Cronaca

Funerali Giovanna Pedretti, la lezione del parroco a Lucarelli e Biagiarelli

Oggi si è tenuto l’ultimo saluto alla ristoratrice morta suicida dopo la gogna mediatica. L’omelia di don Raimondi: “Castelli di carta tirati in piedi in un giorno e una notte”

12k 12
giovanna pedretti recensione

Centinaia di persone a Sant’Angelo Lodigiano per l’ultimo saluto a Giovanna Pedretti, la ristoratrice morta suicida due domeniche fa. La sua storia purtroppo la conosciamo tutti: prima l’esaltazione per la risposta a una recensione di un cliente che attaccava gay e disabili, poi la gogna mediatica per i dubbi sulla autenticità di quella critica. Quello contro la cinquantanovenne è stato “un giudizio sommario senza appello, senza misericordia da parte di chi parla senza sapere, senza conoscere, il rincorrersi senza un filtro di illazioni e sospetti, castelli di sabbia tirati in piedi dal giorno alla notte, pesanti come macigni, costruiti per i pruriti della gente ormai frustrata al punto da bramare le disgrazie altrui”, la denuncia di don Enzo Raimondi nel corso delle esequie. E non è mancato un riferimento nei confronti di chi ha alimentato le polemiche nei confronti della vittima: impossibile non pensare a Selvaggia Lucarelli e al fidanzato Lorenzo Biagiarelli.

La giudice di “Ballando con le stelle” insieme al compagno chef hanno acceso i riflettori sulla vicenda di Giovanna Pedretti, mettendo in dubbio la veridicità della recensione negativa. “Marketing dei buoni sentimenti”, il commento della firma del Fatto, mentre il fidanzato ha persino chiamato la donna per metterla alle strette. Negli ultimi giorni le polemiche si sono moltiplicate, coinvolgendo anche chi ha denigrato la cinquantanovenne. Don Enzo Raimondi nel corso dell’omelia funebre non ha utilizzato troppi giri di parole: “Da una parte c’è una città che ha bisogno di tutti per nascere e crescere, di contribuire a iniziative benefiche e solidali, convinti che tutti, se vogliamo, possiamo rendere il mondo migliore. Dall’altra il giudizio sommario, senza appello o misericordia di chi parla senza sapere, senza conoscere, il rincorrersi, senza alcun filtro, delle illazioni, dei sospetti, di castelli di carta tirati in piedi in un giorno e una notte, pesanti come macigni, costruiti per soddisfare i pruriti di gente ormai frustrata al punto da bramare la narrazione delle disgrazie altrui, dove il teorema da dimostrare, il dubbio da alimentare è che anche dove c’è del bene si nasconde alla fine un interesse e un tornaconto”.

Leggi anche:

Sia Selvaggia Lucarelli che Lorenzo Biagiarelli negli ultimi giorni hanno replicato per le rime agli addebiti nei loro confronti, puntando il dito contro la presunta “campagna mediatica” in corso. Un momento particolarmente delicato testimoniato anche dai numeri: l’analisi realizzata da SocialData in esclusiva per Adnkronos sulle conversazioni social dell’ultima settimana ha fatto emergere il boom di sentiment negativo verso Lucarelli e fidanzato. Entrando nel dettaglio: per quanto riguarda Selvaggia Lucarelli, il sentiment negativo nei suoi confronti è aumentato di 16 punti, raggiungendo quota 86%. Quello del compagno Lorenzo Biagiarelli è salito di 26 punti, arrivando al 78%.

Massimo Balsamo, 22 gennaio 2024

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli