Nell’emergenza risparmiateci lo Stato etico - Seconda parte

A proposito di manie di persecuzione. I grillini hanno formulato l’ennesima espulsione, ai danni di tale Barillari, complottista da competizione. Una Nemesi. Non sanno gestirsi neanche tra di loro quattro gatti, ma pretendono di gestire il mondo intero con le sgangherate ricette a base di decrescite felici che, all’atto pratico, non fanno felice nessuno. Non sanno arginare (dopo averla sottovalutata), l’emergenza, ma si preoccupano per il futuro che verrà. No, grazie: di che morte morire vorrei continuare a decidere io, nel rispetto di quelle altrui. Non lo stato dei Conte e i Casalino. Grazie, no: la mia libertà residua, non ve la do.

Consapevole che la catarsi non verrà, la palingenesi non verrà: finito tutto questo, torneremo noi, coi nostri enormi vizi, le nostre piccole virtù, le nostre risorse improbabili, le meschinità insondabili e gli slanci eroici. Umani, troppo umani. “Gli uomini non cambiano e i cani non smettono di leccarsi”, dice dr House. Si ripetevano frasi arcobaleno da balcone, “andrà tutto bene“, ma non è andato tutto bene, ci sono decine di migliaia di morti e non dipendono dai nostri peccati occidentali, non si debbono a una punizione divina. Si insiste: “domani saremo migliori”. Ma perché, poi?

Max Del Papa, 26 marzo 2020

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
nuccio viglietti
27 Marzo 2020 21:29

Andrà tutto bene… frase senza senso di solito usata per tacitare bimbi terrorizzati e palesemente impotenti…potenza di smaccata menzogna…bipede idiota ne trae conforto…si rifocilla pronto a schiattare quasi contento…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

wisteria
wisteria
27 Marzo 2020 12:03

Sono d’accordo su tutto , tranne sulla frase “non è una punizione divina”. Per il credente, o meglio per un certo tipo di credente, la pandemia potrebbe essere una punizione divina. Non sta però allo stato occuparsi di ciò e condannarci a una rigenerazione morale che alla fine gli fa comodo. Accettare la sofferenza può essere un esercizio spirituale, da cui peraltro la Chiesa moderna tende a rifuggire, ma lo stato ha altri compiti.

ferdinando
ferdinando
27 Marzo 2020 8:42

Caro Max, UNA CRITICA, lei usa dei termini linguistici molto ricercati, vuole farci sapere che è istruito?

I mali del mondo sono, secondo me, l’esplosione demografica e la questione energetica che ci vede dipendenti dalle fonte fossili.

Ci stiamo preoccupando del pericolo derivante dalla bomba demografica e dell’inquinamento ad essa collegato?? Non mi sembra visto che ci si sta dando tanto da fare per salvare i bambini denutriti invece di cercare di non farli nascere.

Interessi particolari e ideologie bizzarre ci vogliono far credere che il nostro benessere e la felicità l’avremo solo quando saremo mescolati in una solo etnia meticcia con a capo il Papa.  Ci vogliono esseri ubbidenti (le pecore), prive di sentimenti come il risentimento e l’odio il cui unico compito sia quello di nutrirsi e riprodursi sempre restando nei canoni del meticciaggio universale. Saremo felici veramente??

Luca Beltrame
Luca Beltrame
26 Marzo 2020 20:20

Vista l’appartenenza politica del sindaco citato nel post: signore e signori, benvenuti alla destra sociale! (che impazza anche su molti post de IlGiornale.it). Che differenza ha con il socialismo?

Vittorio
Vittorio
26 Marzo 2020 20:15

L’argomento trattato è a me molto caro. Ne condivido ogni carattere con cui è sto scritto.

Abbiamo accettato la graduale sottrazione del sale della nostra vita. Primariamente hanno ucciso la nostra consapevolezza di essere umani. Questa consapevolezza genra, per conseguenza, il senso di responsabilità. L’uomo responsabile riesce ad avere un equilibrio tra diritti e doveri, la legge per costui è un mero corollario. Egli ha bisogno di poche leggi. L’onestà sul lavoro , l’amore per i figli, la buona educazione, il rispetto per gli altri – che gli viene restituito con naturalezza da altri come lui- non gli devono essere comandati con le minacce e le divise.

Lo stato , come gli oggetti geometrici, in natura non esiste. Pertanto questo costrutto della coscienza di massa quanto si fà pervasivamente etico , non può che generare chimere morali che non hanno riscontro con i naturali desiderata degli uomini. I quali si vedono calare dall’alto obblighi,mascherati da bisogni, inventati dal nulla . Bisogni dei quali nessuno, nella calma dela sua esistenza, ha mai sentito come propri e tantomeno incipienti.

Patrizio Data
Patrizio Data
26 Marzo 2020 19:26

Buonasera e grazie per questo bell’articolo.

Sarò breve.

Sia i politici di destra che di sinistra sono degli statolatri.

Utnapishtim
Utnapishtim
26 Marzo 2020 19:12

Certamente è una visione realistica della decadenza del nostro Paese (sperando che sia una fase transitoria: in genere, quando si tocca il fondo c’è speranza di risalita). Certamente occorre stare in guardia affinché qualcuno dei nostri governanti non si faccia venire in testa l’idea di abbandonanrsi a un’orgia, l’orgia del potere. Certamente a qualcuno piace l’idea dello Stato etico e padre padrone. Certamente… Tuttavia – anche se al momento siamo governati da incapaci, vanesi e scappati di casa – si tratta, ricorrendo alla scienza dotata di coscienza, di trovare un rimedio a questa situazione sanitaria che sta mettendo in ginocchio il Paese. Siamo privi di un vaccino, e sembra che un modo per impedire la diffusione del virus, e le perdite di vita umana, sia quello di circoscrivere le zone infette, purtroppo limitando TEMPORANEAMENTE le nostre libertà. Se ci sono altri strumenti, ben vengano. Personalmente, sia pure a malincuore, me ne sto a casa.

Guillermo
Guillermo
26 Marzo 2020 18:48

Grande Max, dici quello che molti pensiamo, ma lo scrivi meglio. Grazie