L’accusa inconsistente del Salvini fascista (Pietrangelo Buttafuoco) - Seconda parte





Condividi questo articolo


È grazie a Violet e all’eterogenesi dei fini, molto liberale e poco ducesca, che poi il Dux e Claretta finiranno insieme. E poi lo sberleffo, non si sa bene a chi: Fazio oggi, come Croce ieri. Si fa per dire, ovviamente. Questo è, se vi piace, Pietrangelo Buttafuoco, uno che raccoglie le cartucelle negli angoli della cronaca e le rende magnifiche.

Nicola Porro per Il Giornale, 9 marzo 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


13 Commenti

Scrivi un commento
  1. E’ ovvio che Salvini non è Mussolini: da qualunque punto di vista gli è inferiore mille volte. A Salvini si confà bene una definizione che andava di moda nella Lega di Bossi: Salvini è una scorreggia nello spazio siderale.

  2. Spaccare il capello in quattro e tirarci fuori l’essenza è sublime capacità analitica , sta nelle corde pregevoli di Pierangelo Buttafuoco . 

    “Ufficiale tedesco e soldato italiano” , il luogo regge , ” a che serve la serva se non serve ” Totò docet .

    Non è vera gloria l’arcano dell’inganno , elegia dissimulata della rendita , del sopruso fatto istituzione , internazionalismo del misfatto sulle sabbie mobili dell’equivoco . IL SERVIZIO DELLO STATO E SUOI SERVITORI : di chi ? Ma mi faccia il piacere ! 

    PADRONI , tribù di “ cittadini al di sopra di ogni sospetto “ , maggioranza in contest endemico . 

    Scopriamo piagnucolanti che in Europa non ci amano ; ma va’ , chi l’avrebbe mai detto che il Potere Mafio saraceno amministrativo legislativo giudiziario , Deep state , università , scuola , TV radio , fosse sintonico e speculare a cotanto sentiment Eurofilo !?

    Arrendiamoci , dobbiamo ammettere che tira modus operandi d’ europicciotto .

    Piaccia o no , alla casalinga di Voghera all’artigiano della Val Seriana , tocca fare i conti con la “cultura” dominante . 

    Invertendo l’ordine dei fattori per cui causa effetto hanno l’intercambiabilitá funzionale configurabile del saper fingere per saper regnare , filosofia del “ pizzo”, imposizione su valore aggiunto , che oggi è la grandezza esatta e la misura del fallimento Italia e di annessi annientati popoli , depredati espropriati di risparmi , territorio identità . 

    Lontano il modello capitalistico che trascinava nel virtuoso sacche vastissime dell’arretratezza , emancipava la preistorica degli istinti cavernicoli dei riti tribali orgiastici del cannibalismo , rivoluzioni industriali che trasversalmente offrivano redenzione e chance d’occasione a vivere per tutti , belli e brutti . 

    Il dominus dell’imperante impero anno 2020 esige autocertificazione , sottomissione fideistica, sine tribunale , inquisizione de facto rogo per apostati evasori .

    Che sollazzo gratificare frustrazioni alla perfidia invidia di lissignorie decretare con un click l’arresto domiciliare , isolamento , commercio , contanti , solo cosa nostra a farla da padrone , l’odio l’invidia sociale , la sottomissione psicologico morale di retrogusto , la dilazione , il disprezzo del lavoro , della manualità , della creatività ,dell’intrapresa , del fare futuro attraverso evoluzione di preparazione e merito , millantato credito delle eccellenze , ossimoro semantico etimologico , 

    l’orgia del potere di stato ed apparati , parla una sola lingua . 

    Incipit e preambolo e chiave di lettura del merito oggettivo dal libro dell’intellettuale nobile Pierangelo Buttafuoco , che rappresenta un’ occasione , d’offerta culturale letteraria contributo all’ identità politica al netto del politichese , introspezione creativa forgiante desiderio , matrice d’ ogni passione umana , declinazione propedeutica al bisogno d’identità , orgoglio e sentore di popolo , che esiste nella visione e nella sintesi prolifica della leadership situazionale , simbiosi mutualistica di natura antropogenetica del mito con impulso evolutivo in chiave darwiniana e metodica newtoniana . 

    Confeziona con maestria l’expertise analitica di sostanza , d’ espressioni umane e valoriali , vestizione all’identificazione rappresentativa delle incognite , che scambiano lucciole per lanterne , certezze lapalissiane di senso compiuto . 

    Sicchè mortificare tal senso è passione nichilista di morte , ossia vita negata , riscattata dal suo contrario , che concilia l’umano con l’io perduto e ritrovato , per un proseguo proficuo di cammino utile . 

    Quando si cambia paradigma si cambia anche genere e livello ; “ il tempo delle mezze misure e dei tentennamenti è terminato . È iniziato il tempo delle conseguenze “ . 

    Come Sigfrido , romantica dei Nibelunghi , epica che vive oltre la funzione narrativa , oltre il revanscismo della nemesi , il mistero dell’esistenza che lascia fare ma non strafare a tal punto che illumina e folgora con doti di uomini “ incaricati a condurre , sismografi dell’idem sentire ; questa è politica che diviene storia .

    Il mondialismo globalista e derivazioni non storia ma geografia , biogenetica , antropologia . 

    Ciò che stiamo assistendo nelle lotte dei poteri è marcescenza ai titoli di coda ; Mussolini -Salvini , è l’ufficiare medianico profetico geniale di Buttafuoco , nel far intendere per chi suona la campana , ciò che avverrà è già avvenuto , che al senso dell’immortalità , del “ ci vediamo domani “ garantito della Patria generatrice , alla quale ne viene negato il destino . 

    Al popolo spetta di conservare se stesso come occasione a vivere ; se non conserva se stesso a che serve il conservatore ? 

    Popolo sfrattato , invecchiato , sostituito , espropriato . 

    “ Tu l’hai detto “ è giá in essere , quindi nulla sarà come prima , a cambio giá avvenuto , con Dio perorante causa di popolo disintermediato dai poteri illegittimi dei predoni invasori , gestisce rapporto diretto con l’altissimo attraverso autodeterminazione e devoluzione , un sovranismo federalista con rogazioni di prossimità : 

    A fulgure, et tempestate, libera nos Domine.

    A peste, fame, et bello, libera nos Domine.

    A flagello terrae motus, libera nos Domine.

    A omni malo, libera nos Domine. 

    Ma il popolo , sine Deus , sui balconi a chi si attacca ? 

    Agli agglomerati suburbani , carceri d’ habitat a gironi infernali , punitivi , dannati ululanti senz’anima “ l’inno degli italiani “ , implosione , lamento presagio , totem tricolore , corno rosso napoletano , per tutte le occasioni . 

    Ecco perché non è iperbole lo stimolo provocatorio , economia d’esercizio , indicatore concausale storica , transfert sublimato di prestatore d’ultima istanza , causa vuoto pneumatico di Patria , Famiglia , l’agonia di popolo in catarsi per la libertà e redenzione con tutela :” habetis ducem memorem vestri oblitum sui “. ( avete un capo che pensa a voi e trascura se stesso) . Finalmente ! 

    Sorprende perché, ad occhi spalancati del visionario ci compartecipa al plus , dopo tante analisi e ricostruzioni c’invita al dubbio , ad uscire dalla ragion pura , proprio lui , ed entrare di slancio nell’esoterico spiazzante , del ” non è finita qua” , perché “il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce ” , come ignorare il Blaise Pascal che è in noi , come non ringraziare l’esimio Egregio Pierangelo per inocularci ardente propedeutica dell’entusiasmo , trionfante terapia liberatoria : 

    “Finalmente il Duce ha sempre ragione ” . 

  3. Salvini fascista? No, certo; il barbone è solo uno squallido opportunista. Finge di essere o addirittura pensa ciò che il gregge in un dato momento vuol sentirsi dire. E’ un ciarlatano, neanche lui crede a ciò che dice, infatti cambia opinione ogni due giorni, a seconda del vento che tira. Un inutile, un parassita che manteniamo da trent’anni a peso d’oro, e lui pesa, e tanto.

  4. salvini fascista ??? scherziamo vero <?? e’ solo un quacquaracqua’…che si butta su qualsiasi argomento ..e dice tuitto e il contrario di tutto..scivolando tranquillamente dal dico al non dico..basta vedere il comportamento nell’occasione del corona virus..dapprima chiede al governo di lasciar tutto aperto per non distruggere l’economia del nord..poi cancella il messaggio e ne trasmette uno sempre su FB accusando il governo di non aver chiuso suibito tutto..Il benito a questo gli faceva bere non un litro..ma cinque litri di olio di ricino

  5. Buonasera. Intanto complimenti per la sua qualità nell’esprimere concetti e approfondimenti non legati alla faziosità ma ai dati, cosa rara in questo periodo. Le volevo dire che da tempo sono profondamente colpito dall’atteggiamento che ha certa (quasi tutta) sinistra verso chi nutre simpatie per la parte avversa. Ricorda il caso di Mihajilovic? Tanto per fare un esempio. Oggi se non la si pensa come loro si è insultati, respinti, ti succede di tutto. Ricordo il barista che non voleva far entrare Salvini per un caffè. Poi le Sardine: orripilanti, e non lo dico in senso politico ma storico. Mi spiego: andare in piazza a protestare contro qualcuno (che evidentemente sta facendo qualcosa che non ti piace) è e deve rimanere un diritto sacrosanto. Ma come si fa ad andare in piazza contro qualcuno che in questo momento la pensa solo diversamente????. Ho visto recentemente un documentario con la genesi del partito nazional socialista in germania, e il modo di agire della propaganda nazista di Goebbels. Ho provato dei brividi, Il pd e accoliti stanno facendo ESATTAMENTE le stesse cose. Le sardine, i giornalisti, (se non ci fosse una tv privata ha fatto caso? nella tv di stato ci sono solo giornalisti di tendenza, le trasmissioni fanno solo propaganda a senso unico. Ho scritto su facebook che il pd dovrebbe cambiare il suo simbolo con la croce uncinata. Lo penso tutt’ora. Forse è il caso di iniziare a farlo sapere. Grazie e mi scusi se mi sono dilungato un pò troppo.

  6. In confronto ai PD che con il misero 18% si sono presi tutta l’Italia, Mussolini è un dilettante. Loro sono tanto democratici, quanto Mussolini comunista.

  7. è VERGOGNOSO COME QUEL SCRIBACCHINO, SCRIVA TANTE CRETINATE. INTANTO PRIMA DI SCRIVERE DI QUALCUNO CI VUOLE IL CONSENSO DEL SOGGETTO. QUEL PAGLIACCIO DI Buttafuoco è USCITO DALLA FAVOLA DI PINOCCHIO. IO STO CON SALVINI L’UNICO CHE METTEREBBE IN SESTO L’ITALIA. TANTO PER UN PICCOLO PUNTIGLIO, NELLA COSTITUZIONE ITALIANA C’è ANCORA LA LEGGE FIRMATA DA MUSSOLINI. SALVE

  8. Fortunatamente abbiamo un governo PD-M5S, se fosse stato il precedente governo a guidare il Paese, il Ministro dell’interno sarebbe già in galera per la violazione delle norme costituzionali e si circolerebbe liberi di ammalarsi e contagiare. Ci sarebbero poi frotte di virologi ad asserire che si tratta di una banale influenza e che i morti avevano gravi patologie pregresse, c’è già qualcuno (almeno una) che continua ad asserire questa tesi.

  9. Io credo che lei sia troppo gentile a perderci del tempo: è solo uno tra i tanti tizi della variopinta girandola dei pagati per fare propaganda. I libri dovrebbero scriverli chi è intellettualmente o eticamente superiore, capace di migliorare ed elevare il genere umano attraverso le sue parole. Alla luce di ciò, mi dice quanti libri salviamo tra i promotori dell’immigrazione sconsiderata e del movimento anti-Salvini (la connessione non è casuale)? In base a un discorso meritocratico, questa pletora di parassiti (non ultimi gli “specialisti” che hanno minimizzato relativamente al coronavirus, contribuendo così a diffondere atteggiamenti spavaldi e menefreghisti tra il gregge degli ignoranti) dovrebbe essere isolata, impedendogli di nuocere. Altro che divulgare il pensiero di menti bacate (& in malafede).

  10. Lo che penso lo dico sempre senza remore: Salvini non è nulla di tutto questo, è solo che nella confusione creatogli attorno dai piddini, il disprezzo raccolto da Conte in giro per l’EU che messo su fogli scritti, letto alla nazione e resto del mondo con la mera intenzione e ordine di farlo fuori attraverso favori e bacetti pubblici, è risultato ciò che si erano prefissi seppure con qualche variante, cadere nelle braccia di FI quindi europeista, seppure a metà, l’altra appartiene alla Meloni…cmq ci hanno messi ugualmente nel sacco visto che dopo i loro accordi sono tornati protervi e sprezzanti, in luogo del fu Moscovici questa tutta denti, e della merkel la baronessa tutta sorrisi.

  11. La visualizzazione dei commenti e il loro invio sono ancora difficoltosi. Spero che in questi giorni di quarantena i programmatori si diano una mossa. Vero Porro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *