in

Covid_19 in Italia forse già nel 2018. L’allenatore Maurizio Sarri forse uno dei primi ad essere infettati?

Dimensioni testo

Maurizio Sarri ex allenatore di Napoli, Juventus e Chelsea potrebbe essere stato uno dei primissimi italiani ad aver contratto il Virus Covid_19. A fine agosto del 2019 sia lui che altri due componenti dello staff della Juve, di ritorno da una tournée dalla Cina si sono ritrovati colpiti da una bruttissima Polmonite.A distanza di tempo qualcuno ha immaginato potesse essere una forma diversa di Covid_19. Ma allora nessuno sapeva di cosa si trattasse. Così come nessuno ha valutato in chiave Coronavirus tutte le strane ed atipiche Polmoniti registrate in Italia nella seconda parte del 2019.

 

Da dove arriva il Coronavirus? E soprattutto quando? A volte, basta davvero poco per trovare le risposte. Per un giornalista, ad esempio, c’è una fonte inesauribile data dalla cronaca locale.

Una cronaca locale che avevo già spulciato. Ed i dati della ricerca di allora li ho trascritti in un articolo dello scorso anno. I giornali locali mi avevano già regalato davvero tantissime risposte. Covid-19 era già presente nelle nostre città ben prima dello scoppio della Pandemia. Forse addirittura prima del 2019. Bisognerebbe riscrivere i certificati di morte di tantissime persone.

Coronavirus, primi casi già nel 2018?

Basta cercare bene ed ecco che troviamo altre fonti, tutte autorevoli. I titoli riportati più in basso sono relativi al Corriere della Sera ed alla Stampa di Torino.  

Influenza, gli ospedali sotto assedio: più 27 per cento e picco di polmoniti.Nelle feste accessi cresciuti del 20 per cento. Molti casi degenerati in polmonite. Il picco a fine mese. Record a Niguarda. Aperto un reparto al San Carlo. «Contagio in fase di crescita»  (7 Gennaio 2020).

In Lombardia, tra le province di Brescia, Mantova e Cremona, si sono verificati in pochi giorni oltre 150 casi di polmonite e due morti che potrebbero essere state provocate dalla malattia. La situazione è stata definita immediatamente dai media come una epidemia. (16 giugno 2019).

Elevato anche il numero di casi di polmonite: probabile che i primi sintomi siano stati trascurati e poi siano peggiorati. Super afflusso al San Carlo, in particolare di bambini. Dal 3 gennaio la direzione ha deciso di aprire un reparto dedicato alle persone in via di guarigione, con venti posti letto, in modo da decongestionare le medicine e le chirurgie. (4 Gennaio 2020).

Se vi servisse altro, al di là della cronaca spicciola ecco uno studio ufficiale che conferma le mie ipotesi:

Alla fine di dicembre 2019, a Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina, è stata identificata la nuova sindrome respiratoria che causa una grave polmonite. La malattia virale del coronavirus 2019 (COVID-19) si è diffusa rapidamente in tutto il mondo e l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato lo stato di pandemia nel marzo 2020.

I primi due casi italiani di malattia COVID-19 sono stati registrati il ​​30 gennaio 2020, quando due turisti provenienti dalla Cina sono risultati positivi per SARS-CoV-2 a Roma. Il primo caso italiano COVID-19 confermato in laboratorio è stato identificato in Lombardia il 20 febbraio 2020, in un uomo di 38 anni che non aveva precedenti di possibili contatti con casi positivi in ​​Italia o all’estero. Nel giro di pochi giorni sono stati registrati ulteriori casi di COVID-19 e pazienti critici nell’area circostante. Ben presto furono individuati diversi casi in altre regioni italiane, per lo più nell’area settentrionale. I blocchi sono stati applicati per la prima volta in 2 aree critiche della Lombardia e del Veneto e sono stati rapidamente applicati a livello regionale e nazionale a partire dall’8 marzo.

