Migranti, il grande bluff della redistribuzione

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 15 settembre 2019

00:00 La politica sull’immigrazione è cambiata, il governo giallorosso apre i porti e spera nella redistribuzione in Europa. Ma è un grande bluff! Come avevo già raccontato in questa zuppa di qualche giorno fa

03:30 Le promesse del governo che per essere realizzate hanno bisogno di soldi, tanti soldi…

04:32 Il ministro Gualtieri ci dice che la flat tax è una schifezza e che non ci sarà l’estensione fino a 100mila euro al 15%

05:15 Il retroscena sui Benetton

06:40 La guerra dei droni raccontata dal direttore Maurizio Molinari

07:40 La minaccia di scissione dei renziani sembra non avere senso…

09:04 Le elezioni tunisine con un candidato arrestato per evasione fiscale

09:27 La Lega oggi si riunisce a Pontida

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
41 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Sal
Sal
18 Settembre 2019 6:59

Malta accoglie 90 migranti. Dove sarebbe la bufala?

Elio Dottore
Elio Dottore
17 Settembre 2019 8:09

C’è da chiedersi se questi piddini lo sono o lo fanno.

trackback
Mao querela Pinocchio a Pontida per la parolaccia a Mattarella. Geppetto arrestato dai Carabinieri – Vito Comencini, MAO Valpiana – vraie55
17 Settembre 2019 0:02

[…] Migranti, il grande bluff della redistribuzione […]

David
David
16 Settembre 2019 22:33

Si, ma un po’ di onestà intellettuale *****.
Caro Porro, hai ragione sulla redistribuzione. Ma questo accadeva anche (e sopratutto) con Salvini ogni volta che, dopo la manfrina di una settimana davanti a ogni ong, diceva: “attracca perché molti stati si sono fatti avanti”. Ma tutti tacevano sul fatto che in realtà non venivano mai redistribuiti, se non una minima parte.

E, ricordo, che l’accordo su base volontaria fu fatto e spinto dall’allora neonato governo gialloverde quando Conte uscì trionfante dai palazzi europei il 30 giugno 2018. E subito la propaganda di Salvini si fece sentire. Ma allora nessuno denunciò che “erano s una base volontaria”.

Caro Porro, da liberista e uomo liberale e moderato di centrodestra, ti stai atteggiando a populista-leghista.

Che tristezza

laval
laval
16 Settembre 2019 19:07

Sal vedo che spari vento maleodorante dappertutto. Vedi razzisti e fascisti in ogni angolo, offendi a piene mani, se hai i neuroni stoppati dalle canne allora va bene, altrimenti porta degli argomenti seri su cui ci si possa confrontare.

fabio
fabio
16 Settembre 2019 18:10

Brava, vedo che anche tu ha capito che questa non è umanità ma la nuova tratta degli schiavi. Delle volte mi chiedo se il pensiero sull’immigrazione fosse al contrario: la destra la vorrebbe e la sinistra no, cosa staremmo a dire oggi? Che quelli di destra, conservatori, sfruttatori e difensori dei “padroni” appoggiano l’immigrazione solo per i loro interessi perché cercano manodopera a basso costo. Invece, visto che è la sinistra, quella che (una volta !?!?!) difendevano i deboli e gli oppressi, che vuole una Italia senza confini, allora va tutto bene, lo fanno solo per “amore”!!!!

trackback
Umbria, ora l'inciucio Pd-5Stelle si chiama alleanza civica - Nicola Porro
16 Settembre 2019 12:24

[…] 05:05 Il Corriere della Sera parla dell’accordo di Malta sulla redistribuzione studiato da Salvini ma che Macron non voleva. Ma i migranti economici non saranno redistribuiti… […]

honhil
honhil
16 Settembre 2019 10:05

La barzelletta di sempre è riproposta, sapendo che è una bufala più grande del Quirinale. Ma tant’è. E così tutto il governo, con in testa il ministro dell’Interno (che è in quota di Mattarella e che conosce bene il gioco essendo stata l’alter ego dell’africazizzatore Alfano), dà il la all’operazione. Ma a conti fatti, ammesso che Macron e Merkel non ci li rifilino dopo, come è loro costume, degli 82 clandestini per forza di cose 65 non faranno parte di questa ridistribuzione essendo clandestini economici: 82-65 = 17: il 50% di questi 17 arrotondando per difetto e cioè 8 andranno tra Francia e Germania, mentre i restanti 9 + i restanti 65 di cui sopra e cioè 74 su 82 e cioè il 90% del totale restare a carico dello Stivale. E l’Italia e gli italiani sono belli e gabbati! Ma che importanza ha, visto che per qualche anno ancora non potranno andare a votare! Ma la buona notizia è che le cooperative rosse, bianche e di colore cirricaca che li prenderanno in carica potranno riprendere a macinare business.