Salute

Le bugie sui vaccini di Draghi e Mattarella

Salute

Diciamolo chiaro: questo green pass (GP) è una barbarie, possibile solo in Paesi governati da una classe dominante debole, senza alcuna autorevolezza. Perfettamente rappresentata da Mario Draghi. Che è debole perché tale è il carattere dell’uomo, che deve essere ottimo, cioè il contrario di quel che di solito è il carattere degli uomini di carattere. Quanto ad autorevolezza, a parte il fatto che non l’ha votato nessuno – e, ho il forte sospetto, se ci fossero le elezioni dirette del Presidente della Repubblica, non verrebbe eletto – a parte questo piccolo dettaglio, dicevo, che autorevolezza può avere uno che dichiara la seguente sesquipedale sciocchezza, testuale: «non ti vaccini, ti ammali, contagi un altro, questo muore». Che fa il paio con quella del Papa: «vaccinarsi è un dovere morale». E con quella di Mattarella: «vaccinarsi è un dovere civico».

Vaccinarsi è un “dovere”?

Buttarla sulla morale è come buttarla in politica: stendiamo un velo pietoso su un’affermazione che deve aver rimpolpato notevolmente le fila dei novax. Mattarella, poi, è un fenomeno, e vorrei chiedergli: se è un dovere, perché non lo fate obbligatorio? E se non sapete/potete renderlo obbligatorio, allora non può essere un dovere. Anche un Azzeccagarbugli ci arriva, e meraviglia che le parole vengano da uno che dovrebbe essere, addirittura, il custode della Costituzione.

Ma veniamo all’esecutivo: «non ti vaccini, ti ammali, contagi un altro, questo muore». Questo è procurato allarme. Oltre che tre bugie in dieci parole. Non è vero che se non ti vaccini ti ammali, non è vero che se ti ammali contagi qualcun altro, e non è vero che se contagi qualcuno questo muore. Tutte queste frasi andrebbero dette al condizionale, e tra l’indicativo e il condizionale v’è un abisso.

Gli errori alla base del green pass

Il razionale del green pass sarebbe di tenere isolati i contagiosi. Senonché, si sta erroneamente identificando il non vaccinato col contagioso. L’equazione non vaccinato=contagioso è semplicemente falsa. Limitare a un non vaccinato l’ingresso nei luoghi enunciati nel barbaro decreto di Draghi potrebbe ben significare di limitare quell’ingresso ad una persona innocua. Presumerlo, a priori, contagioso è una sorta di reato di diffamazione. Non sono giurista, ma, per come son messe le cose, il reato potrebbe ben essere prefigurabile visto che, se i non vaccinati sono ghettizzati e additati al pubblico ludibrio, figuratevi i contagiosi: saranno considerati degli infami. Pertanto, l’accusa di contagioso a uno che non lo è può ben essere considerata una diffamazione.

L’ironia vuole che anche l’equazione vaccinato=non contagioso è falsa. Allora, garantire ad uno di non essere isolato basandosi sul fatto che è vaccinato potrebbe implicare la libera-uscita ad uno contagioso. Che, secondo quel genio di Draghi, implica (non implicherebbe, ma implica) la morte di qualcun altro.

Questa identificazione non vaccinato=contagioso ha indotto molti geni ad addurre motivazioni assurde a favore del GP. Sentite queste di Paolo Florais D’Arcais (PFdA): «non c’è nulla di male a pretendere il GP, visto che pretendiamo la patente di guida, che se non hai non puoi guidare». Ma la patente di guida è richiesta perché con essa hai dimostrato di saper guidare. Col GP hai dimostrato solo di esserti vaccinato, non che non sei contagioso. E, di nuovo, se sei vaccinato non è detto che non sei contagioso. Sempre PFdA: «che male c’è a vietare l’ingresso a chi non ha il GP? Lo facciamo già per molti luoghi a chi fuma». Ma chi fuma immette nell’ambiente fumo non gradito. Il nonvaccinato non immette niente nell’ambiente più di quanto non possa fare il vaccinato.

PaginaPrecedente
PaginaSuccessiva
Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

12 e 13 Luglio 2024 a Bari

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli