in , , , , , ,

L’Italia pronta a tagliare le stime di crescita. Debito Mondiale record: 226 trilioni di dollari

L'Italia pronta a tagliare le stime di crescita. Debito Mondiale record: 226 trilioni di dollari
L'Italia pronta a tagliare le stime di crescita. Debito Mondiale record: 226 trilioni di dollari

Dimensioni testo

: - :

I governi di tutto il mondo hanno aumentato i prestiti da quando è scoppiata la pandemia di COVID-19 due anni fa, mentre cercavano di proteggere le loro economie dalle ricadute.

Ciò ha portato il debito pubblico globale a un record di $ 65,4 trilioni nel 2021, rispetto ai $ 52,2 trilioni di gennaio 2020, ha affermato Janus Henderson, ma in ulteriore crescita quest’anno di 71,6 trilioni.

Il debito cinese è aumentato più velocemente e di più in termini di contanti, con un aumento di un quinto o di $ 650 miliardi l’anno scorso, ha aggiunto.

Tra le grandi economie sviluppate, la Germania ha registrato il maggiore aumento in termini percentuali, con il suo debito in aumento del 15%, quasi il doppio del ritmo medio globale.

L’Italia pronta a tagliare le previsioni di crescita, conferma l’obiettivo di deficit 2022 al 5,6 per cento del PIL

L’Italia pronta a declassare le sue stime di crescita per quest’anno e il prossimo, sembra confermare un precedente obiettivo di deficit di bilancio del 2022 del 5,6% della produzione nazionale, secondo una bozza di documento del governo visionata da Reuters.

Il documento economico e finanziario annuale del Tesoro prevede che il prodotto interno lordo aumenterà nel 2022 del 3,1%, in calo rispetto a una proiezione del 4,7% fatta lo scorso autunno, questo mostrerebbe la bozza visionata da Reuters.

Per il 2023, il governo prevede un aumento del PIL del 2,4 per cento, in calo rispetto al precedente obiettivo del 2,8 per cento fissato a settembre. Il disavanzo dovrebbe raggiungere il 3,9 per cento del PIL nel 2023, invariato rispetto all’obiettivo precedente.

Le nuove previsioni dovrebbero essere approvate dal governo del presidente del Consiglio Mario Draghi entro mercoledì e costituiranno il quadro preliminare per il bilancio 2023.

Pessime nostizie intento arrivano dall’Inghilterra

Secondo Reuters, la situazione finanziaria delle famiglie britanniche è ora la più precaria dalla profondità della pandemia di COVID-19 nel secondo trimestre del 2020, a causa dell’aumento del costo della vita.

La società di previdenza Scottish Widows, parte del Lloyds Banking Group, ha affermato che il 60% delle famiglie non è stato in grado di risparmiare di più durante la pandemia e che quelle famiglie che avevano risparmi li stavano ora riducendo al tasso più veloce degli ultimi nove anni.

“Oltre il 70% delle famiglie dovrà consumare i propri risparmi nei prossimi 12 mesi per far fronte alle crescenti spese”, ha affermato Emma Watkins, amministratore delegato di Scottish Widows.

L’inflazione dei prezzi al consumo britannici ha raggiunto il massimo da 30 anni del 6,2% a febbraio e il controllo del bilancio del governo prevede che raggiungerà il picco massimo da 40 anni dell’8,7% verso la fine di quest’anno, a causa dell’aumento dei costi energetici e dei maggiori aumenti dei prezzi.

 

Una rapida azione della BCE per frenare l’inflazione potrebbe far crollare l’economia 

Con l’inflazione dell’eurozona a un livello record del 7,5 per cento, la BCE è sempre più sotto pressione per inasprire la politica, anche se la maggior parte della rapida crescita dei prezzi è dovuta agli alti prezzi dell’energia, che sono in gran parte al di fuori del controllo della banca.

Invece, Panetta ha affermato che i governi europei dovrebbero aiutare le famiglie più vulnerabili e finanziare congiuntamente quella che potrebbe essere una costosa transizione dall’energia russa.

“I tassi di crescita trimestrali saranno molto bassi quest’anno”, ha detto Panetta in un discorso. “L’impatto negativo della guerra potrebbe portarli in territorio negativo e produrre effetti più duraturi.

 

L’attività del settore dei servizi in Cina è stata schiacciata dall’impennata degli omicron

L’attività nel settore dei servizi cinese si è contratta al ritmo più rapido degli ultimi due anni a marzo, poiché l’aumento locale dei casi di coronavirus ha limitato la mobilità e ha pesato sulla domanda dei clienti, ha mostrato mercoledì un sondaggio del settore privato.

Il PMI dei servizi di Caixin è sceso a 42,0 a marzo dai 50,2 di febbraio, scendendo al di sotto dei 50 punti che separano la crescita dalla contrazione su base mensile. La lettura indica il calo dell’attività più marcato dall’inizio della pandemia nel febbraio 2020.

L’indagine, che si concentra maggiormente sulle piccole imprese delle regioni costiere, si è allineata con l’indicatore di un’indagine ufficiale, che ha mostrato anche il deterioramento nel settore dei servizi.