in

Recovery plan: i 142 pasticci di Conte - Seconda parte

Dimensioni testo

La tragedia vera è però un’altra. Il Piano prevede di utilizzare buona parte del Recovery fund europeo per sostituire debito italiano. Cioè per ripagare debiti già fatti e quindi non per fare investimenti addizionali. La quota di utilizzo dei soldi europei per ripagare debito italiano già fatto è in discussione: attenzione, era 100 miliardi su 193 qualche settimana fa. Dopo varie proteste di Italia Viva, sembra che il governo potrebbe scendere a 90? A 80? Insomma, la questione sarebbe posta in questi termini: partendo da un livello debito/Pil di 135% nel 2019, se utilizziamo tutti denari europei per i nuovi investimenti necessari al rilancio del Paese, nei prossimi anni il nostro debito sale al 160% del Pil.

Se, prudentemente, ne utilizziamo un po’ per ripagare i debiti passati e un po’ per la pioggia, otteniamo un miglioramento, perché il nostro debito sale solo al 145%. Detto in parole povere, è meglio suicidarsi buttandosi dal 14esimo invece che dal 16esimo piano.

Andrea Bollino, 5 gennaio 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
Il governo Draghi non è un’offesa alla democrazia -
5 Febbraio 2021 17:15

[…] dai problemi tecnici del passato: ho scritto che il Recovery plan presentato da Conte aveva 142 pasticci. Ma vogliamo dire con chiarezza che quel documento era stato scritto e assemblato da tecnici non […]

Mina
Mina
6 Gennaio 2021 17:47

Conte.. Conte… Chi era costui?
Nessuno si ricorda che Conte, da poco elevato a Premier, quando doveva rilasciare una dichiarazione, cercava con gli occhi il consenso, un appiglio, a destra e a manca, dai due più ignoranti che il mercato potesse offrire, perchè non sapeva che cosa dire?
Ed ora ci meravigliamo che lui, uno che ha studiato, e con alle spalle chi sappiamo, si erga a dittatore e non voglia ascoltare nessuno?
Conte è stato costruito per quel ruolo e come tale, si comporta.

Valeria
Valeria
6 Gennaio 2021 11:19

Ha proprio ragione, è quello che spaventa tutti noi!

Andrea
Andrea
6 Gennaio 2021 10:42

Non so come debba essere speso questo denaro, non ho competenze di questo tipo per dirlo. Immagino pero’ che debba servire per riavviare la nostra economia rendendo il sistema piu’ equo, meritocratico, veloce ed efficiente. Che serva per creare un terreno fertile per far crescere altra ricchezza e crei opportunita’ per tutti e non solo per pochi.

Quello che mi spaventa e’ che a decidere saranno le stesse persone che hanno dimostrato di non essere all’altezza. E personalmente ci metto dentro tutti da Mattarella a Conte, da Di Maio a Salvini.

Perche’ vorrei ricordare (ad esempio) che il reddito di cittadinanza e’ stato approvato anche dalla Lega e da Salvini (primo Governo Conte).

Felice
Felice
6 Gennaio 2021 9:18

Sara’ difficile che i fondi europei vengano messi nelle mani di questi screanzati. Con i loro piani insensati dall’Europa non ci arrivera’ neppure un centesimo. Sarebbe l’ora che Mattarella si svegliasse e ce li levasse dai piedi.

Angela
Angela
5 Gennaio 2021 23:36

Non ci resta che piangere…
..

Nella
Nella
5 Gennaio 2021 23:17

Il Troikavax spero lo inoculino ad un certo Gianluca di questo forum….A me hanno accreditato 40 euro in + (spero che non me ne tolgano 80 a febbraio….) Parlando invece di.VACCINI ora è in arrivo il MIO vaccino…tutto italiano!!!’Na svorta da paura…

Gianluca
Gianluca
5 Gennaio 2021 22:35

Mettere i fondi europei in mano a questi squinternati equivale a delegare alla volpe la vigilanza del pollaio e mi scuso con gli amici degli animali per l’ardito accostamento, essendo questi ultimi sicuramente più intelligenti e razionali di molti esponenti politici nostrani. E’ sgradevole da dirsi, ma ci può salvare solo il vaccino greco, il Troikavax, l’hanno già testato e pare che funzioni, avendo come unica controindicazione l’impossibilità per i vaccinati di potersi lamentare o di chiedere le dimissioni del governo.