in

“Obbligo illegale”: la Florida dà un calcio alle mascherine sui mezzi pubblici

La decisione di un giudice americano si scaglia contro il pensiero unico pandemicamente corretto

sentenza mascherine

Dimensioni testo

: - :

Lo sapete: tra i motivi per cui ho scelto Miami per celebrare la prima festa della Ripartenza del 2022, c’è il fatto che la Florida, alla faccia delle nevrosi dei dem della East Coast, è rimasta sempre lo Stato americano più libero dal Covid. Libero, s’intende, dalle follie delle restrizioni prive di efficacia scientificamente dimostrabile e dalle manie del controllo alla Roberto Speranza, che qui in Italia conosciamo bene e che comunque hanno sperimentato pure a New York. Solo che i liberal ipocriti, come Alexandria Ocasio Cortez, appena possibile scappavano proprio nella perenne estate di Miami, a sorseggiare cocktail nei locali apertissimi e senza limitazioni all’ingresso.

Nel Sunshine State, l’ultimo colpo all’impalcatura delle prescrizioni pandemiche è stato assestato ieri: il giudice Kathryn Kimball Mizelle ha dichiarato “illegale” l’obbligo di indossare la mascherina su aerei, treni e altri mezzi del trasporto pubblico, che era stato imposto dai Centers for disease control and prevention. Una svolta salutata con soddisfazione dal governatore repubblicano, Ron DeSantis, sempre ostinatamente contrario al pensiero unico pandemicamente corretto, anche quando ciò gli costava le solite accuse di negazionismo; e che, stando a quanto riportato su Twitter il procuratore attivista per i diritti civili, Scott Hechinger, sarebbe stata accolta tra gli urrà in un aeroporto della Florida, dove era stato appena annunciato ai passeggeri che, in virtù della nuova sentenza, potevano scegliere se imbarcarsi con o senza mascherina.

Il punto è proprio questo: la libertà dal Covid non è anarchia né menefreghismo; è affidamento al buonsenso dei singoli, rispetto del principio della responsabilità individuale. Nessuno proibisce a chi lo desidera di indossare la Ffp2: qui a Miami, ogni tanto, s’intravede persino qualche temerario che gira in bici con la mascherina. Semplicemente, non ci sono obblighi e non ci sono multe. Certo, in questa fase è ormai necessario un allentamento delle barriere, coerente con l’endemizzazione del virus; persino in Italia diversi esperti, da Andrea Crisanti a Maria Rita Gismondi, ammettono che, con Omicron, la mascherina è diventata quasi inutile. Sarebbe ora di abbandonare il feticcio e di riprenderci le nostre vite di prima.