in

Leopolda Bim bum bam. Se le vanno a cercare

Zuppa di Porro: rassegna stampe del 22 ottobre 2018

00:00 Il vecchio e autorevole Corrierone sembra un sito internet grazie alla domination di Vodafone.

01:15 Kermesse M5S, meno persone e le espressioni abominevoli di Grillo. Gianluigi Paragone avvisa Roberto Fico.

03:38 Manovra, bellissimo pezzo di Perotti su la Repubblica nel quale ci ricorda due cose oggettive: una contro e una a fvaore del governo.

07:00 Steve Bannon allo “schizzinoso” Fubini spiega quanto siano importanti le radio.

08:20 Lezione di immigrazione clandestina da Fabio Fazio.

09:20 Bim bum bam Leopolda. Paolo Bonolis maître à penser del Pd, che candida Rula Jebreal. E Mariaelena Boschi si dice preoccupata per i risparmi, Matteo Renzi straparla. Se le vanno a cercare.

11:23 Magneti Marelli sarà venduta. Ecco a chi e le cifre.

11:53 Sul Fatto si parla dello stivale a mezza coscia della Boschi…

Condividi questo articolo
  • 114
    Shares

18 Commenti

Scrivi un commento
  1. ma questi qui che adesso pontificano sulla coerenza di di maio sono sempre gli stessi che avevano giurato sui loro figli, addirittura più solennemente di quell’altro, che “per serietà e rispetto degli elettori” sarebbero andati a casa un minuti dopo la sconfitta nel referendum? sono sempre gli stessi che a reti unificate dichiaravano alla nazione che “per serietà e rispetto dei cittadini” mai e poi mai sarebbero andati al governo senza un mandato popolare? che dicevano a letta di stare sereno perché loro non erano come gli altri che tramavano alle spalle coi soliti intrighi di palazzo? che sbeffeggiavano e deridevano alfano non capacitandosi di come si potesse governare col portaborse e i loschi sodali di Berlusconi fino al giorno prima di fare ministro degli interni lui e imbarcando i vari verdini e formigoni nella maggioranza di governo del ribaltone antiletta? e sono sempre quelli che hanno nominato i vertici che hanno devastato i bilanci di mps e banca Etruria mettendo sul lastrico migliaia di famiglie e facendo spendere quasi 30 miliardi ai contribuenti per i relativi salvataggi (altro che redito di cittadinanza!), nel silenzio assordante dei loro compagni di merende juncker e moscovici, e adesso vengono a fare la morale sui risparmi, sullo spread e il rigore dei conti?
    e sono sempre gli stessi che ci hanno riempito di clandestini e fatto spendere 5 miliardi l’anno per mantenerli non certo per solidarietà e umanità ma al solo scopo di ingrassare la mafia dell’ accoglienza in mano ai vari buzi di tutt’italia e adesso anche lì hanno la faccia come il culo di criticare il sacrosanto tentativo di salvini di porre un freno allo sfacelo sociale ed economico che la loro criminale politica immigratoria ha causato??
    e sono sempre gli stessi campioni di coerenza che parlano di far west e poi votano a favore su uno degli articoli più importanti della legge sulla legittima difesa?
    (persino) di maio, con tutta la sua mediocrità, confronto a questi INQUALIFICABILI CIALTRONI BUGIARDI TRUFFATORI è una via di mezzo tra de gasperi e Einaudi.
    ma ancora parlate?? ma state zitti!! ZITTI!!!
    fatevi i vostri congressi, i vostri dibattiti, le vostre direzioni del partito, le vostre primarie, insomma le solite chiacchiere, chiacchiere, chiacchiere e ancora chiacchiere, che tanto solo quello sapete fare E NON ROMPETE PIU’ I COGLIONI AGLI ITALIANI!!!
    MA NON VEDETE CHE NON VI VOTANO PIU’ NEMMENO I PARENTI??
    ANDATEVENE A CASAAAAA!!!

