in

La disfatta Ilva è la disfatta dell’Italia - Seconda parte

Dimensioni testo

Vi salutano mentre restate lì a scannarvi di parole, a farvi le pippe tattiche, se io faccio questo lui si deve scoprire, se rimetto lo scudo legale loro non hanno più alibi, che ganzo che sono. Ma un gigante industriale globale se ne impipa degli alibi, viene a vedere e dice: o come dico io o tanti saluti, sei tu Italia alla canna del gas: auguri.

Sì, questa tragedia attesa potrebbe, malgrado tutto, rivelarsi un’occasione per un sistema paese che ha un disperato bisogno di fare i conti con se stesso, di cambiare andazzo, di forzarsi a una inedita serietà; per questo, sarà l’ennesima occasione sprecata, esorcizzata nel piagnisteo, nel balletto di accuse, nello scaricabarile che lascia solo macerie. Sai che paura, il ruggito di Bellanova, l’indossatrice, a un mastodonte dell’industria mondiale.

Max Del Papa, 8 novembre 2019

Di Maio, quello che aveva risolto la crisi Ilva

“Sull’Ilva assumetevi la responsabilità!” Porro vs il viceministro Misiani

Ilva, quei calcoli sui danni alla salute che non tornano

Ilva, un suicidio industriale con tanti colpevoli