Zuppa di Porro: rassegna stampa del 28 ottobre 2019

Sprofondo giallorosso

00:00 Risultati Umbria, il trionfo del centrodestra che spazza via l’alleanza Pd-5Stelle con venti punti di distacco. Meno male che Salvini era finito, tracollo dei grillini.

02:55 Il Fatto Quotidiano dice che “Salvini si consola con l’Umbria”. Titolo tipico del portavoce dei 5Stelle, Marco Travaglio.

05:54 Il Corriere della Sera ci tiene comunque a tenersi caro Conte, nonostante tutto.

07:50 Conte non è servito a nulla… anzi a far perdere voti, scrive Sallusti.

08:10 Renzi ne approfitta e fa subito il Pierino…

08:42 Tutti i preti umbri contro il voto a destra… mentre a sinistra va tutto bene!

09:20 Il Financial Times svela che Conte avrebbe lavorato su un fondo poi indagato dal Vaticano prima che diventasse Premier.

11:40 L’uccisione di Al Baghdadi: dedicato a tutti quelli che sfottono Trump.

12:20 Ricordatevi il mio nuovo libro Le tasse invisibili.

La morte di al Baghdadi spazza via anche il cretino anti-trumpiano

La mossa sbagliata di Bergoglio

Perché il “sistema rosso” ha rovinato l’Umbria

 

 

Condividi questo articolo

6 Commenti

Scrivi un commento
  1. A sinistra stanno analizzando i motivi della sconfitta: la spiegazione più accreditata è che sia colpa della CO2. Soluzione ? Una nuova ecotassa sulle palestre : chi pratica fitness consuma più ossigeno e produce più CO2.

  2. Caro Dott.Porro,
    Vorrei che lei , così ben informato sull’insieme della politica ,mi dicesse se : ” il nostro beneamato Presidente Mattarella gode sempre di buona salute , perchè sono estremamente preoccupato , non avendolo più sentito commentare l’operato di questo Governo a quanto pare , così inviso all’elettorato italiano “.
    Non vorrei che l’aver negato il voto agli Italiani per mettere insieme un’accozzaglia governativa di tal fatta non gli lasciasse dormire sonni tranquilli e ben retribuiti .
    Lorenzo Alemanni

  3. Considero con soddisfazione un fatto: i cattolici finalmente hanno votato senza farsi consigliare dai parroci. Credo che ciò si debba al dissennato sostegno all’ immigrazione espreso dal Papa, che ha alienato ampi settori dell’elettorato cattolico. Se finora il dissenso dei fedeli era limitato a settori traduzionalisti, ora la pesante ingerenza politica della Cei e del Vaticano ha avuto un notevole effetto boomerang…interessante!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *