in

L’Europa tiene al guinzaglio il governo giallorosso. Ecco due prove

Stessa musica, su immigrazione e flessibilità. Il nuovo governo rosso-rosso pensava di poter godere di credito illimitato al tavolo di Bruxelles, forte della mega benemerenza di aver sbattuto all’opposizione il “perfido sovranista” Matteo Salvini.

E invece? E invece, a fronte di parole dolci, pacche sulle spalle, grandi incoraggiamenti verbali, la sostanza racconta di un’estrema avarizia dell’Ue rispetto alle richieste italiane, accompagnata da una nota umiliante: ogni (minima, ma proprio minima) concessione sarà discrezionale, non automatica, subordinata alla valutazione politica delle autorità europee. Guinzaglio cortissimo, insomma.

Prima prova, i conti pubblici e la mitica richiesta di flessibilità. Perfino il Capo dello Stato si era pubblicamente speso per una richiesta di revisione del Patto di stabilità. Risultato? Al primo Ecofin, la scorsa settimana ad Helsinki, l’argomento è stato appena sfiorato, con plastica assenza dei ministri dell’Economia di Francia e Germania. Come dire: non si tocca niente. Di più: nei giorni scorsi, i giornali più accomodanti verso il governo avevano dato per certo che all’Italia sarebbe stato concesso un rapporto deficit/Pil del 2,4-2,5%, lo stesso che l’anno scorso fu negato ai gialloverdi. E invece già si retrocede verso il 2, come un anno fa, né più né meno. L’unico piccolo margine sarà forse concesso sulla fuffa “green”, con la scorporabilità degli investimenti di quel tipo. Tutto il resto sarà sottoposto allo sguardo occhiuto del cerbero lettone Valdis Dombrovskis. Ora, posto che chi scrive preferisce tagli di tasse agli investimenti, l’Italia (se parliamo di investimenti) avrebbe bisogno di infrastrutture pesanti, altro che pale eoliche (peraltro devastanti per il paesaggio) e altre “gretinate” eco.

Seconda prova, l’immigrazione. Capiremo tutto nel vertice convocato a Malta il 23 settembre, ma la mitica richiesta di “redistribuzione” dei migranti avanzata dall’Italia rischia di fare la stessa fine poco brillante della flessibilità. La cosa sicura è che Francia e Germania sono disponibili a dare una mano solo per i profughi (circa il 10% di quelli che sbarcano). Su tutti gli altri, nessun automatismo, solo impegni verbali. Il passato insegna come vadano a finire queste cose: le disponibilità politiche e verbali, dopo qualche settimana, vengono disattese (passata la festa, gabbato lo santo).

Condividi questo articolo

46 Commenti

Scrivi un commento
  1. Io penso che stanno vincendo il pd e 5 stelle non perché salvini e quello che dipingono in Europa o nell’ex opposizione ma semplicemente per che se capito che il pugnale dalla parte del manico ce L ha l’Europa..pseudo posti importanti alla commissione ,spread basso ed un apparente politica anche se in buona parte ipocrita ma pur sempre più accomodante a certe richieste italiane..gli italiani cosa devono capire si comanda l’Europa e per quanto è ridicolo veder francesi dare del fascista alla politica dell’ex ministro se lo dicono se lo dice l’Europa diventa una realtà europea e questo portava a tutte quelle sbarre che vedevamo e leggevano tra Europa e Italia…tutto questo per dire cosa?L’EUROPA comanda che c piaccia o no se si fa come vogliono ce ne vien bene al contrario ne vien male..giusto?No.. ma finché l’Europa e questa così è..e questo conta..bisogna ragionare per come è la realta e le situazioni no per come dovrebbero essere questa e la cinica realtà che ultimamente e davanti agli occhi degli italiani ,realta resa evidente dai cambiamenti in tutto dopo il nuovo governo e che molti salviniani o comunque non pd hanno notato

  2. Sal sei proprio duro, eccoti Daniele Capezzone e le sue cento casacche politiche come tu affermi:
    Daniele Capezzone è un politico e giornalista italiano, ex portavoce della prima Forza Italia, nella sua ultima fase, e de Il Popolo della Libertà. In precedenza fu segretario dei Radicali Italiani e deputato nella XV legislatura per la componente radicale della Rosa nel Pugno. Wikipedia.
    Da radicale è passato con Berlusconi e poi è uscito, attualmente è un giornalista liberale.
    Se continui ad offendere gli altri non va bene.

  3. @ sal–Vedi, c’è una differenza immensa tra me e te, io ho dei pensieri, tu sei vuoto, vuoto a perdere, Te la prendi coi commentatori, singoli individui, e non capisci un’ acca.
    Sicuramente la vita ti sarà matrigna, lo dimostra quel poco che scrivi ed il risponderti ci fa vergognare del metterci al tuo livello.
    Sfogati, offendi, fai quel che ti pare, però devi capire che così facendo non è che la tua brutta vita, potrà cambiare in bella.

  4. Enzo circa 6 ore fa
    Capezzone non è detto che legga la tua richiesta.
    Vai in Daniele Capezzone – Wikipedia e trovi tutto.
    Capezzone è un giornalista liberale molto serio, non ascoltare i minus

  5. Secondo me questo governo non ha le idee molto chiare, aprire i porti per far arrivare più migranti significa ovviamente avere più spese e quindi non avendo molta flessibilità nei conti dovranno aumentare le tasse o tagliare più servizi agli italiani.
    Neanche Ursula von der Leyen ha le idee chiare, se vuole proteggere lo stile di vita europeo facendo arrivare più immigrati temo che fra non molto ci dobbiamo abituare ad uno stile di vita africano.

  6. Caro Daniele, la differenza sostanziale tra un paese come la Germania e uno come l’ Italia è la stessa tra un mollusco e un crostaceo. I primi sono nati solo x le fritture. I secondi x mangiarle.

  7. Tutto vero, tutto corretto, tutto più che credibile già che se ne possiedono le prove.
    I paesi europei tengono ben in mente le volontà dei loro cittadini e mai li vorrebbero vedere imbracciare qualcosa; purtroppo qui siamo in Italia dove vegetano, vegetano causa la stupidità, genti d’ideologia rossa, subcultura rossa, e che mai sapranno, però, arrossire di vergogna.
    In Ue ci sono cannibali ma gli stessi non sono scemi e idioti, sanno benissimo come infinocchiare i rimbambiti rossigrillazzi che s’inorgogliscono delle foto coi cannibali , della pacca sulla spalla dei sempre cannibali, e non vedono che li stanno truffando alla grande. Oppure lo sanno e se ne fregano già che toccherà noi la debacle?
    E’ tipico dei tonti e dei non intelligenti essere giulivi per la fregatura ammantata da sorrisini. Poi, gli hanno promesso ogni riguardo per loro stessi, no no non per l’Italia ma per loro immorali e stolti
    Quella del “mondo verde” a me è sempre sembrata una presa per il naso adatta ai deboli mentali che s’infiammano senza conoscere e vedono loro stessi correre per prati e foreste mari e fiumi saltellando e cantando, anime semplici che son sulla terra tanto per occuparla.
    Sicuramente sarebbe bella bellissima cosa se si rispettasse la Terra, sarebbe altrettanto bella ed intelligente cosa capire questa balla che propinano agli occidentali, solo occidentali sia chiaro;
    Grosso modo ci sono almeno 6miliardi di genti che del “green” se ne frega e mai hanno pensato d’aderire a quel contratto da bischeri, cioè scritto da deficienti che della lungimiranza son privi e della realtà attuale nulla capiscono, le solite menti vuote dedite al vacuo I Gretini.
    Non voglio dilungarmi in spiegazioni tecniche chè se uno vuol sapere può comprare libri o entrare a leggere, tramite web nelle grandi Biblioteche, i migliori e non abituati alla truffa.
    A me è sempre interessato il lato fattuale delle idee, Quella del mondo tutto verde e bello ha decenni sul gobbo e sarebbe condivisibile se si potesse metterla in pratica senza, però, le scemenze ,non ci fossero interessi immani, denaro a fiumi a sostenerla per guadagno personale.
    6miliardi sporcano inquinano devono mangiare, fregandosene del “green” e col benestare degli altri 3miliardi che pagano, cercano di porre rimedio, pagano per essere invasi dalla ganga altrui, e pagano i furbi del salviamo il pianeta. Tutto un pagamento sulle spalle dell’occidente sciocco.
    Sicuramente anche uno scemo vede lo squilibrio tra 6 e 3. Anche un non troppo informato leggerebbe le cifre pazzesche documentate, dell’affare ,se si prendesse la briga di scovarle già che non sono nascoste.
    Ecco, gli stolti al governo continuano abbracciare la fuffa, e la stupidità ch’è loro indole, non hanno capacità di comprensione ,arrivano ad una tacca e si fermano.
    Si fermano su tutto e procurano danni al prossimo, questo è il guaio.

