in

Il Giorno della Civetta (Leonardo Sciascia)

Dimensioni testo

In queste giorni in cui ancora risuonano quelle poche parole del giudice coraggioso di Palermo che in pochi minuti ha smontato anni di follie giudiziarie sulla trattativa Stato-Mafia, conviene rileggere Il Giorno della Civetta di Leonardo Sciascia. Scritto nel 1961 è il primo romanzo che esplicitamente si occupa di mafia. E lo fa con il sapore aspro e molto siciliano, della sua ineluttabilità. C’è poco da fare quella mafia non si poteva combattere e il coraggioso carabiniere, il capitano Bellodi, che aveva incastrato il capo mafioso, don Mariano, finirà per vedere smontata la sua indagine e il boss tornare ricco e libero.

Famosa la classificazione degli uomini fatta da don Mariano Arena mentre veniva interrogato: «Io ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l’umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in 5 categorie: gli uomini, i mezz’uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà… Pochissimi gli uomini; i mezz’uomini pochi, perché mi contenterei l’umanità si fermasse ai mezz’uomini…E invece no, scende ancora più giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi… E ancora più in giù: i pigliainculo, che vanno diventando un esercito… E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere con le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre…».

Nella vicenda dei tre carabinieri dei Ros (Mori, Subranni, De Donno) che costruirono l’inchiesta (958 pegine) sui rapporti tra Mafia e affari poi di fatto smontata dal giudice Pietro Giammanco, nell’arresto di Totò Riina da parte degli stessi carabinieri, poi sotto inchiesta proprio per le modalità di quell’operazione, e infine nella lunga teoria di accuse che diversi procuratori (senza successo) mossero a quella pattuglia di carabinieri, è facile intuire chi siano gli uomini e chi gli «ominicchi» o se preferite i «quaquaraquà». Dopo circa venticinque anni dall’uscita del Giorno della Civetta, Sciascia scrisse il celebre pezzo sul Corriere della Sera sui professionisti dell’antimafia: in cui lucidamente, lui che per primo parlò di mafia e di caparbi carabinieri, espresse fortissimi dubbi su quella che era diventata un’etichetta retorica, grazie alla quale si stava per formare in Italia, una casta di intoccabili.

Nicola Porro, Il Giornale 26 settembre 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
paolop
paolop
21 Ottobre 2021 12:44

Porro, sei intelligente, quindi è evidente che sei in malafede quando dici che l’inchiesta è stata smontata. i giudici hanno stabilito che la trattativa con la mafia non è reato, non che la trattativa non ci sia stata (anche perchè è stata ammessa da ambedue le parti). La cosa grave è che lo stato abbia trattato, indipendentemente dal fatto che sia o meno un reato, non credo sia difficile fare questa distinzione…. comunque grande libro