in ,

L’Europa sarà messa in crisi dalla ripresa?

L’Europa che non è stata in grado di gestire la Pandemia, potrebbe esserlo ancora meno nella gestione della ripresa economica? L’Europa potrebbe essere messa in crisi proprio dalla ripresa economica?.

 

Quando finirà l’emergenza pandemica.

Tutti sono concordi che la ripresa sarà forte, molto forte, soprattutto in alcune aere del Mondo. Tuttavia con la ripresa si avvicina un nuovo pericolo, quello legato ai debiti pubblici, soprattutto quelli di alcuni Paesi dell’Area Euro. Italia su tutti.

Così, fanno sapere fonti di Bloomberg, mentre gli investitori si preparano per l’esplosione della crescita, si stanno anche preparando per l’inevitabile conseguenza: il ritiro dei finanziamenti di emergenza della Banca Centrale Europea. 

Il caso più eclatante, è proprio quello italiano, Paese che si dovrà confrontare con forze di mercato difficili da gestire. 

Citigroup Inc. si sta preparando a una riduzione degli acquisti di obbligazioni già a giugno e M&G Investments afferma che è ora di iniziare a ridurre il debito periferico.

Ora i tassi sono ancora bassi, molto bassi.

Un investitore che presta denaro all’Italia per 10 anni può aspettarsi di ricevere solo un interesse di circa lo 0,75%. Le obbligazioni greche, considerate una risorsa spazzatura da tutte e tre le principali agenzie di rating del credito, hanno un tasso inferiore all’1%. Un decennio fa, la crisi del debito dell’area dell’euro ne aveva spinto i rendimenti oltre il 40%.

Ma questi tassi sono generati dall’azione della BCE che, con la ripresa fino a che punto potrà continuare? In settimana, Christine Lagarde, governatore della BCE, ha detto che sarebbe “prematuro” parlare di allentamento del sostegno, tuttavia, il dibattito su cosa fare e quando potrebbe essere alle porte. Da indiscrezione riportate sempre da Bloomberg, alcuni responsabili politici sono pronti a sostenere alla riunione di giugno che il programma di acquisto di emergenza in caso di pandemia dovrebbe iniziare a essere ridimensionato nel terzo trimestre.

 

L’Europa è vulnerabile alla ripresa.

Senza il sostegno di emergenza, l’attenzione tornerà sul debito in Grecia, Italia e Spagna, debito che è aumentato ulteriormente nel 2020 a causa delle necessità dettate dalla situazione sanitaria e della spesa per la crisi, tale debito potrà mai essere portato sotto controllo?

Si ottiene l’eliminazione temporanea del rischio di credito nei titoli sovrani europei solo in caso di emergenza – dicono da M&G.- Il problema è che quando esci dall’emergenza, torni al confronto con le forze di mercato, nel proprio mercato obbligazionario e alcuni Paesi hanno numeri che sembrano davvero, davvero pessimi. L’Europa è vulnerabile alla ripresa.

Il rischio è che sarebbe quanto mai gravoso il processo per tornare da questo ambiente di forte stimolo a uno di rettitudine fiscale”, ha detto. “I fondamentali sono pessimi per alcuni di questi paesi”.

Per ora, gli Stati membri dell’Unione europea si stanno preparando a spendere i soldi dei Ricovery Fund. Il primo ministro italiano Mario Draghi, l’ex presidente della Bce accreditato di aver salvato l’euro durante l’ultima crisi del debito, ha in programma di riprogettare l’economia italiana con oltre 200 miliardi di euro di fondi.

Ma mentre questo stimolo aiuterà la ripresa, la domanda è se genererà una crescita sostenuta abbastanza forte da eliminare in modo significativo l’enorme ammontare del debito italiano, attualmente circa il 160% della produzione economica (PIL). 

 

Fitch Ratings ha avvertito che il rapporto debito / PIL della Grecia rimarrà al di sopra del 200% quest’anno e qualsiasi mancata riduzione potrebbe portare a un’azione di rating negativa.

 

E per l’Italia cosa decideranno di fare?

 

Un’altra questione chiave è quando l’UE potrebbe reimporre le regole fiscali – che sono state sospese durante la pandemia – e quale forma assumeranno. 

Per la BCE la vera sfida sarà nel definire una politica monetaria per 19 paesi che hanno condizioni economiche, inflazionistiche, di disoccupazione e di debito notevolmente diverse. Se iniziano a irrigidirsi le posizioni all’interno dell’Unione, proprio a causa di queste differenti velocità, le nazioni periferiche saranno quelle che perdendo terreno, rendono più difficile rifinanziare i loro enormi deficit.

 

 

Leopoldo Gasbarro

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Nella
Nella
26 Aprile 2021 16:50

Io direi che

L’ITALIA CONTINUERA’ AD ESSERE IN
CRISI dalla
NON RIPRESA!!!!

stefano
stefano
24 Aprile 2021 19:30

Alle prossime UNICO VOTO GIUSTO ITALEXIT – PARAGONE