M5s e piddini votano l’europatrimoniale

patrimoniale(2)

Condividi questo articolo


Se il pericolo patrimoniale sembrava scongiurato dopo il ritiro dell’emendamento a firma Fratoianni e Orfini, una notizia inquietante arriva dal Parlamento europeo dove il Movimento Cinque Stelle e alcuni esponenti del Pd hanno votato a favore di una proposta dell’estrema sinistra proprio per introdurre una nuova patrimoniale.

Cinque Stelle in confusione

La volontà di mettere le mani nelle tasche degli italiani è dura a morire e periodicamente viene riproposta ma che a farlo siano gli stessi grillini il cui governo in Italia ha (per il momento) bocciato l’ipotesi di una patrimoniale, testimonia la confusione del Movimento Cinque Stelle incapace di adottare una linea politica coerente come dimostrano gli avvenimenti degli ultimi mesi.
Se in Italia l’emendamento è stato ritirato, in Europa ha subito una sonora bocciatura con 553 voti contrari, 73 astenuti e 69 favorevoli.

Come scrivono in una nota gli europarlamentari della Lega Marco Zanni, presidente gruppo Id e Marco Campomenosi, capo delegazione Lega al Parlamento europeo: “Non bastava l’ok a nuove eurotasse per le risorse proprie da parte di M5s e Pd, ora gettano la maschera anche sulla patrimoniale: in piena pandemia, con famiglie, lavoratori e aziende in grande difficoltà, queste forze politiche vogliono mettere ulteriormente le mani nelle tasche dei cittadini. L’ultima cosa di cui c’è bisogno, oggi, sono nuove tasse”.

Anche i titoli di Stato?

Ma ci sono ulteriori elementi paradossali nella volontà pervicace di una nuova tassa sul patrimonio come spiega l’eurodeputato Antonio Maria Rinaldi: “Nella proposta di Fratoianni e soci, nel calcolo sulla patrimoniale venivano inseriti anche i titoli di stato, un’assurdità in particolare in questo momento storico anche perché già esistono patrimoniali mascherate tipo l’Imu”. Rinaldi sottolinea come i titoli di Stato siano già tassati e avanza la proposta di togliere l’imposta al 12,50% per incentivare gli italiani ad acquistarli applicando le stesse condizioni degli investitori stranieri. “È evidente – continua l’europarlamentare della Lega – che chi aveva grandi patrimoni in questi anni li ha messi al riparo all’estero in modo più o meno lecito e che, con una nuova patrimoniale, ci rimette per l’ennesima volta il ceto medio già massacrato dalla crisi pandemica”.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


5 Commenti

Scrivi un commento
  1. Sono stanco, nonostante la batosta del covid hanno approvato la legge per un aumento pari al 300% sui liquidi per sigarette elettroniche, mentre sigarette puzzolenti che ammazzano (è quello che vogliono) un piccolissimo aumento per poter costringere i clienti a ritornare ad ammazzarsi con le bionde.
    Ci vogliono far chiudere, non ce la faccio più

  2. Non te ne sei persa una e in compenso hai perso il cattolicesimo. Però ti sono rimaste le opere di misericordia corporale. A questi punti devi fare un salto di qualità per permetterti le opere di misericordia spirituale. Con la penna che ti ritrovi nel descriverle uscirebbero fuochi d’artificio.

  3. @Gianluca Gozzi, Stefano, Fabio Bertoncelli, German, Gianluca, Marco ecc A qualcuno, penso sia passato per la mente, che io sia un comunista. Ebbene… SE ESSERE COMUNISTA E’ ESSERE QUELLO CHE qui di seguito scriverò, ALLORA, SÌ SONO COMUNISTA ma in questa definizione per me rientrano o lei in loro anche le parole UMANISTA, SOCIALISTA, CRISTIANO ILLUMINATO, ANARCHICO, LIBERALE ALLA PIERO GOBETTI O ALLA ADRIANO OLIVETTI, RADICALE ED ECOLOGISTA… sì, rientrando queste parole, allora sì sono comunista.
    Sono nato da una famiglia di contadini che poi emigrati sono diventati, mio padre operaio e mia madre casalinga, sono cresciuto in una casa di ringhiera senza bagno e con la stufa a kerosene e poi in una casa popolare. Sono figlio di una madre che su un suo libro delle elementari, sulla faccia stampata di Mussolini ci scrisse sopra un’offesa e di un nonno (suo padre) socialista che socialista rimase anche con l’avvento del fascismo e che nella Prima Guerra Mondiale ci lasciò un suo pezzo… come anche ahimé sono figlio dell’altro nonno che per una guerra coloniale fascista partì volontario. Sono figlio di tradizioni e culture contadine del Sud.
    Sono figlio del PCI e della CGIL che nei miei ricordi di bambino, si batterono più di altri affinché gli emigrati, i lavoratori ma non solo (in generale quelli disagiati) avessero un lavoro e una casa dignitose… con dei doveri ma anche con dei diritti. Sono figlio della biblioteca ambulante e poi fissa che la sinistra del comune volle arrivasse fino al mio disagiato quartiere. Sono figlio di un operaio che l’affitto l’ha sempre pagato che al lavoro c’è sempre andato anche quando non stava benissimo e che ha scioperato poche volte.
    Sono figlio di piccola età di quegli anni 70… e di quelle conquiste come il divorzio, l’aborto, l’abolizione del delitto d’onore e la conquista dello Statuto dei Lavoratori, sono figlio molto piccolo dell’affacciarsi dei temi ecologici, sono figlio del movimento femminista. Sono figlio dei Beatles e dei Rolling Stone ma anche di Bob Dylan e della Baez come anche dei Pink Floyd ecc ma soprattutto sono figlio di De Andrè, di Guccini come anche di Lucio Battisti ma anche del Quartetto Cetra che dedico` una canzone ad Angela Davis (attivista nera americana) e per questo da destra fu attaccato, di Mina ecc… del mito del Che e di Moahmed d’Alì che si rifiutò di andare ad uccidere i Viet Cong e della ragazza nuda che correva mezza bruciata dal Napalm e che poi fuggi negli USA e di Gianni Morandi che cantava “c’era un ragazzo…”. Ma tutti questi arrivarono dopo… prima arrivò l’oratorio e i polverosi campi da calcio dove non importava da dove venissi e di chi fossi figlio, l’importante e che più o meno sapessi calciare, sono figlio delle figurine Panini, e di quel oratorio e scuola in cui ho cantato: *aggiungi un posto a tavola che stai comoda anche tu…* o *Di che colore è la pelle di Dio…* e il Papa era Paolo VI e non Bergoglio, o sono figlio di Jannacci con il suo… “Ho visto un Re…” solo dopo arrivarono Gaber…ecc.
    Sono anche figlio di Bobby Sands… un figlio condiviso con i ragazzi del Fronte della Gioventù… che anche loro vivevano nel quartiere ed erano o dicevano di essere contrari alla droga, probabilmente a quelle degli altri visto che alcuni di loro purtroppo ci lasciarono la vita usando la loro (cocaina). O almeno questo c’e nei miei ricordi di gioventù… feci anche una piacevole comunella con uno di loro a scuola (superiore)… persone in cammino tutte siamo.
    Sono figlio dei figli dei fiori… e alla fine sono figlio di mio padre operaio, operaio anch’io con qualche libro in più nella testa. Sono figlio di Pasolini che era omosessuale… che mi insegnò a capire che sono delle umanissime persone.
    Sono figlio dell’accoglienza del Nord Italia e dei Paesi, culture e civiltà, religioni, paesaggi, lingue… che ho visitato realmente (ben pochi/e) e delle altre o degli altri che ho visitato con i libri, i film ecc.
    Sono figlio del lavoro che mi ha permesso di comprarmi una casa di ringhiera con il bagno e un normale riscaldamento… che bello… di andarci a vivere da solo e di trasferirmi poi nella casa di mia moglie (del nord) figlia anche lei di operai… la sua… una casa un po’ meno modesta della mia, con una camera in più in cui crescere dei bimbi.
    Sono figlio di presepi e alberi di Natale tradizionali…
    E MEMORE DI TUTTO QUESTO HO VOLUTO ESSERE/RIMANERE COMUNISTA ANCHE QUANDO HO AFFITTATO LA MIA CASA, NON HO GUARDATO IL PAESE DA CUI PROVENIVANO LE PERSONE A CUI L’HO AFFITTATA E L’HO AFFITTATA A UN PREZZO PROLETARIO E QUANDO NEL PRIMO CASO E ANCHE NEL SECONDO (con o senza pandemia) LE PERSONE SONO ANDATE IN DIFFICOLTÀ NEL POTERMI PAGARE L’AFFITTO NON HO ATTESO LEGGI o ALTRO CHE GLI ANDASSERO a loro IN SOCCORSO… GLI HO FATTO DEGLI SCONTI… Oppure PER QUESTO, QUELLO e quell’altro mese ECC non ho ricevuto niente e niente ho chiesto di ricevere in futuro… un affitto di MESE in + o in – NON è IMPORTANTE non è vitale.. POSSO CONTINUARE A MANGIARE LO STESSO ED È BENE CHE anche i conduttori POSSANO FARE ALTRETTANTO “PERDENDOCI” COMPLESSIVAMENTE UN QUARTO DEI MESI CHE MI SPETTAVANO. Ma EVVIVA io ho mangiato sotto un tetto e anche loro… e ci ho pagato le tasse che SERVONO per i SERVIZI DI TUTTI. BENE! (Tra i tutti ci sono anch’io).
    Sono figlio di quei comunisti che hanno condannato l’invasione dell’Ungheria e della Cecoslovacchia. Sono figlio di quella sinistra che ha condannato l’innalzamento del Muro e gioito per il suo crollo e sono figlio di quella sinistra che ha condannato i crimini e le discriminazioni nei Paesi del socialismo reale… che ancora esistono. Sono figlio di M.L. King e dei Diritti Civili… e del suo sogno… sono padre adottivo di un bimbo del Mondo… di GreenPeace, di Libera, di MSF…di Amnstey e della Casa della Carità…

    • Quello che ha descritto per lei è il così detto comunismo scientifico (io direi utopico), quello sul campo fu, ed è un’altra cosa.

  4. La tassa patrimoniale è una sorta di “tassa dell’invidia”. Una tassa odiosa. Tuttavia però non considererei patrimoniale l’imposta sulla casa, che invece va ripristinata sulle prime case, ma a tre precise condizioni:

    *abolizione di alcune tasse odiose come l’IRAP e le addizionali IRPEF, e soppressione delle Regioni;
    *revisione e aggiornamento delle rendite catastali degli immobili;
    *tale imposta deve servire a finanziare tutti i servizi comunali, compresa la raccolta dei rifiuti, e deve essere al 50% del comune e al 50% dello Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *