza, ha spiegato con pacatezza l’importanza dell’industria del Nord, che ha nel suo dna la capacità di trasformare la crisi in opportunità, la follia del blocco dei licenziamenti e il sogno, perverso, per il quale taluni, troppi, ritengono che il lavoro si crei per decreto.

Tutto bene? Mica tanto. L’attuale coalizione di governo è fatta da anime diverse, non tutte consapevoli della situazione in cui ci troviamo. Il primo partito del Parlamento, i grillini, sono combattuti tra l’impulso No Tav, che è una condizione dell’esistenza, come stare a tavola, e l’ingolisimento da sottogoverno che digerisce tutto. La sinistra pensa più alla difesa dei diritti di una molteplicità di minoranze che a Cipputi, come si diceva un tempo da quelle parti. E la destra di governo teme di essere scavalcata da quella d’opposizione. Sopra a tutto ciò un’Europa combattuta. In cui tra poco verranno i nodi al pettine. In cui, sgombrata l’emergenza Covid, si ripresenteranno i soliti argomenti contro il blocco latino.

Basti l’antipasto: non gradiscono il sacrosanto allungamento dei debiti contratti dalle imprese nel pieno delle chiusure. Draghi ha una via stretta. Ieri è sembrato più in linea con le parole di Spada che con quelle di Landini.

Nicola Porro, Il Giornale 2 luglio 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Beppe
Beppe
5 Luglio 2021 1:02

Siamo stati e ci stanno governando contro, l’Italia esiste solo quando c’è di mezzo il pallone, noi non abbiamo al governo dei governanti ma solo dei rapaci.

stefano
stefano
4 Luglio 2021 22:43

Draghi ci lascia la faccia.
Ma considerato che come i suoi simili omologhi ha la faccia di gomma o meglio come il ****, nessun problema….

Luisa
Luisa
4 Luglio 2021 19:45

Più che reddito di cittadinanza dovrebbero rinominarlo Assegno di povertà. Forse qualcuno preso dall’amor proprio accetterebbe un lavoro, qualsiasi esso sia.
Il lavoro nobilita …

stefano
stefano
4 Luglio 2021 11:00

Presa visione della bozza della riforma fiscale, 74 pagine, giunto il momento che da li, senza se e senza ma, senza esitazione alcuna fate le valige e spostatevi altrove.

CLAUDIO
CLAUDIO
3 Luglio 2021 19:43

A forza di scriverlo mi si sono consumati i polpastrelli…… M5S è il resto dei Comunisti hanno abbattuto, ucciso le imprese, e nonostante l’evidenza continuano a pensare a cosa fare quando i passi sarebbero brevi e facili.
Congelamento delle Poste 2020/2021 , condono di tutte le cartelle con rateazioni pagabili sulla base dell’Isee , di quanti soldi di hanno realmente sul conto .lasciando fuori gli evasori , e quelli che si lamentano con la Porche in garage.
Senza fronzoli e senza minchiate da Comunisti…. Si può fare…. Gli strumenti ci sono tutti..la gente onestà messa in condizioni di pagare e far fare cassa allo stato è li pro

Marco
Marco
3 Luglio 2021 17:50

L’Itala non può sperare nella ripresa senza una seria politica di investimenti industriali ed infrastrutturali in tutto il Meridione! Sul.piano nazionale poi, deve investire sull’Intelligenza Artificiale, sulla sburocratizzazione, sulla detassazione delle imprese,i rapporti tra pubblico e privato,.un nuovo codice delle garanzie civiche e lavorative, scuola, istruzione, tempo libero, riduzione e controllo della pervasività pubblica sul privato, trasporti, sicurezza, sanità per tutti garantita, investimenti sulle personalità bcreative.