in

Farci odiare tra noi: l’ultima trovata del CEO capitalism

persone litigano
persone litigano

Dimensioni testo

Essere apòta nell’epoca del Ceo capitalism ha una sola negatività. Sai che non potrai mai andare al potere, peggio, sarai sempre un infame, perché hai rifiutato di essere “maggiordomo”. Il pensiero apòta è notoriamente debole nel breve, ma si prende la rivincita nel lungo, quando le sue analisi prospettiche tendono a verificarsi, anche se, come diceva quello, nel lungo saremo tutti morti.

Per esempio, un apòta ha il coraggio di chiedere al potere, visto che nessun giornale finora lo ha fatto: “In Afghanistan, in vent’anni di occupazione militare, dopo aver speso oltre 1.000 miliardi di dollari (gli americani of course, noi appena 10) che “valori democratici” abbiamo trasferito ai 38 milioni di afgani? Perché il super esercito di 300 mila uomini, super addestrato e super armato si è dissolto senza combattere? Perché gli afgani, inteso come popolo, non hanno avuto il minimo accenno di resistenza visto che i taleban erano (e sono) pochi e noti criminali islamisti?”.

Al contempo, molti mi chiedono un’indicazione sul futuro politico dell’Italia (immagino pure dell’Europa), alla luce del caso Kabul. Risposta standard la mia: rimarremo sotto il giogo di questo “regime mieloso” e saremo “militarmente scoperti”, perché gli americani non faranno mai più guerre per conto nostro, e i loro soldati non moriranno più per la nostra libertà. Finalmente, noi europei saremo soli con la nostra coscienza, le nostre viltà, il nostro coraggio”.

Dopo Kabul è in atto un totale rimescolamento delle carte. L’arrivo di Mario Draghi non solo ha fatto saltare il banco, ma ha costretto gli strateghi dei partiti a ripensare obiettivi, strategie, vertici, struttura organizzativa, budget. I “Sinistri” (e variante 5s) sanno che rimarranno al potere solo accentuando il loro ruolo di “maggiordomi”, così la parte “governativa” dei “Destri” ha capito che se al potere vuole andarci (sia chiaro quello solo “formale”, un’auto blu e vai) deve comportarsi come i “Sinistri”. Giocare sui social con quattro conigli da tastiera e quattro virologi che sognano una carriera politica è tempo perso.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Richard
Richard
8 Settembre 2021 15:40

Piu che Ceo Capitalism , utra liberism con procedure degne della Urss leninista prima maniera , altrochè funghi! Parlano semre loro i nazionalvaccinatori del Cts a fronte di due anni di sconfitte , anche i generali di Mussolini a fronte di 3 anni di disastri furono 25lugliati!

Hermes
Hermes
6 Settembre 2021 10:35

Certo è una trappola ma è pur vero che se vedi amici magari riproporre l’aperitivo domenicale ma con ridicolo balletto dei posti a tavola per presunte distanze, uso delle mascherine ossessivo (evidentemente come un condizionamento mentale) tu giustamente dici “Quando finisce questo delirio ci rivediamo in tranquillità” ed infatti già adesso il mascherinamento compulsivo è scemato se non nei fobici. Secondo me al 90 % per molti è stata una moda, avere qualcosa di cui parlare, sentirsi parte di una comunità senza dover pensare troppo, entrare nella Storia, a scapito della verità. Per molti “giornalisti” semplicemente garantirsi la pensione.

luca
luca
6 Settembre 2021 8:17

Concordo in tutto, la creazione di un nemico, (il virus, i no vax gli omofobi etc…) è necessaria al Regime per mantenere potere e controllo. Non ci sarebbe riuscito però senza la fattiva collaborazione dei media prezzolati e milioni di cittadini pecore che, per invidia, insoddisfazione, rancore, hanno dato una grande mano.

dominick
dominick
5 Settembre 2021 17:23

Fa piacere leggere che anche Riccardo Ruggeri ora ha inquadrato la strategia di fondo che onestamente traspariva già da diverso tempo.
Draghi non è nulla di nuovo sotto il sole. Un innesco adeguato nel processo del Ceo capitalism e nella trasformazione psicologica di noi cittadini in servi.

Pigi
Pigi
5 Settembre 2021 9:44

Un ravvedimento che fa onore alla sua intelligenza, se facciamo il paragone con questo articolo

https://www.nicolaporro.it/la-maggioranza-silenziosa-sta-con-draghi/

Con l’occasione, vorrei che si abbandonasse per sempre, da parte di chi magari aveva sperato a torto in certe persone, l’atteggiamento iniziale che sento sempre:
– troppo presto per giudicare
– aspettiamo almeno qualche mese …
– perché criticare un governo nato da poco? …

In questo modo si permette al Male di consolidarsi e di fare danni sempre maggiori.

I provvedimenti iniziali sono il marchio di un governo, e lo indirizzano in una strada senza ritorno.

Kamillo 54
Kamillo 54
4 Settembre 2021 17:44

la tattica è sempre quella: divide et impera

Miredo
Miredo
4 Settembre 2021 17:44

Probabilmente chi non si piegherá troverà una nuova casa in Ungheria, magari come profugo

Marco Montanari Altini
Marco Montanari Altini
4 Settembre 2021 15:45

… sempre molto interessante, affilato e …fuori dal coro. Grazie dottor Ruggeri.