    • No, no. È la pura e semplice verità: gente che va in giro per l’Europa a elemosinare consenso per rifarsi una verginità politica dopo che gli italiani li hanno ripetutamente bocciati col voto. E in cambio disposti a svendere il proprio paese agli usurai francesi e tedeschi. Quindi oltre che accattoni, anche traditori.

  8. Il processo dell’emigrazione dall’Africa inizia a esaurirsi nel momento in cui le colonie vengono meno, da qualsiasi parte esse vengano.
    L’Europa deve smetterla di sfruttare i paesi africani

  9. Il flusso migratorio cesserebbe solo se fosse chiaro a tutti che nessuno andrà più a prendere chi arriva, né le ONG né le navi militari né le guardie costiere; al contempo, niente più aiuti finanziari e non che vanno a sostentare i vari governi dittatoriali del continente africano.
    Su questo punto una UE compatta sarebbe assai utile.

  10. Quello che Capezzone & C. dimenticano è che l’Italia è un paese “cicala” appartenente alla squadra dei PIIGS. Se si continua a chiudere un occhio sui suoi reiterati deficit di bilancio, va a finire che, continuando col vizio dello sperpero, non si rimetterà mai più in riga con gli altri. Il “cerbero lettone Valdis Dombrovskis” ha ragione di fare il predicozzo perché proviene da uno stato, la Lettonia, che ha un rapporto debito/Pil pari al 36%, contro quello italico che supera vergognosamente il 134%. L’errore che fanno tutti i paesi morigerati dell’eurozona è quello di fare cassa comune con la Grecia e l’Italia, grandi scialacquatrici incallite che fanno del debito pubblico il loro vessillo.

  11. Per bloccare il flusso migratorio attraverso le navi ong, all’Italia basterebbe semplicemente che i cosiddetti “naufraghi” salvati, venissero riconosciuti dalla UE o dal “Superamento” di Dublino come primo approdo presso lo Stato di bandiera di quella nave. In tal caso, l’Italia o altro Stato assicurerà il porto sicuro. Una volta sbarcati i migranti, gli stessi vanno immediatamente trasferiti a quella nazione di bandiera, per le dovute registrazioni in base alla convenzione di Dublino, a spese dell’UE. Ciò libererà l’Italia dall’accoglienza indiscriminata e assicurerà l’intervento e la responsabilità di altri Paesi EU, assegnatari di bandiera alle navi ong che attualmente provvedono al salvataggio in mare secondo i trattati internazionali. Ovviamente, i flussi migratori in Italia continuerebbero con gli sbarchi fantasmi, e per contenere questo fenomeno, ritenuto ancor più pericoloso sotto il profilo della sicurezza in ambito Italiano e Europeo (Procura di Agrigento), siccome potrebbero approdare anche terroristi o criminali vari, andrebbe contrastato preventivamente con l’aiuto dell’UE, con i vari blocchi navali diversi dal passato.
    Ma ciò difficilmente sarà approvato perché i principali oppositori sono la Francia e la Germania che vogliono condannare l’Italia a essere il campo profughi dell’Europa e nel contempo, accollandogli a stanziare ingenti somme di denaro (il governo Renzi ne stanziò 5 miliardi all’anno), indebolendolo anche economicamente il Paese e la sua crescita.

  12. Alla UE CI considerano traditori, a torto o a ragione. Sanno che una parte della nostra classe politica, centro sx, e facilmente manipolabile. Si comportano di conseguenza. D’altra parte i nostri rappresentanti a Bruxelles prendono posizione per motivi ideologici o di interesse trasversale, non si schierano mai compatti per i nostri interessi. Ripeto, i nostri rappresentanti nella UE NON, NON, NON, NON difendono i nostri interessi. Mi contestano se hanno coraggio.

    • Caro Montezuma ognuno difende i propri interessi lo sanno anche i bambini. Ma difenderli con un ‘economia solida e con i conti a posto è molto più efficace che facendo i bulli urlatori a vanvera!

      • Hai ragione. Per esempio: anche la sinistra accattona che sta al governo coi 5s difende i propri interessi, ma come è nella sua tradizione lo fa usando il portafoglio degli altri, che anche questa volta, guarda caso, è sempre quello degli italiani. Lo sanno anche i bambini. Ti devo fare un disegno ?

