Zuppa di Porro: rassegna stampa del 29 luglio 2020

“Negazionisti” del virus? Siamo alla psicopolizia

Condividi questo articolo


00:00 Il governo si blinda fino a ottobre con i 157 parlamentari che hanno votato lo stato di emergenza.

03:40 Nel frattempo der Komissar Arcuri è riuscito a fare un inutile bando per i banchi con le rotelle che, come ci spiega Capone sul Foglio, ha deciso poi di modificare…

05:20 Il ministro per i rapporti con il Parlamento D’Incà, a proposito del convegno sul Covid tenutosi al Senato e al quale ho partecipato anche io e per il quale siamo stati definiti negazionisti, si permette di dire che “è stata una follia, dobbiamo ricordare i morti…”  Siamo alla psicopolizia.

10:10 Intanto Il Messaggero si occupa della questione lombarda e del governatore Fontana indagato tralasciando di parlare di Zingaretti e dello scandalo mascherine da 13 milioni di euro.

11:50 Questione immigrati, sindaci siciliani in rivolta per le nostre coste invase…

12:55 Economia, Intesa conquista Ubi

13:35 Solo il Quotidiano Nazionale si accorge che ci sono stati, per i monopattini tanto incentivati e strombazzati, 75 incidenti in poco meno di due mesi.

13:50 Facebook, Google, Amazon e Microsoft verranno controllati dal Congresso americano per capire se abusano del loro potere

14:00 Secondo il Wall Street Journal Instagram starebbe comprando dei creators di Tik Tok

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


7 Commenti

Scrivi un commento
  1. Condivido ed osservo.

    Come per medici, scienziati, personaggi dello spettacolo e cultura vittime di ostracismo calcolato e derisione mediatica per il loro atteggiamento critico e prudenziale verso l’OBBLIGO vaccinale (non verso i vaccini come oggetto di possibilità di prevenzione).

    I più feroci inquisitori restano Burioni, Ricciardi, Lopalco, Pregliasco, e politici come la Lorenzin e la Grillo.

    Esattamente il tipo di trattamento riservato a chi ha avuto l’esperienza di un figlio vaccinato e gravemente danneggiato, ed ora chiede di capire e conoscere. Cautela ed esami personalizzati. Verifica della sicurezza e della necessità.
    Non contro l’idea del vaccino, ripeto, ma in ordine a un obbligo di massa e indiscriminato.

    Quelli che tanti -sbagliando- pregiudizialmente chiamano Negazionisti della utilità dei vaccini (No-vax), si riferiscono da ignoranti, a genitori che nella stragrande maggioranza dei casi, hanno avuto fiducia, sottoposto volentieri i figli alle vaccinazioni obbligatorie e non, e poi son stati lasciati soli, in un inferno a vita.

    E quanti sono i danneggiati? una strage di innocenti sconosciuti: perché l’iter per il riconoscimento è una sfida ai limiti dell’impossibile e ognuno si piange i suoi. Tuttavia una delle ultime risposte “ufficiali” risale al Ministro Lorenzin 2015 [ http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindispr⋚=17&id=937854 ]
    Per stare stretti stretti, ad una parte della interrogazione, alla data del 31 marzo 2015, i beneficiari dell’indennizzo aggiuntivo, in quanto riconosciuti danneggiati da vaccinazioni obbligatorie, sono 609, mentre vi sono 22 soggetti che ne hanno beneficiato, ma la cui posizione è stata chiusa a seguito di decesso.
    E’ chiaro che là ci sono oltre SEICENTO germi di intere famiglie, amici e conoscenti di futuri “no-vax”.. Ma tanto a quelli che fan gli splendidi burionizzati, i figli ad ora sono vivi e vegeti..

    Ma finché non tocca la propria pelle, o la propria libertà(!), le persone vengono bollate e derise come no-vax.. finché poi..appunto..non accade a noi.
    A voi, i No-Covid..

  2. Come per medici, scienziati, personaggi dello spettacolo e cultura vittime di ostracismo calcolato e derisione mediatica per il loro atteggiamento critico e prudenziale verso l’OBBLIGO vaccinale (non verso i vaccini come oggetto di possibilità di prevenzione).

    I più feroci inquisitori restano Burioni, Ricciardi, Lopalco, Pregliasco, e politici come la Lorenzin e la Grillo.

    Esattamente il tipo di trattamento riservato a chi ha avuto l’esperienza di un figlio vaccinato e gravemente danneggiato, ed ora chiede di capire e conoscere. Cautela ed esami personalizzati. Verifica della sicurezza e della necessità.
    Non contro l’idea del vaccino, ripeto, ma in ordine a un obbligo di massa e indiscriminato.

    Quelli che tanti -sbagliando- pregiudizialmente chiamano Negazionisti della utilità dei vaccini (No-vax), si riferiscono da ignoranti, a genitori che nella stragrande maggioranza dei casi, hanno avuto fiducia, sottoposto volentieri i figli alle vaccinazioni obbligatorie e non, e poi son stati lasciati soli, in un inferno a vita.

    E quanti sono i danneggiati? una strage di innocenti sconosciuti: perché l’iter per il riconoscimento è una sfida ai limiti dell’impossibile e ognuno si piange i suoi. Tuttavia una delle ultime risposte “ufficiali” risale al Ministro Lorenzin 2015 [ http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindispr⋚=17&id=937854 ]
    Per stare stretti stretti, ad una parte della interrogazione, alla data del 31 marzo 2015, i beneficiari dell’indennizzo aggiuntivo, in quanto riconosciuti danneggiati da vaccinazioni obbligatorie, sono 609, mentre vi sono 22 soggetti che ne hanno beneficiato, ma la cui posizione è stata chiusa a seguito di decesso.
    E’ chiaro che là ci sono oltre SEICENTO germi di intere famiglie, amici e conoscenti di futuri “no-vax”.. Ma tanto a quelli che fan gli splendidi burionizzati, i figli ad ora sono vivi e vegeti..

    Ma finché non tocca la propria pelle, o la propria libertà(!), le persone vengono bollate e derise come no-vax.. finché poi..appunto..non accade a noi.
    A voi, i No-Covid..

  3. Sì caro Porro, è tutto ribaltato, ed il suo sfogo è privo di senso.
    Neanche adesso che subisce lo stesso trattamento di Tarro etichettato come “no vax” capisce da che parte stanno i cialtroni, e che strumenti usano?
    Lo sa che D’Incà, coerentemente con personaggio, narrazione, e schema, è il contrario di un “no vax” da anni?
    Ad esempio (2017): https://www.ilgazzettino.it/nordest/belluno/lorenzin_vaccini_caso_folle_un_intera_comunita_a_rischio-2420427.html

    Le faccio uno schemino:
    -i cialtroni etichettano come “estremista” chiunque non si pieghi al giornale unico della dittatura sanitaria.
    -gli estremisti sono i sostenitori della dittatura sanitaria.
    -le persone razionali, di buon senso, e di cultura, sono quelle che non si bevono acriticamente la propaganda della dittatura sanitaria, ma tengono il cervello acceso.
    -tutto questo avviene *a sproposito*: il suo sbraitare in questo sfogo contro un target completamente sbagliato è identico a chi sbraita contro i “negazionisti” del convegno al senato.
    Identico.
    Rifletta, perchè temo ne abbia davvero bisogno.

  4. Il termine negazionista mi fa infuriare. Si può essere benissimo critici di come è stato gestito tutto senza far parte del gruppo di persone che crede che il 5G sia la fonte di questa malattia. Ancor di più se si prendono le distanze dagli estremi di ambo i campi.

    • Chi la fa l’aspetti: se si usano questi metodi contro chiunque osi dissentire, senza dire scemenze ma ragionando, è probabilmente meritato ricevere lo stesso trattamento e quindi tale appellativo.
      Vale per lei come per Porro.

  5. caro Nicola, questo di oggi è l’unico vero obnubilamento. il famoso voto su ruby era semplicemente la DIFESA più che legittima della MAGGIORANZA PARLAMENTARE del potere esecutivo attaccato dalla MAGISTRATURA EVERSIVA PALAMARALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *