Franco Carinci

Franco Carinci
7.8k Visualizzazioni

Altro che liste e “putiniani”, guai a non prendere sul serio le parole di Putin

Mi sono chiesto più di una volta quale potesse considerarsi la malattia tipica dei mass media italiani, senza riuscire a trovare risposta, pur sfogliando più di una volta il ponderoso volume di patologia generale su cui ha studiato mia figlia. Quasi ogni infermità sembrava tagliata a giusta misura del sottoscritto, ma nessuna attribuibile alla nostra […]

6.8k Visualizzazioni

Armi no, sanzioni nemmeno: per il partito di Santoro meglio russi che morti

Sarà che Michele Santoro non mi è stato mai particolarmente simpatico per quel tono profetico millenarista profuso pur anco trattando di cose di cronaca spicciola, ma ritrovarmelo ora tutto proiettato fuori dal video, mi è apparso come un vecchio cavallo imbolsito, scalpitante al lontano odore di polveri. Il suo nitrito di battaglia, levato a tutto […]

3k Visualizzazioni

Una lezione dall’invasione russa dell’Ucraina: l’insufficienza dell’ombrello nucleare Nato

Sorprende che a tutt’oggi non si sia dato rilievo ad un precedente accostabile all’invasione dell’Ucraina da parte della Federazione Russa, cioè la guerra tra Finlandia e Unione sovietica, combattuta nel breve arco di tre mesi, dal 30 novembre 1939 al 12 marzo 1940, fra l’altro con un potenziale accostamento dei due dittatori insediati a Mosca, […]

3.9k Visualizzazioni

Gli ucraini ci ricordano la più grande lezione dimenticata della resistenza

È ricorrente con riguardo al confronto militare fra Ucraina e Federazione Russa il richiamo al duello biblico fra Davide e Golia, per enfatizzare lo squilibrio di forze in campo, ma non sempre tenendo presente la conclusione di quel duello, che ci dice come fu vinto per determinazione e astuzia proprio da Davide. C’è chi sul […]

3.4k Visualizzazioni

Resistenza ucraina inconcepibile, dopo aver sacrificato la libertà per non rischiare il Covid

In un bell’articolo apparso su Repubblica, una giornalista carica d’anni, ma anche di insegnamenti, Natalia Aspesi, scriveva che la vicenda ucraina segna una sorta di revival della preistoria, le donne e i bambini messi al sicuro, gli uomini a combattere per difenderli. Mi permetterei di correggere l’illustre autrice, parlando di una tendenza primigenia, profondamente radicata […]

3.2k Visualizzazioni

Perché alle donne non conviene farsi occultare nelle “identità di genere”

Confesso di coltivare l’orgoglio di essere nato maschio, cioè del mio sesso biologico, con quel tanto di misoginismo dovuto all’acquisto di un patrimonio culturale, prevalentemente letterario ed artistico ma non solo, costruito nell’arco di pochi millenni quasi esclusivamente da uomini, ma proprio per questo estremamente dipendente dalle donne, senza alcuna pulsione aggressiva, ma piuttosto una […]

3.2k Visualizzazioni

La Cancel Culture entra alla Biennale: facile cancellare, più difficile riempire di nuovi significati

Per quanto si possa andare indietro nel tempo, l’alba di quella che consideriamo la nostra civiltà non inizia se non poche migliaia di anni fa, a quando risalgono le prime costruzioni, una storia assai breve rispetto all’età geologica della terra, eppure sembra che questo passato ci tenga prigionieri, sì da doversene liberare per procedere oltre. […]

3.6k Visualizzazioni

Per la “stabilità” giustificata qualsiasi forzatura, ma la democrazia vive di fisiologica discontinuità

La parola magica usata e abusata nei fondi dei quotidiani e nei talk show televisivi è stata “stabilità”, con riguardo alla elezione del presidente della Repubblica: invocata alla vigilia, in favore di Draghi, che dal Quirinale l’avrebbe garantita per sette anni sub specie di un semipresidenzialismo di fatto; e nel, corso dell’Assemblea elettiva, a favore […]

3.4k Visualizzazioni

Dopo l’euforia per Mattarella, la riconferma di Draghi: ma gli dèi accecano coloro che vogliono perdere

Un respiro di sollievo, un sospirone a dire il vero, con ad alimentarlo un paio di polmoni comparabili a mantici a pieno regime, che ha accomunato entrambi i lati dell’Atlantico, da Bruxelles a Washington: questo l’enfatico giudizio corale della stampa che conta, la Repubblica e il Corriere della Sera a tenere la regia, più scoperta […]

3.6k Visualizzazioni

La commedia di Mattarella: ha vinto la paura di molti al servizio dell’ambizione di uno solo

Confesso, ho assistito con profondo disagio all’umiliante pellegrinaggio dei capigruppo della maggioranza al Quirinale, per implorare il suo attuale inquilino di accettare quel secondo mandato che egli stesso aveva fatto di tutto per ottenere, con un doppio colpo: strategico, non sciogliere il Parlamento che era prevedibile non sarebbe riuscito a scegliere facilmente un successore; tattico, […]

3.2k Visualizzazioni

La pandemia passa, le lesioni costituzionali restano: travolto il principio di proporzionalità

Ad un tranquillo signore – non dico proveniente dal pianeta rosso ma da molto più vicino, da qualche altro Paese europeo – potrebbe certo stupire la nostra strategia anti-Covid via via aggravata, fino a renderla di difficile lettura, combinata com’è su quattro colorazioni territoriali (bianco, giallo, arancione, rosso), su tre tipologie di Green Pass (base, […]

3.2k Visualizzazioni

Il gioco comincia a farsi duro: il pre-tatticismo dei contendenti al Colle

Ormai il gioco si è fatto “sporco”, tutto centrato sull’autentico terrore di questo Parlamento di essere mandato a casa anticipatamente, che pervade in modo più intenso il gruppone dei 5 stellati, tratti da un grigio anonimato per essere sbalzati al centro della scena politica, cui dovranno ritornare, lasciandosi alle spalle tutti i privilegi del loro […]

Vedi altri articoli