          • Ho capito, quando non hai argomenti dici queste cose qui. Quello che non capisco è che cosa possa comunicare a coloro che intende “educare” uno come te che ha detto di essere un “educatore”: minchiate come quelle che scrivi qui ?

  13. Domanda per Daniele CAPEZZONE: è vero quanto ha appena affermato il Sig. SAL? E’ vero che Lei avrebbe cambiato 100 casacche politiche? La prego batta un colpo.

  14. In una famosa discussione tra ufficiali nell’altipiano di Asiago, il tenente Ottolenghi disse “io giro le mie mitragliatrici verso Roma, il male viene da li”. Emilio Lussu (nota, a mio avviso eroe di sinistra, ed altri) non furono d’accordo. Cosi i tedeschi ci comanderanno. Ottolenghi risponde, Roma, i Tedeschi, che differenza fa ? Ho pensato molto a questa risposta. C’e’ una differenza. Un paese che controlla un popolo dominato che non e’ il suo spesso lo utilizza e non lo cura, cosi fu’ in tanti esempi della storia delle colonie, non ultimo quello dell’enorme impero austrungarico. Attenzione diunque, cari comunistelli di oggi, senza leader e senza onore, mettersi nelle mani dell’UE e credere di esserne parte a pieni diritti e doveri puo non essere la vertia’. Grazie ai venduti PD e M5S, siamo servi, non abbiamo nessuna autonomia decisionale. Se ci opponiamo ci bastonano a colpi di spread. Non siamo liberi, specie non siamo liberi di lasciare quest’unione, quindi siamo servi.

  15. Premetto: ho grande rispetto per coloro che svolgono il lavoro di cameriere che richiede doti che sono esattamente l’opposto dell’essere servili. Non ho rispetto invece per chi ha un animo servile, solo grazie al quale è arrivato ai vertici del governo, si veste da cameriere con la pochette e offendendo la categoria e l’Italia intera si presenta a capo chino nelle cancellerie europee per pietire una mancia.

      • Capezzone, ovunque abbia militato, è sempre rimasto coerente a se stesso, liberale e liberista, libertario quando lo erano anche i radicali, oggi radicali solo nel loro ottuso europeismo da massoni mondialisti, e proprio per questo degni compagni di strada di quella sinistra doppiogiochista ed accattona giustamente guidata da Conte, Professore di ruolo del “salto della quaglia”, baciapile untuoso come un gesuita che a buon diritto rappresenta il tuo mito politico oltre che il tuo prototipo antropologico.

        • Il salto della quqlia??
          Provo a riassumere quello che è accaduto negli ultimi mesi:
          I cazzaro verde ha tentato il colpaccio fregandosene del bene degli italiani e facendo precipitare l’Italia in una crisi pericolosa (anche perchè non sapeva come tirarsi fuori da tutte le promesse ridicole che aveva fatto al Papete visto che bisognava fare la finanziaria). Semplicemente voleva più poltrone di quelle che aveva (i pieni poteri). Ha tentato di trasformare gli italiani in pecore a colpi di smargiassate e piagnistei pseudo religiosi, ritagliandosi peraltro un suo Cristianesimo personalizzato.
          Le altre forze politiche parlamentari hanno semplicemente provato a fare quello che prevede la Costituzione (invocata a sproposito da molti): fare un nuovo governo con i numeri che i CITTADINI ITALIANI un anno prima avevano creato in Parlamento.
          La faccia da cane bastonato del capitano dimostra che l’operazione è perfettamente riuscita. Morale della favola: in Italia si vota ogni 5 anni. I sondaggi non contano un cazzo e soltanto un povero sprovveduto poteva pensare che centinaia di parlamentari sarebbero tornati alle elezioni sapendo di rischiare molto (perchè va detto anche questo)
          Capiti caro?

          • Tu racconti i fatti secondo la vulgata della stampa mainstream e di fogli come Il Fatto o Avvenire che dicono le stesse cose ma raccontate per i più fessi. Puoi dire quello che vuoi ma soggetti come Renzi, il suo segretario Piccoli Rom (guai a chiamarlo Zingaretti, si perderebbero i voti di LeU) e i 5s con il capobanda Conte avrebbero fatto quello che Salvini ha solo fatto prima che lo facessero loro, ci si erano applicati da mesi. Con la differenza che la compagnia di quaquaraqua’ PD-5s ha perso la faccia verso quella, purtroppo esigua, parte del proprio elettorato che apprezza la coerenza, cosa che, mi sembra di capire dai tuoi commenti, quelli come te non sanno dove stia di casa.

  16. All’estero si dice che è la mafia e la gente legata alla mafia che si spingono e guadagnano sull’accoglienza dei clandestini. E poi si chiedono perché gli altri stati, estranei a questi illeciti traffici, dovrebbero prenderli?

  17. Dopo le promesse l’EU mostra il suo vero volto che è quello di spremere l’Italia per renderla di fatto una colonia franco-tedesca. Tra poco ci daranno anche la nuova moneta coniata in Francia il franco-italiano.
    Il prossimo passo è quello di stringerci il cappio attorno al collo con una bella patrimoniale secca dalla sera alla mattina (governo Giuliano Amato 9/10 luglio 1992) e nel frattempo privarci delle nostre nuove menti migliori emigrate al nord e sostituite dalla più ambita cultura africana (immigrazione clandestina Boldrini).
    L’Europa non si fida del governo Conte e lo usa come strumento transitorio all’opera nefasta di lacrime e sangue che ci stanno preparando a cui intendono far seguire il nuovo governo Renzi e Prodi capo dello Stato.
    Gli italiani hanno capito ogni cosa e non ci stanno, quindi rompono il guinzaglio che gli avete messo.
    Gli italiani propongono una federazione di stati europei con la condivisione delle scelte e la sovranità indipendente degli stati membri.
    Non ci serve la lezione del latte in polvere per fare il formaggio o il contributo per abbattere una vigna quando ci vogliono almeno cinque anni per farne un’altra.
    Non ci serve che ci venga imposta dalla UE la misura delle zucchine o quella delle vongole.
    Ci avete imposto di eliminare la nostra razza di bovini migliori e adesso nei mercati troviamo (carne bovina prodotta e macellata in Francia), le nostre arance buttate al macero.
    In cambio ci depredate delle nostre aziende migliori vedi il parmigiano reggiano.
    Avete manipolato la nostra flora e fauna caratteristica dei nostri prodotti all’occhiello mondiale per favorirne altre in cambio di aziende manifatturiere di seconda classe o aziende di produzione ad alto rischio ambientale, volete ridurci a spazzatura dell’europa.
    L’Italia è per una Europa alla pari o non la vuole.
    L’Inghilterra il 6 ottobre esce dalla UE con o senza accordi e noi faremmo bene a seguirla prima delle lacrime e sangue che ci hanno preparato.
    Gli italiani non ci stanno e dicono adesso basta.
    “Il Guru si affacciò sul mare diviso in due, da una parte i giallo e dall’altra i rossi, infine abbassò il bastone del comando e la acque si richiusero.
    Poi si guardò intorno, non vide più nessuno e si pose la domanda: “Ma dove sono finiti?
    Una vocina da lontano gli rispose: “O grullo li hai lasciati dentro.”

  18. Purtroppo i criminali del pd venderebbero madri, figlie e sorelle pur di guadagnare e la cosiddetta accoglienza muove miliardi. Mattarella non conta nulla in ue e comunque è d’accordo con i comunisti senza patria e senza onore. Se questo governo dura un anno ci ridurremo come il Biafra.

  19. Capezzone le ricordo che ci sono due tipi di energia verde: quella programmabile e quella legata alla disponibilità. Io mi occupo da vent’anni della prima. Le assicuro che in Italia c’è una disponibilità di biomassa elevatissima, sfruttabile con mini/micro impianti programmabili. Cosa vuol dire? Ad oggi la normativa prevede che l’impianto possa essere tenuto a regime ridotto tramite scambio dati tramite rete elettrica. Se ho un impianto a biomassa posso decidere quanta energia produrre in qualsiasi momento (anche in base alle richieste della rete), se ho un impianto fotovoltaico e voglio produrre energia alle 7 del mattino il 22 Dicembre mentre piove, bhé provateci.
    Di fatto l’ultimo decreto sulle FER (fonti ad energia rinnovabile), hanno premiato gli impianti a biomassa, semplicemente perché programmabili. Ovvio che vorrei che il mio impianto avesse sempre la stessa redditività, se il GSE è disposto a darmi una tariffa congrua, ci sono migliaia di produttori già pronti ad assecondare i transitori della rete. Con l’eolico ed il fotovoltaico non c’è modo. Il futuro è negli accumuli. O statici come batterie o dinamici per la produzione di idrogeno.
    Purtroppo con il Pd al governo la pressione per le pal(l)e eoliche sarà grandissima… perché muovono tantissimi soldi in pochi cantieri, quasi sempre con transazioni internazionali… ottime per…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.