Sulla base dell’identificazione del primo caso, è stato ipotizzato che il virus circolasse in Italia dal gennaio 2020. Tuttavia, la rapida diffusione, l’elevato numero di pazienti che necessitavano di ricovero e cure in unità di terapia intensiva, nonché la durata della pandemia suggeriscono che l’arrivo del virus e la sua circolazione in Italia in forma meno sintomatica potrebbero essere anticipati di diversi mesi. Per testare l’ipotesi della circolazione precoce del virus in Italia, abbiamo studiato la frequenza, i tempi e la distribuzione geografica dell’esposizione a SARS-CoV-2 in una serie di 959 individui asintomatici, utilizzando anticorpi proprietari leganti e neutralizzanti SARS-CoV-2 su il deposito dei campioni di plasma.

397 pazienti (41,4%) erano donne, il 63,2% aveva 55-65 anni, il 76,8% fumava abitualmente e il 92,9% aveva fumato ⩾ 30 pacchetti all’anno. Complessivamente, 111 su 959 (11,6%) campioni di plasma hanno mostrato anticorpi specifici per SARS-CoV-2 RBD (IgM, IgG o entrambi). In particolare, gli anticorpi IgM sono stati rilevati in 97 (10,1%) pazienti; Gli anticorpi IgG sono stati trovati in 16 (1,7%). Tutti i pazienti erano asintomatici al momento della raccolta del campione di sangue

I 959 pazienti reclutati provenivano da tutte le regioni italiane e almeno un paziente SARS-CoV-2 positivo è stato rilevato in 13 regioni. Secondo i dati raccolti dal sito del Ministero della Salute italiano, la Lombardia è stata la regione più colpita dalla pandemia, con 5791/10.141 (57,1%) pazienti con COVID-19, e ha mostrato il maggior numero di pazienti reclutati a 491/959 (51,2%). Considerando i 111 casi positivi, 59 (53,2%) erano residenti in Lombardia, seguiti da Piemonte e Lazio (10 casi ciascuno, 9%); Emilia Romagna (7 casi, 6,3%); Toscana e Veneto (6 casi ciascuno, 5,4%); Liguria (4 casi, 3,6%); Campania, Friuli e Puglia (2 casi ciascuno, 1,8%); e Sicilia, Valle d’Aosta e Sardegna (1 caso ciascuno, 0,9%).

Complessivamente sono stati rilevati 30 pazienti positivi nella provincia di Milano e 29 nelle altre province analizzate (Monza: 6, Como: 5, Bergamo: 4, Brescia: 3, Varese: 3, Lecco: 2, Pavia: 2, Mantova: 1, Lodi: 1, Cremona: 1 e Sondrio: 1). Pertanto, la distribuzione geografica e la tempistica degli individui SARS-CoV-2-positivi identificati nel nostro studio rispecchia da vicino l’incidenza di COVID-19 ufficialmente registrata in Italia.

Alla fine di dicembre 2019, il COVID-19 è apparso nella città di Wuhan, in Cina. Al 12 settembre 2020, 37.584.742 casi di COVID-19 sono stati confermati in tutto il mondo, con oltre 1 milione di morti ( https://coronavirus.jhu.edu/map.html ). In Italia, il primo caso è stato identificato in Lombardia il 20 febbraio e il primo decesso attribuito a COVID-19 è avvenuto in un pensionato di 77 anni residente in un piccolo paese del Veneto. A metà settembre 2020, il numero di casi ufficiali in Italia ha raggiunto circa 300.000, con oltre 35.000 decessi, ma è probabile che questi numeri non riflettano l’effettiva insorgenza ed epidemiologia di SARS-CoV -2 in Italia.

Due fenomeni devono essere evidenziati e discussi. Il primo riguarda la sottovalutazione della prevalenza dei casi. Le autorità sanitarie regionali e nazionali, dopo un tentativo di individuare precocemente casi e sospetti e tracciare tutti i potenziali contatti, hanno presto abbandonato questa strategia in quanto insostenibile e si sono concentrate sulla strategia di identificazione, con tamponi e sierologia, solo sui casi sintomatici. Di conseguenza, è stata creata una sottostima dei casi complessivi di COVID-19 ed è stato introdotto un bias di selezione, con una sovrastima del tasso di mortalità.Tra il 25 maggio e il 15 luglio, il Ministero della Salute italiano ha condotto un ampio studio di sieroprevalenza SARS-CoV-2 in un campione rappresentativo di 64.660 individui. È stato riportato un tasso di prevalenza globale del 2,5%, con un picco nella regione Lombardia (7,5%) e in particolare nella provincia di Bergamo (24%). Di conseguenza, il vero numero di italiani che sono stati in contatto con il virus sarebbe di circa 1,5 milioni, molti dei quali asintomatici, una stima quasi 5 volte superiore ai dati ufficiali riportati.

La seconda preoccupazione riguarda l’insorgenza dell’epidemia, che probabilmente ha preceduto l’identificazione del primo caso, probabilmente nell’ultima parte del 2019. Da novembre a dicembre 2019, molti medici di medicina generale hanno iniziato a segnalare la comparsa di gravi sintomi respiratori negli anziani e le persone fragili con bronchite bilaterale atipica, attribuita, in assenza di notizie sul nuovo virus, a forme aggressive di influenza stagionale. Un’indagine sulla sieroprevalenza di SARS-CoV-2 in donatori di sangue sani è stata eseguita in una delle due aree di blocco iniziale nel nord Italia. In un gruppo di 300 campioni di plasma conservati, 5 campioni raccolti tra il 12 e il 17 febbraio hanno mostrato evidenza di NAbs anti-SARS-CoV-2. Inoltre, un’analisi filogenetica dei genomi SARS-CoV-2 isolati da 3 pazienti lombardi coinvolti nel primo focolaio COVID-19 suggerisce che l’origine comune dei ceppi risale a diverse settimane prima dei primi casi di polmonite COVID-19 segnalati in Cina . Sulla base di questi riscontri si potrebbe ipotizzare una precedente circolazione inosservata del virus tra la popolazione italiana.

Questi risultati suggeriscono che il virus potrebbe essere già stato circolante al momento dell’epidemia in diversi paesi.

I nostri risultati indicano che SARS-CoV-2 è circolato in Italia prima dei primi casi ufficiali di COVID-19 diagnosticati in Lombardia, anche molto prima dei primi rapporti ufficiali delle autorità cinesi, gettando nuova luce sull’insorgenza e la diffusione del COVID- 19 pandemia.

Abbiamo trovato tante risposte. Ma il numero delle domande ora è aumentato. Da dove arriva Covid_19? Chi lo ha portato nel nostro Paese? Chi lo ha diffuso con tanta parcellizzazione? Adesso il puzzle internazionale è diventato ancora più intrigato.. E c’è ancora tanta carne da mettere al fuoco…

 

Leopoldo Gasbarro

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Fabio
Fabio
21 Luglio 2021 11:06

Sono del tutto d’accordo, è da un pezzo che lo sostengo perchè quello che mia madre ebbe tra agosto/settembre 2019, stabilito come virus ignoto, per sintomi/patologia/cure ecc., al 99% era identico al poi definito come covid 19.
Una domanda: non sarà che i coronavirus semplicemente son sempre esistiti (da sempre le polmoniti sono una delle principali cause di morte, soprattutto x anziani/fragili) e sempre esisteranno?
Ma, se così fosse, la narrazione che ascoltiamo da 1 anno e mezzo sarebbe completamente sbagliata, accidentalmente sbagliata o volutamente sbagliata?

Carlo Ceni
Carlo Ceni
21 Luglio 2021 11:03

Pag. 1di 3: 1) Il virus è presente in Cina almeno dal mese di luglio 2019 (cfr. Bassetti )
2) Sarri e l’addetto stampa della Iuventus ritornano da una tournee in Cina affetti da una “ brutta polmonite “ (Due soggetti della stessa comunità ristretta con la stessa malattia? Possibile ma strano )
3) La pubblicazione dell’Istituto tumori di Milano con un andamento epidemiologico identico a quello verificatosi l’anno dopo ( altro indizio )
4) La presenza del virus nelle acque reflue di Milano ( altro indizio)
5) La sospetta infezione di una bambina nel milanese ( altro indizio
SEGUE

Carlo Ceni
Carlo Ceni
21 Luglio 2021 10:51

Siccome il commento risulta troppo lungo, lo si legga in rispose che non possiede queste limitazioni. Il tutto è già stato da me riportato su questo forum qualche tempo fa.