Rubriche

3.9k Visualizzazioni

Dal Russiagate all’FBIgate: il memo che smaschera il “deep state” anti-Trump

L’FBI ha usato un dossier non verificato, poi risultato falso, pagato dalla campagna Clinton (e compilato da fonti russe!) per ottenere il mandato a spiare il team del candidato rivale, e poi presidente eletto Donald Trump, omettendo di fornire alla Corte FISA che doveva autorizzare la sorveglianza diverse informazioni chiave per valutare la credibilità del […]

3k Visualizzazioni

Il suicidio della cultura occidentale

Conversazione con Giulio Meotti Giulio Meotti è giornalista del Foglio e autore di diversi libri di approfondimento politico e geopolitico. “Il suicidio della cultura Occidentale. Perché l’Islam radicale sta vincendo”, pubblicato da Lindau, è il suo ultimo lavoro. ADRIANO ANGELINI SUT: Partiamo dal titolo, drammatico se vogliamo. E’ davvero così? Tu dici, l’Occidente è ancora […]

3.2k Visualizzazioni

L’arte di scrivere (anche) per gli altri: la fantastica prova dello speechwriter di Trump

Lo splendido, calibrato, elegante, spiazzante discorso sullo stato dell’Unione pronunciato tre giorni fa da Donald Trump ripropone un tema (e un’arte) troppo spesso dimenticato: lo “speechwriting”. Tranne eccezioni (Churchill in testa), sono stati pochi, nella storia moderna, i leader politici che erano anche leader culturali, portatori di una loro visione e di un loro linguaggio, […]

3.2k Visualizzazioni

Renzi salvo sulle banche grazie alle “provvidenziali” assenze nazarene: bella apertura di campagna elettorale…

Con rare eccezioni, ieri le tv hanno omesso di spiegare la cosa. Stamattina, sui giornali, lo fanno meritoriamente solo poche testate: La Verità, con un eccellente articolo di Claudio Antonelli, La Stampa e Il Fatto (con minore evidenza Libero e altri quotidiani, dove bisogna cercare qualche riga nel corpo degli articoli di cronaca parlamentare). Di […]

3.6k Visualizzazioni

“Farmacisti” già al lavoro per le larghe intese, ma per fare cosa? Gestione del declino e svendita finale

Con la metodica precisione dei vecchi farmacisti (anzi, degli antichi speziali, e della loro antica arte del dosaggio e della combinazione degli elementi chimici), unita al più ruvido talento degli addetti alle campagne acquisti calcistiche, già molti cervelli sono al lavoro per le larghe intese dopo il 4 marzo. O addirittura per le larghissime intese, […]

3k Visualizzazioni

Una catastrofe culturale politicamente corretta

Robert Tracinski è senior writer di The Federalist, l’influente online magazine conservatore/libertario che si prefigge di “discutere sulle basi filosofiche del dibattito del giorno” piuttosto che di occuparsi delle futilità di cui soprattutto si nutrono i soliti Main Stream Media, altrimenti noti come Jurassic press. Il mio programma per la guerra culturale, egli spiegava ieri, […]

3.6k Visualizzazioni

Grammy Awards: dalle stelle a una patetica Hillary

Povera Hillary Clinton, la sua popolarità è talmente ai minimi storici che ogni evento mondano, spettacolare o culturale è buono per cercare di ottenere un po’ di visibilità. I Grammy Awards, i premi per i migliori dischi e musicisti americani del 2017, non poteva proprio mancarli. La sua patetica apparizione a leggere passi da quel […]

2.8k Visualizzazioni

Il segreto di Macron? La Quinta Repubblica

Emmanuel Macron tira le fila della politica europea e si conferma uno dei leader più interessanti della nostra contemporaneità. Frettolosamente venerato dai liberal(i) di casa nostra come colui in grado di salvare l’Unione Europea dai populismi e dall’ormai onnipresente “destra xenofoba e nazionalista”, si sta dimostrando – al contrario – un credibile erede del generale De […]

3.4k Visualizzazioni

I convertiti

Quando leggo di qualcuno che si converte all’Islam provo sempre un senso di agitazione e sconcerto. Quando poi a farlo sono personaggi famosi lo sconcerto diventa terrore. Ultimamente erano girate foto di una irriconoscibile Janet Jackson, intabarrata in un lungo camicione e in un cappuccio nero a coprirle la testa, innamoratissima del suo ricco muslim […]

3.9k Visualizzazioni

Quando i nazisti volevano buttare gli ebrei nel rogo di Baden Baden

“Sul mezzogiorno ebbe inizio una marcia forzata verso la sinagoga. La distanza fra la centrale di polizia e il luogo di culto era piuttosto breve, ma l’itinerario fu intenzionalmente allungato per passare dalle vie principali della città di Baden-Baden. Alla testa del corteo camminavano due anziani membri della comunità che reggevano una stella di David […]