  2. Caro Porro,
    lungi da me insegnarti il mestiere che sai fare benissimo.
    Tuttavia non vorrei che per dimostrare imparzialità, finissi per pendere artificialmente dall’altra parte.
    Quando nella trasmissione di ‘sta sera hai interrotto Luttwak per dare la linea al (inutile) servizio esterno molestando tre affamati che ovviamente non hanno detto nulla, quando rientri in studio correttezza vorrebbe che si ridesse la parola a colui al quale la si è interrotta ovvero Lutwak.
    Non hai fatto così; probabilmente più per distrazione che per volontà.
    Però da te ci aspettiamo un comportamento diverso dai tuoi faziosi colleghi che infestano il 99% dei talk politici.
    Sarà per la prossima volta.
    Cordiali saluti.

  3. Non stiamo meglio con il M5S quando Luigi di Maio osa, dico osa perché non ha neanche un leggero sospetto che dovrebbe vergognarsi delle sue parole, dunque osa presentare al pubblico dei seguaci del M5S due tristi figuri che lo hanno ispirato e guidato: Beppe Grillo e Casaleggio. Un cosí detto comico la cui fama di far ridere dei cretini quano esclama Vaaf…, Casaleggio un assessore la cui fama non consiste se non l’essere stato il figlio di un faccendiere che fu amico e consigliere privato di Grillo nel formare una societá chiamata M5S. Pero é una inaasperata fortuna perché questo gregge di pseudo socialisti e vocali nazionalisti avtrbbe potuto essere guidato da un Chavez.

  4. Nicola,tu che sei un liberale e dovresti apprezzare le spinte propulsive di un popolo che invade una città italiana senza bisogno,come i venditori di pentole,di organizzare le carovane di pensionati in gita premio con pranzo offerto.
    Gente giovane(anche dentro) che si inerpica con i propi mezzi per poter assaporare il vero gusto della politica.
    Il suo intrinseco avviluppo con l’uomo senza un secondo fine egoistico.
    Un raduno che,dopo nove anni e 1000 giorni di governo(un governo riformista e sociale come nn si vedeva dai tempi del “cinghialone” Craxi)riesce ad aumentare la sua partecipazione senza bisogno di svanculare o allucinare ordalie verso “nemici esterni”.
    Tu,vedi in questo sprizzare di energie e,financo gioia,un qualche disprezzo?
    Il popolo italiano detiene,di risparmio privato,qualcosa come 4.500 miliardi.
    Credi che siano ben tutelati dai nostri attuali governanti che pensano ogni diavoleria per potarseli in seno,ma nn hanno il coraggio di togliere gli 80 euro o nn far scattare le clausole di aumento iva?
    Quota 100 e redditto di cittadinanza,già da soli dicono tutto.

  5. Nn ho capito la storia del disavanzo pubblico allo 0,8 previsto nel 2016.
    A me risulta che la commissione europea ci aveva stimati in un 2,3 e si è chiuso con un 2,4.
    In pratica si è tenuta la barra dritta facendo un deficit in calo rispetto al 2,9 del 2016,puntando su riforme strutturali e incentivi alla crescita che ancora oggi,benché un governo che appare sempre più interessato alla semplice assistenza del mezzogiorno dal momento che si vuole “regionalizzare” il redditto di cittadinanza svincolandolo dalle tre proposte se nn all’interno della propia regione,stanno sostenendo una fase di crescita in diminuzione per scelte dell’attuale compaggine di sfascio dell’economia.
    Il tutto per inseguire un passato monetarista e inflazionista che è l’unica ragione del nostro attuale debito pubblico.

  6. ottima zuppa condivisa completamente , fra tutte le notizie recenti quella che mi conforta è il candidato del centrodestra in grande vantaggio nell’ Alto Adige.
    A questa sera quarta Repubblica

  7. Molte critiche al Governo per la Finanziaria e per l’aumento del debito pubblico.
    voglio ripetere cio’ che ho scritto un paio di giorni fa:
    Nel 2011Monti ha trovato un debito pubblico di 1.898 miliardi. Dopo Monti, Letta, Renzi e Gentiloni il nuovo governo in Maggio 2018 ha trovato un debito di 2.326 miliadi. Aumento di 429 miliari, ovvero una media annuale di aumento di 71.5 miliardi. Nessuno ha mai parlato di questo durante i precedenti governi solo ora ci si accorge dell’aumento. Il prossimo debito messo sul mercato quotidinamente dal Tesoro sara’ comprato solo dai risparmatori italiani e dalle banche italiane. Il prossimo Governatore della BCE sara tedesco. Non credo ci sara’ piu’ il quantitaive easing di Draghi.
    Con l’aumento dello spread a 300 punti base i prossimi risparmiatori italiano avranno un rendimento maggiore per i loro risparmi.

  8. La leopolda un branco di pidioti comandati da un BISCHERO che voleva fare il mussolini secondo in ITALIA per fortuna non e andata COSÌ, ora cercano di aggrapparsi ai vetri per sopravvivere parlando a vanvera che sta nel loro DNA ma credo sia tutto INUTILE sebbene hanno cambiato molte volte il nome cadranno nella nebbia alle prossime elezioni.

  9. Che coppia: un personaggio dello spettacolo, Bonolis, che “potrebbe” fare politica, ed un politico, Renzi, che “dovrebbe “ fare cabaret. Sono la sintesi, il simbolo della confusione totale di una società in cui nessuno fa quello che dovrebbe, ma fa altro; i comici fanno politica ed i politici fanno ridere. Ecco perché la gente è frastornata da messaggi contradditori di una realtà alterata, ed è convinta che questa specie di regime fondato sull’egemonia culturale della sinistra sia democrazia.

  10. Al di là di tutti i discorsi metafisici, metapolitici, metà si e metà no……..anche lo stivale a mezza coscia della Boschi ha un suo perchè.

  11. Al di là di tutti i discorsi metafisici, metapolitici, metà si e metà no……Anche lo stivale a mezza coscia della Boschi ha un suo perchè.

  12. Come al solito chiaro e trasparente. Mi é piaciuto molto il passaggio su Bonolis alla manifestazione Leopolda… che risate! Ci vediamo stasera a Quarta Repubblica

  13. Come al solito chiaro e trasparente. Mi è piaciuto molto il commento sulla presenza di Bonolis alla Leopolda. …che risate! A stasera e complimenti

  14. Ipse dixit: “stupido e’ chi lo stupido fa”…(Tom Hanks nel film Forrest gump). I soloni del PD e qualche giornalista stratega dell’ultima ora nelle problematiche di economia finanziaria, dovrebbero prendere visione di quel film…Questo governo lo paragono a Forrest Gump e scusatemi se e’ poco! Alla Leopolda un manipolo di pseudo intellettuali, gente abituata a stare davanti ai microfoni ed amanti del proscenio,renzi su tutti, innamorato della sterile sapienza e mediocre conoscenza, Bonolis un simpaticone, i suoi discorsi sono una continua gag e monotoni oramai, la Boschi? una miracolata che naviga nel limbo attendendo il Caronte di turno che la trasporti di nuovo in paradiso…anche lei esterna, anche lei aggiunge parole e vocaboli in quel calderone che continuamente viene riempito da chi lo stupido fa’! L’Italia ha la possibilita’, che piaccia o no, di non fare piu’ la stupida e di far valee le proprie idee e convincimenti, quelle idee per cui in tanti hanno sacrificato la propria vita e paradossalmente quel sacrificio viene oggi umiliato proprio da chi ne ha fatto sempre una bandiera! razzismo al contrario….

  15. Senti porro riscaldato, finché ti occupi di politica declamando i tuoi panegirici a chi ti passa la pagnotta posso anche accettarlo ma lascia stare la macro-economia e non parlarne almeno fino a quando mi spieghi come mai il Giappone ha un debito pubblico doppio del nostro eppure i suoi bond sono considerati migliori di quelli tedeschi, ha una disoccupazione quasi inesistente e nessun speculatore, sia fondi che banche, come nè FMI e nè altri organismi internazionali, gli rompono l’anima?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *