EsteriQuotidiano

Skripal e gli altri: Putin non interferisce, avvelena…

3.4k 0

Si è parlato e si parla di interferenze russe nelle elezioni di diversi Paesi. In primo luogo Vladimir Putin sarebbe entrato a gamba tesa nelle elezioni presidenziali americane che hanno portato alla Casa Bianca Donald Trump e a tale riguardo vi è un’inchiesta in corso negli Stati Uniti, il cosiddetto Russiagate. Ma alla Russia interesserebbero pure le elezioni nei vari Paesi europei dove, usiamo sempre il condizionale, avrebbe già finanziato quei movimenti più funzionali agli interessi geopolitici di Mosca. Al momento non è possibile avere una certezza matematica di tutto ciò e in merito agli USA, pensare che la solida e sostanzialmente funzionante democrazia a stelle e strisce possa essere, diciamo così, hackerata dai pur diabolici agenti di Putin, significa non conoscerla sino in fondo. Il Russiagate, in effetti, non sembra minare la Presidenza Trump.

Tuttavia Vladimir Putin, che è democratico come lo era la Repubblica Democratica Tedesca, la defunta DDR, non va molto per il sottile quando si tratta di difendere ed allargare l’influenza del suo regime in patria e nel mondo. In patria chi osa dare fastidio al Cremlino viene, nella migliore delle ipotesi, ridotto politicamente ai minimi termini ed impossibilitato di fatto ad offrire al popolo russo una qualsivoglia alternativa. Nella peggiore delle ipotesi invece, viene fatto sparire fisicamente attraverso strani incidenti o malori, oppure tramite esecuzioni vere e proprie come accadde alla giornalista Anna Politkovskaja. Nel mondo coloro i quali trovano riparo in altri Paesi, vengono inseguiti fino alle loro nuove residenze e quasi sempre eliminati. Per dare la caccia ai suoi oppositori più insidiosi, Putin non esita a commettere atti ostili verso altre nazioni e a violarne la sovranità. Il presidente russo si porta dietro almeno la macchia dell’avvelenamento di Alexander Litvinenko e della strana morte di Boris Berezovsky.

Ma un altro caso Litvinenko sta venendo alla luce in queste ore. Un ex-agente dei servizi segreti militari russi, Serghei Skripal, è stato trovato privo di sensi su una panchina di Salisbury, una cittadina nel sud del Regno Unito. Giaceva assieme alla figlia, anche lei nelle stesse condizioni del padre. Ora sono entrambi ricoverati in ospedale, lui “in fin di vita”, lei in una situazione definita critica dai medici. Entrambi avvelenati con gas nervino! Pare che Skripal, dopo aver perso la moglie e soprattutto un figlio in un incidente non meglio precisato, temesse per la propria vita. L’ex-agente segreto russo, dopo essere stato in carcere nel suo Paese, accusato di collaborare con il MI6, i servizi segreti britannici, aveva trovato ospitalità nel Regno Unito, andando poi a vivere in una cittadina e mantenendo una posizione defilata. Tuttavia questo personaggio, nonostante avesse optato ormai per una vita più tranquilla, probabilmente lontana dal mondo dei servizi segreti, continuava a dare fastidio a qualcuno. A chi se non alla Russia di Putin? Senza dubbio non infastidiva la Gran Bretagna che l’aveva accolto.

Le autorità britanniche per ora non accusano direttamente il Cremlino: “Qualunque attribuzione faremo in futuro, dovremo essere certi di avere tutte le prove”, assicura il ministro dell’interno Amber Rudd. Ma i sospetti sono molto forti circa il mandante dell’avvelenamento di Serghei Skripal e della figlia. Se Theresa May e il ministro degli esteri britannico Boris Johnson sono giunti a minacciare il boicottaggio da parte del Regno Unito dei Mondiali di calcio in Russia, significa che Scotland Yard ha più certezze che dubbi circa la vicenda. Del resto, il modus operandi è assai simile a quello adottato con Alexander Litvinenko, un’altra spia russa che doveva morire. Chi ritiene, in Italia ed altrove, che Vladimir Putin sia un amico ed un modello da seguire, legga prima la lunga lista di vittime del neo-Zar di Mosca e ci rifletta un po’ su! La Russia è un grande Paese e sarebbe bello se vi fosse un rapporto sciolto ed onesto con l’Occidente, utile a fronteggiare tante emergenze globali, ma fino a quando accadranno episodi di questo tipo, ogni forma di dialogo diventa tremendamente complicata.