in

La guerra al Covid_19 eliminerà anche il raffreddore

Dimensioni testo

L’ARIA STA CAMBIANDO. Il Mondo sta per liberarsi anche del raffreddore, e non solo. Abbiamo a lungo accettato raffreddori ed influenze come fatti inevitabili della nostra vita, ma lo sono davvero? E se fossimo sul punto di sconfiggerli tutti?

La lotta alle malattie. Quando Londra ebbe la meglio sul colera, nel 19° secolo, non ci volle un vaccino o un farmaco per riuscirci, ma un sistema fognario. L’acqua potabile della città si mescolava ai rifiuti umani, diffondendo batteri in un’epidemia mortale dopo l’altra. Una nuova rete di fogne separava i due. Londra non ha mai sperimentato una grave epidemia di colera dopo il 1866. Tutto ciò che era necessario erano 318 milioni di mattoni, 23 milioni di metri cubi di cemento e un’importante studio nuovo del paesaggio urbano.

Ciò si è rivelato avere conseguenze devastanti per l’inizio della pandemia di coronavirus. Un anno e mezzo di prove hanno chiarito che le minuscole particelle cariche di virus indugiano davvero nell’aria di aree scarsamente ventilate. Se dovessimo convivere per sempre con il Coronavirus come sembra molto probabile, alcuni scienziati stanno lavorando per reinventare la ventilazione degli edifici e ripulire l’aria interna. 

Se non beviamo acqua contaminata, perché dovremmo tollerare di respirare aria contaminata?

Non si tratta solo di COVID-19. Gli scienziati che hanno riconosciuto presto che la minaccia del coronavirus era rappresentata dalla sua diffusione nell’aria. Lo hanno fatto perché hanno trascorso anni a studiare le prove che, contrariamente alla saggezza convenzionale, anche malattie respiratorie comuni come l’influenza e il raffreddore possono diffondersi nell’aria.

Ebbene, abbiamo a lungo accettato raffreddori ed influenze come fatti inevitabili della nostra vita, ma lo sono davvero?

Perché non riprogettare anche il flusso d’aria nei nostri edifici per prevenirli? Inoltre, afferma Raymond Tellier, microbiologo della McGill University, è improbabile che SARS-CoV-2 sia l’ultima pandemia aerea. Le stesse misure che ci proteggono dai virus comuni potrebbero proteggerci anche dal prossimo agente patogeno oggi ancora sconosciuto.

Noi respiriamo da otto a dieci litri al minuto, circa quattro o cinque grandi bottiglie d’acqua al minuto. Se lo moltiplichiamo per il numero di persone normalmente presenti in una stanza, ci si rende conto di quello di cui avremmo bisogno in termini di qualità dell’aria.

Queste minuscole particelle liquide sembrano trasportare la maggior parte del virus, forse perché provengono dal tratto respiratorio più profondo. Rimangono sospesi più a lungo nell’aria a causa delle loro dimensioni. E possono viaggiare più in profondità nei polmoni di altre persone quando vengono respirati; gli studi hanno scoperto che è necessaria una quantità minore di virus dell’influenza per infettare le persone se inalate sotto forma di aerosol piuttosto che spruzzate nel naso come goccioline. 

Nelle linee guida ufficiali sulla salute pubblica, tuttavia, la possibilità di aerosol carichi di influenza viene ancora a malapena menzionata. Le linee guida dell’ Organizzazione mondiale della sanità si concentrano su goccioline di grandi dimensioni che presumibilmente non viaggiano oltre il metro di distanza. L’aerosol invece è poco trattato.

 

Non è stato visto come un grosso problema fino ad ora.

Covid_19 ha cambiato le nostre priorità. Gli scienziati che l’anno scorso avevano spinto l’OMS a riconoscere la trasmissione aerea del COVID-19 hanno messo in evidenza che se il virus viene trasmesso attraverso la respirazione della stessa aria, la prevenzione è molto, molto difficile da gestire per un individuo.

Abitudini. Le persone indossano mascherine per camminare per strada e poi le tolgono non appena si siedono nei ristoranti, che funzionano a pieno regime. È come una sorta di rituale medievale senza alcun riguardo per come il virus si diffonda effettivamente. Nei ristoranti, non c’è ventilazione così come in tanti altri ambienti, anche familiari, che frequentiamo.

Aria interna.  Ci vuole un cambio radicale. Sì, i vaccini e le mascherine funzionano contro il coronavirus, ma è ora di pensare in modo più grande e più ambizioso, al di là di ciò che ogni singola persona può fare per proteggersi. Se gli edifici consentono ai virus respiratori di diffondersi per via aerea, dovremmo essere in grado di riprogettare gli edifici per prevenirlo. Le ricerche in questa direzione possono guidare a nuovi standard di qualità dell’aria interna.

La sfida che ci attende è il costo. Pensate a quanto è costata economicamente fino ad ora la Pandemia. Non solo in termini di vite umane, ma anche in termini economici. Le Banche Centrali hanno stampato 834 milioni di dollari. Lo hanno fatto ogni ora delle 24 giornaliere, di ogni giorno, di ogni mese, da quando è scoppiata la Pandemia. Lo hanno fatto per sostenere persone, famiglie ed imprese. Sono intervenute per evitare tracolli ai mercati finanziari. E continuano a farlo.

Così la domanda vera che bisogna porsi è: Quanto siamo ancora disposti a tollerare prima di agire? Quando Londra ha costruito il suo sistema fognario, le sue epidemie di colera stavano uccidendo migliaia di persone. Ciò che alla fine spinse il Parlamento ad agire fu il fetore che proveniva dal Tamigi durante la Grande Puzza del 1858. 

Il COVID-19 non uccide una percentuale così alta delle sue vittime come il colera nel 19° secolo, ma ha causato oltre 600.000 vittime solo negli Stati Uniti. Anche una tipica stagione influenzale uccide migliaia di persone ogni anno.

Ma fin quando saremo disposti a sopportare tutto questo, e quanto i virus aerei che arriveranno in futuro?

L’ARIA STA CAMBIANDO. Il Mondo sta per liberarsi anche del raffreddore, e non solo.

 

Leopoldo Gasbarro

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Emilia Romagna
Emilia Romagna
12 Settembre 2021 9:17

Ottima idea mangiare al ristorante o a casa con la mascherina. Nicola gli articoli sceglili meglio

carlo
carlo
12 Settembre 2021 0:22

Questo è veramente un profluvio di cazzate. Vorrei argomentare, ma non credo ne valga la pena.

Sergio
Sergio
11 Settembre 2021 22:55

Beh sì, anche chiudersi in una bara protegge dal raffreddore..

Scherzi a parte, non credo che la sconfitta del raffreddore valga il prezzo che stiamo pagando.
Sinceramente, preferisco il naso tappato qualche giorno piuttosto che questa non-vita.

giùalnord
giùalnord
11 Settembre 2021 16:57

Il nuovo business globalizzato.
Si sentono dio in terra, fanno e disfano a piacimento, violando la natura.
Adesso si sono messi intesta di eliminare i virus che si sono adattati nei vari habitat da milioni di anni: auguroni e che dio ci liberi da questi criminali.

Armando
Armando
11 Settembre 2021 16:05

Articolo che applaude a futuri mega-business che sulla scusa della salute pubblica sfondano di soldi i forzieri dell’industria senza portare alcuna utilità reale ai popoli. Si prende spunto del mega-business di una pandemia inventata per lanciarne decine o centinaia di altri.
Lo so, il mio è complottismo.
Ma vi invito a vedere un video dove a parlare sono le industrie.
Ecco dove si vuole arrivare

https://t.me/dannicollateraliufficiale/1867

E non è complottismo.
Stanno lavorando in tutto il mondo per arrivare a questo.

Altro che estirpare il raffreddore, grande problema dell’umanità.