Zuppa di Porro: rassegna stampa del 30 luglio 2020

Banchi scuola, Arcuri ne combina un’altra

Condividi questo articolo


00:00 Caos politico sulle Commissioni mentre tutti sono d’accordo sullo scostamento di bilancio, ovvero far pagare più soldi agli italiani indebitandoci di 25 miliardi aggiuntivi.

01:36 La Meloni fa un discorso forte e interessante che viene deriso da Conte. E se fosse avvenuto a parti inverse?

02:35 Nel frattempo solo Il Messaggero dice che la maggioranza di Conte appare in buona salute.

02:53 Due pesi due misure: se la Fornero diventa giurata in un quiz va tutto bene ma se Di Battista serve ai tavoli viene preso in giro.

04:40 Caso Fontana, prosegue l’attacco alla Lombardia.

07:38 La questione immigrazione continua ad affliggere le coste del sud.

08:50 Intervista sul Messaggero al ministro Dadone: imbarazzante nelle sue dichiarazioni.

09:13 Arcuri e il super bando dei banchi rimandato (di nuovo).

11:55 Delusione per il Capo dell’Agenzia delle Entrate: la Cash flow tax è un delirio. Ma secondo voi le Partita Iva possono pagare l’Irpef ogni mese?

13:20 Big Tech: Facebook, Google, Apple e Amazon vengono sentiti dall’Antitrust rivendicando il modello americano. L’unico che dice che stanno esagerando è il presidente Trump e che se non si calmeranno agirà lui stesso tramite ordini esecutivi

14:20 Continuano i commenti contro i negazionisti. Per fortuna che c’è Telese che oggi intervista Ainis, presente al Convegno sul Covid organizzato al Senato da Siri e da Sgarbi, che dice che gli unici negazionisti in verità sono quelli dei nostri diritti costituzionali, altrimenti dovremmo affidarci alla Stampa e al Fatto Quotidiano (soprattutto per la Ambrosi) che ci vuole addirittura espellere dall’Odg.

16:46 Bellissimo il pezzo di Mattia Feltri sulla Stampa che ricorda le masse di Canetti.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


6 Commenti

Scrivi un commento
  1. Quelli che vogliono comprare non sono banchi ma sedie con rotelle dotate di un piccolo tavolino
    Immaginate una classe con 20 alunni che devono scrivere su tavoli piccolini e presto sbilenchi che girano e ruotano divertiti sulle sedie con ruote
    E l’insegnante cosa può fare? E quanto pensate possano durare queste sedie con rotelle?
    Spero che le scuole conservino con molta cura i vecchi banchi perché credo che queste sedie non dureranno a lungo
    Sono un insegnante

  2. Per il caso Lombardia, tanti scoop ma, non un accenno alla fattura dei camici , se era buona o no e se forse hanno contribuito alla sicurezza e alla salute del personale sanitario. ……….Non interessa!

  3. mi spiace dirlo… ma al sud gli hanno votati i 5 stelle e il pd? e ora si accorgono della cagata fatta, speriamo che alle prossime elezioni ci pensino bene e non si facciano abbagliare da false promesse e soldi facili

  4. Su Ambrosi hai toppato alla grande in quanto non ha mai scritto che dovevano espellere Porro ma ha scritto ” l’ordine dei giornalisti non ha nulla da dire su chi nega la pericolosità del covid 19″.
    Toc-Toc
    Violenta è stata la tua reazione: genio, carina, cacacxxxx, brava, ioga, una completamente …, non di questa che si qualifica per quello che ha scritto.
    In merito a Popper tra l’altro ha scritto “si tratta di due opinioni, eguali e legittime” e che la verità non si fa con un solo articolo”. Se su 100 misure 99 convergono è probabile che sia quella giusta.
    Sono libertà di parola e di pensiero.

  5. Nel caso si debba far fronte ad una evacuazione di emergenza dovuta al terremoto, gli insegnanti presenti in classe e il personale di supporto (collaboratori scolastici in primis, ma anche assistenti amministrativi), debbono attenersi alle seguenti procedure:

    Mantenere la calma, evitando scene di panico ed isterismi
    Trattenere gli studenti in aula fino alla fine della scossa, fecendoli riparare inginocchiati sotto i banchi, sotto gli architravi delle porte o vicino ai muri portanti. Ricordare di
    …….chissà se la stupida ministra sa che i suoi stupidi banchi non proteggono i ragazzi dai terremoti perché non si potrà andare sotto a quegli stupidi banchi; non sanno niente e non sono efficaci, Azzolina,Arcuri,Conte subito ad un corso per aspiranti mattiniero!

  6. Nicola
    La Giorgia non ha bisogno della tua accorata difesa. Ha fatto un discorso veramente cazzuto e incisivo. La troppa teatralità del discorso ha portato a qualche insulto e derisione. Fa parte del gioco destra e sinistra. Pensiamo un pò ad Azzolina, Castelli e Lamorgese anche loro vittime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *