Articoli

Netanyahu e Trump, i due leader disprezzati dai giornalisti colti - Seconda parte

Gli errori repubblicani sono poi stati incredibilmente incrementati dalla catastrofica politica estera di Barack Obama, John Kerry e Hillary Clinton che con la complicità di politici come Nicolas Sarkozy e poi Emmanuel Macron (con la parentesi dell’inutile François Hollande) e di Angela Merkel  sostenendo un ubriaco multilateralismo hanno costruito una base per un egemonismo cinese che se se si consentirà a Pechino di saldarsi a Mosca, diventerà la base per fare del Vecchio Continente – come ha bene osservato Henry Kissinger – un’appendice di un vero e proprio blocco euroasiatico, offrendo così anche ottime chance per i vari fondamentalismi islamici di inserirsi in questo processo.

Netanyahu e Trump hanno rappresentato e rappresentano l’unica risposta reale alle sfide poste da questo scenario, la forma in cui la esprimono è certamente spesso un po’ selvaggia ma è tale anche per sfondare il muro di irresolutezza che osservatori come Friedman colti, intelligenti ma con il cervello e le analisi che gli sono andati completamente in acqua, hanno così solidamente costruito.

 

PaginaPrecedente
PaginaSuccessiva
Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

LA RIPARTENZA SI AVVICINA!

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli