Vaccini: la vera emergenza è che abbiamo Arcuri

arcuri

Condividi questo articolo


Ormai siamo in una condizione kafkiana in cui la principale emergenza non è dettata dal Covid, ma da chi ha ricevuto il mandato di attutirne l’impatto devastante fallendo nell’incarico. Tant’è che la struttura commissariale rincorre l’emergenza sanitaria, anziché anticiparsi il lavoro con una programmazione di interventi che sono prevedibili in un quadro pandemico.

Commissario inadeguato

Essere impreparati al piano vaccinale, sia con la carenza del personale sanitario preposto alla somministrazione delle dosi sia con l’inadempiente dotazione di una logistica operativa, conferma l’inadeguatezza dell’ineffabile Domenico Arcuri. Siamo in presenza di una struttura che, piuttosto di onorare la sua missione orientata a placare l’urgenza scatenata dal virus, sta fomentando l’emergenza e, così, risultando parte del problema anziché della soluzione. Non abbiamo ancora gli operatori sanitari idonei a soddisfare il fabbisogno del personale addetto alla massiccia campagna di vaccinazioni. Mancano i centri dove eseguire materialmente l’inoculazione dell’antidoto, i cosiddetti hub di vaccinazione, ma possiamo consolarci soltanto con l’idea architettonica, a sagoma floreale, partorita da Stefano Boeri.

Ci siamo vincolati al piano europeo per la distribuzione, proporzionale alla popolazione di ciascun paese, del vaccino senza esplorare canali di approvvigionamento alternativi, limitandoci nella disponibilità del siero anti-Covid. Ci siamo lasciati sedurre dalla strategia comune sui vaccini presentata dalla Commissione europea lo scorso 17 giugno. L’unità e la solidarietà erano il mantra della burocrazia europea e negli accordi sottoscritti si sanciva «l’obbligo di non fare trattative separate».

Sovranismo tedesco

Tuttavia, in queste ore abbiamo appreso che la Germania se ne è infischiata delle quote prestabilite, stipulando accordi bilaterali con i produttori del vaccino, aumentando le scorte e, così, anteponendo gli interessi del suo popolo alle vaghezze retoriche di stanza a Bruxelles. Il presidente della Commissione europea, la teutonica Ursula von der Leyen, protesterà contro la Merkel per aver autorizzato una palese violazione dell’accordo sottoscritto sulla strategia comune dei vaccini?

Italia in balia degli eventi

Il silenzio equivarrebbe ad approvarne l’operato e d’altronde una nazione sovrana ha il diritto di agire, seppure con scaltrezza, per tutelare prioritariamente il suo popolo. È l’impotenza passiva del governo italiano a sollevare fondati dubbi sulla qualità di una classe politica e parapolitica che non sta dando alcun segnale di virtù operativa.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


3 Commenti

Scrivi un commento
  1. Condivido l’articolo. Aggiungo che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte dovrebbe salire al colle da Mattarella e comunicargli che non se la sente di continuare il suo incarico. Dimostrerebbe di essere una persona responsabile e intelligente. La gestione di tutti i problemi sul tappeto “ è una cosa troppo grande per lui”. L’Italia ha assoluto bisogno di avere una guida a capo del governo, capace e con esperienza. Mario Draghi.

  2. Alcuni in questo sito tentano di assolvere il governo Conte quando è passato dal verde al rosso rinnegando i suoi principi.
    Non è il sito che lo condanna, ma le sue opere incapaci condannate da tutta la UE e non solo, come Renzi che lo ha voluto.
    Renzi lo ha determinato uscendo dal PD, tentando di ricostruire una sua immagine in un nuovo partito portando via i voti dal PD e dai grillini.
    Le cose non sono andate come sperava e tenta l’ultima carta bleffando, estraendo l’asso dalla manica.
    Non credo riuscirà a farlo e dovrebbe tornare alla sua promessa:
    “se perdo esco dalla politica”.
    Non parliamo dei cani gialli che tiravano palettate di caccole ai gatti rossi che li ricambiavano ampliamente, i quali unendosi hanno formato il partito dei Ca-Ga.
    Arcuri è solo una deriva di un governo infausto il quale non merita nulla.
    Tornare al voto è una necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *